Banner Leonardo

Violenza sulle donne: i numeri a Roma e nel Lazio, domani attesi in migliaia al corteo

Oggi nella Capitale si sono svolte numerose iniziative

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Quest’anno, a differenza dei precedenti, per la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”, enti di ricerca, sindacati, istituzioni a Roma e nel Lazio hanno prodotto molti più numeri, dati, proposte del solito. È emerso che nel Lazio negli ultimi cinque anni si sono registrati 59 femminicidi e 2.530 violenze sessuali contro le donne, stando ai numeri delle denunce elaborati da Eures per la Uil locale. Il picco massimo di stupri è stato registrato lo scorso anno: 566 su tutto il territorio, di cui 465 a Roma e che fanno registrare alla Capitale una crescita del 25 per cento degli stupri rispetto al 2021. Rielaborati, con una media ponderata, i numeri restituiscono il volto più preoccupante del fenomeno nella Capitale: 1,3 donne stuprate al giorno e 11 stupri ogni 100 mila abitanti. I dati fanno il paio con molti altri. Innanzitutto quelli del dipartimento comunale per le Pari opportunità. Tra il 2021 e il 2022 le strutture residenziali romane dedicate alle donne vittime di violenza e ai loro figli hanno registrato un aumento del 42,5 per cento di presenze. Alla fine dello scorso anno le donne seguite dai servizi anti violenza, nello stesso periodo, erano il 19,5 per cento in più degli anni precedenti per un totale di 3.214: di queste, 2.066 erano quelle prese in carico dagli assistenti, professionisti e operatori sociali.


E per l’anno in corso, al 31 ottobre, nei Centri anti violenza della Capitale, già si contano 2.252 donne con percorsi di fuori uscita dalla violenza. Non va meglio – o forse va meglio perché si denuncia di più – nelle aule di giustizia. Il tribunale di Roma in un anno ha registrato mille processi penali in più per reati riconducibili alla violenza sulle donne e al Codice rosso: tra il primo luglio 2022 e il 30 giugno 2023, sono stati aperti 6.065 nuovi procedimenti contro i 5.121 dello stesso periodo dell’anno precedente. E se infine si esce dal campo dei reati e si guarda all’affermazione e al diritto all’emancipazione personale, secondo i dati messi a sistema dalla Cgil locale, le lavoratrici del Lazio sono mediamente più povere e più disoccupate degli uomini. La differenza maggiore si registra nel settore pubblico dove a fronte di una media dei guadagni che per gli uomini si assesta a 41.943 euro l’anno, le donne si fermano a 31.549 euro: sul dato incidono più variabili, tra cui la più alta percentuale di contratti part time tra le donne.

Oggi a Roma si sono svolte numerose iniziative. Il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca oggi ha preso parte a un convegno al consiglio regionale e ha fatto sapere che sono stati impegnati oltre 4 milioni di euro per le attività contro la violenza sulle donne. La giunta regionale ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e di informazione, relativa ai principali servizi regionali finalizzati alla promozione di politiche integrate di prevenzione e contrasto a questo dramma. Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha ottenuto da Atac il ritiro dal processo per la riacquisizione dell’immobile in cui è nata l’esperienza di Lucha y Siesta, una casa per donne vittime di violenza. E domani inaugurerà a Grottaferrata una struttura per la semi autonomia, sarà dedicata a Giulia Cecchettin, la 22enne uccisa a Vigonovo. Alla Camera di commercio di Roma è stata inaugurata una mostra fotografica per sensibilizzare sulla violenza di genere e sulle sue conseguenze, nonché sulla necessità di denunciare. All’università La Sapienza è stata lasciata una sedia vuota nelle aule in prima fila in memoria delle vittime. Domani a Roma proseguiranno gli eventi ma quello più importante è alle 14, al Circo Massimo, dove sono attese migliaia di persone per il corteo di “Non una di meno”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

incendio valencia

Grattacielo in fiamme a Valencia: persone intrappolate nell’edificio, ci sono feriti – video

L'incendio è partito da uno dei piani terra ma si è rapidamente propagato lungo tutta la facciata

Per i neopatentati il divieto di guida di auto sportive sale a tre anni

Lo specificano fonti del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, smentendo quanto riportato da alcuni siti di informazione sul nuovo Codice della strada

Cultura: da Baglioni all’Eur al “Panini Village” a San Giovanni, gli eventi a Roma

Il fine settimana ormai alle porte offre nella Capitale un ricco calendario di eventi culturali. Teatro, danza, musica, cinema, arte: l'offerta è rivo...

Tajani: “La morte di Navalnyj è un omicidio politico commesso dal regime di Putin”

"Dietro l’uccisione dell’oppositore russo c’è sempre stata una volontà politica”

Altre notizie

Iraq, il presidente del Kurdistan Barzani: “Le milizie filo-iraniane sono più pericolose dello Stato islamico̶...

"Le cellule dell’Is occupavano un terzo dell’Iraq e noi conoscevamo bene quei fronti di battaglia, ma i combattenti filo-iraniani sono un nemico interno"

Mattarella da lunedì a Cipro: rapporti bilaterali e Mediterraneo al centro della visita

Un appuntamento significativo, non solo perché si tratta della prima visita ufficiale di un capo di Stato italiano sull’isola ma anche per l’importanza che riveste oggi il Mediterraneo orientale, alla luce della situazione geopolitica
germania

L’appello della Conferenza episcopale tedesca: “Non votare per l’estrema destra”

Per i vescovi i cristiani non possono impegnarsi né essere eletti nei partiti della destra radicale

Brasile: l’inchiesta su Bolsonaro fa lievitare la tensione, si preparano arresti tra generali dell’esercito

Mentre si avvicina l’ora della convocazione, fonti di stampa hanno reso noto che l’esercito sta preparando, a Brasilia, delle celle speciali
verde caldo parco sempione

Roma: 100 nuovi parchi in periferia in dieci anni, i primi 50 entro il 2026

Il piano è stato illustrato oggi in Campidoglio