CORONAVIRUS

 
 
 

Coronavirus: militari russi giunti a Bergamo, laboratori potranno diagnosticare anche altre malattie

Milano, 26 mar 19:16 - (Agenzia Nova) - Il laboratorio a disposizione delle forze russe arrivate a Bergamo permette di diagnosticare non solo il Covid-19, ma anche altre malattie. Lo ha affermato il generale russo Sergej Kikot, nel corso del briefing con le autorità locali tenutosi oggi a Bergamo. Esponendo le forze e i mezzi giunti nella città della Lombardia, Kikot ha evidenziato come siano presenti otto squadre mediche e infermieristiche. “Ogni squadra comprende un medico generico, un anestesista-rianimatore, un epidemiologo, un'infermiera anestesista e, inoltre, un'unità militare dotata di sistemi ad alte prestazioni unici per la disinfezione”, ha spiegato il generale russo. Inoltre, il laboratorio consente di diagnosticare non solo le infezioni da coronavirus, ma anche altre malattie. Il console generale della Federazione Russa a Milano, Aleksander Nurizade, ha ricordato come le autorità di Mosca e di Roma siano sempre pronte a venirsi in soccorso reciprocamente. “Lavoro in Italia da molto tempo, conosco abbastanza bene la storia dei nostri legami bilaterali”, ha detto Nurizade, facendo riferimento alle diverse occasioni in cui l’amicizia fra i due popoli si è tradotta in attività di soccorso. “Così è stato nel 1908 a Messina, quando i marinai russi vennero per la prima volta in soccorso, per aiutare gli abitanti della città dopo un terribile terremoto. Allo stesso modo nel dicembre 1988, a Spitak, gli italiani vennero in soccorso, ricostruendo edifici, dopo il terremoto in Armenia”, ha affermato il console generale. I sistemi di Protezione civile dei due paesi hanno lavorato fianco a fianco anche nel 2009, all’Aquila, ha aggiunto Nurizade. Alla riunione a Bergamo ha presenziato anche il sindaco della città, Giorgio Gori. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..