REGIONE PIEMONTE
Mostra l'articolo per intero...
 
Regione Piemonte: Rosso, lezioni sui diritti civili nelle scuole superiori
 
 
Torino, 12 set 14:41 - (Agenzia Nova) - Questa mattina, 12 settembre, si è tenuta la riunione periodica dei dirigenti della Rete regionale antidiscriminazioni, per la prima volta alla presenza dell’assessore ai Diritti civili, Roberto Rosso, che ha voluto dedicare parte dell’incontro a esplicitare i temi su cui vorrebbe lavorare nel corso del suo mandato e su cui ha chiesto, e ottenuto, la collaborazione degli intervenuti. Il primo, già annunciato, riguarda il rispetto della normativa sull’inserimento lavorativo dei disabili, che Rosso vuole arrivare a fare applicare innanzitutto negli enti pubblici. Il secondo riguarda la condizione della donna nel modo islamico, secondo Rosso sottoposta a discriminazioni che non sono frutto di precetti religiosi, ma di sovrastrutture culturali, che del resto non sono mancate neppure nel cattolicesimo, e che possono essere superate con il dialogo “Quando ero vicesindaco di Trino - ha affermato l’assessore - ho conosciuto bene e lavorato con profitto con la comunità islamica, fra cui ho molti amici. All’epoca ho notato come durante la preghiera le donne fossero relegate in uno stabilimento senza finestre, collegate in streaming con la moschea dove stavano gli uomini. Io ho riconosciuto ufficialmente la moschea come luogo di culto, ma ho preteso che, pur nel rispetto dei precetti di quella fede, non ci fossero segregazioni. Così come ho introdotto delle multe per chi indossava il burqa, che non trova riscontro in nessuna parte del Corano. Io credo che introducendo un dialogo costruttivo con gli imam e con le comunità musulmane si riesca a fare dei passi in avanti sul fronte della parità dei sessi, come prevede la Costituzione, naturalmente nel rispetto dei loro precetti religiosi”. (segue) (Rpi)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..