Yemen: uomini armati sabotano gasdotto a Shabwa nel sudovest del Paese

Secondo quanto riferito dall’emittente panaraba “Al Arabiya”, testimoni locali hanno confermato che l’esplosione è avvenuta nella zona di confine amministrativo tra i distretti di Mayfa'a e Rudum

Yemen - ribelli Houthi

Un gruppo di uomini armati non identificati ha sabotato un gasdotto nell’area desertica di Al Nashima, nel governatorato di Shabwa, nel sud-est dello Yemen. Nel dettaglio, fonti locali hanno riferito che l’operazione di bombardamento ha preso di mira il gasdotto che si estende dai campi della Safer Company nel governatorato di Marib al terminal per l’esportazione di Gnl (gas naturale liquefatto) di Balhaf per l’esportazione sulla costa del governatorato di Shabwa. Entrambe sono zone controllate dal governo riconosciuto di Aden, ma che subiscono costanti attacchi da parte dei ribelli sciiti Houthi che hanno il controllo della capitale Sana’a e del nord del Paese. Secondo quanto riferito dall’emittente panaraba “Al Arabiya”, testimoni locali hanno confermato che l’esplosione è avvenuta nella zona di confine amministrativo tra i distretti di Mayfa’a e Rudum a Shabwa, con fiamme che sono state viste da diversi chilometri di distanza. Il gasdotto era fuori servizio da anni. La rete di oleodotti e gasdotti per il trasporto di gas in forma liquida nel governatorato di Shabwa è costantemente esposta a una serie di esplosioni e atti di sabotaggio che provocano grandi perdite di petrolio e gas.

Lo Yemen non è mai stato un grande produttore di petrolio, in particolare rispetto ai suoi vicini arabi e iraniani, ma ha prodotto più di 400 mila barili al giorno all’inizio degli anni 2000, contribuendo ad aumentare le entrate dell’economia più povera del Medio Oriente. Dal 2015, tuttavia, la produzione è scesa al di sotto di 100 mila barili al giorno e nel 2021 si è attestata intorno ai 50-57 mila barili. Situato all’estremità meridionale della Penisola arabica, lo Yemen, vanta riserve accertate di idrocarburi pari a circa 3 miliardi di barili di greggio e 17 mila miliardi di pedi cubi di gas, secondo la US Energy Information Administration. Il suo principale grado di esportazione del petrolio è il light sweet Masila, con un contenuto di zolfo dello 0,51 per cento e un Api (misura del peso specifico del petrolio rispetto all’acqua) di 34,10 gradi ed esporta anche volumi minori di Marib Light extra leggero. La Cina è il principale acquirente di greggio yemenita. Senza una presenza significativa di raffinerie, il Paese dipende dalle importazioni di prodotti raffinati da Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Russia e Iraq per il suo fabbisogno di benzina e diesel. Per quanto riguarda, il gas, nel Paese era stato avviato il progetto Yemen Lng, in cui TotalEnergies detiene una partecipazione del 39,62 per cento, ma la produzione è stata interrotta nel 2015 a causa della guerra. L’impianto di capacità di produzione di 6,7 milioni di tonnellate all’anno di Gnl è stato messo in “modalità di conservazione”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram