Yemen: fonti Houthi, uccisi 9 leader sciiti durante gli scontri con le forze filogovernative

Dopo il mancato rinnovo della tregua mediata dalle Nazioni Unite, il 2 ottobre, le forze yemenite e dalla coalizione internazionale a guida saudita, e i ribelli Houthi hanno ripreso a scontrarsi su più fronti

Yemen - ribelli Houthi

Nove leader delle milizie sciite Houthi sono stati uccisi nel corso dei recenti scontri con le forze filogovernative, coadiuvate dalla coalizione internazionale a guida sciita, su diversi fronti in Yemen. Lo riferisce l’emittente “Al Arabiya”, precisando che sono stati gli stessi Houthi a diffondere la notizia dei funerali dei membri uccisi, tra cui ufficiali e colonnelli. A detta dell’emittente, nei giorni scorsi, il gruppo sciita è stato protagonista di violente battaglie. Una delle più intense è scoppiata sugli assi di Yafa e Karsh nel governatorato di Lahj, nel sud-ovest dello Yemen. Le tensioni si sono estese anche sui fronti di Taiz e sulla costa occidentale.

Dopo il mancato rinnovo della tregua mediata dalle Nazioni Unite, il 2 ottobre, le forze yemenite e dalla coalizione internazionale a guida saudita, e i ribelli Houthi hanno ripreso a scontrarsi su più fronti. Nei giorni scorsi, l’inviato speciale dell’Onu, Hans Grundberg, ha riferito che continua a consultarsi con le parti coinvolte nel conflitto civile yemenita non solo per ripristinare la tregua, ma anche per trovare una soluzione che porti alla fine della guerra. L’inviato, oltre a esprimere preoccupazione per i violenti incidenti delle ultime settimane, ha evidenziato la necessità di affrontare immediatamente le questioni umanitarie ed economiche “per evitare un ulteriore deterioramento delle condizioni dei civili”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram