CORONAVIRUS

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Coronavirus: Pisauro (Usb), decreto Cura Italia esclude 1,1 milioni di lavoratori precari (2)

Roma, 26 mar 18:57 - (Agenzia Nova) - "Come già osservato in seguito alla crisi globale finanziaria del 2008 - sottolinea la nota di sintesi - durante le recessioni profonde crescono i vincoli di liquidità di famiglie e imprese e si amplia la capacità produttiva inutilizzata dalle aziende che non fuoriescono dal mercato. In tali condizioni i moltiplicatori d'impatto della spesa tendono ad essere più elevati rispetto a quelli normalmente stimati linearmente sulla media dei dati storici. Nel caso della recessione in corso, caratterizzata anche da temporanee restrizioni all'attività d'impresa, la capacità produttiva delle aziende bloccate è al momento inutilizzabile, tuttavia gli stimoli fiscali potranno limitare le cessazioni d'impresa, che indebolirebbero la futura ripresa". Quanto agli effetti finanziari del decreto "Cura Italia", gli interventi previsti dal determinano - secondo le previsioni dell’Upb per il 2020 - un peggioramento dell’indebitamento netto di 19.959 milioni di euro e del saldo netto da finanziare di 24.786 milioni. Sul biennio successivo gli effetti sono considerati "sostanzialmente nulli". (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..