Banner Leonardo

Violente proteste a Dublino, nella notte ripristinato l’ordine – video

Petardi e razzi sono stati lanciati contro gli agenti in tenuta antisommossa

Dublino
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

A Dublino è “tornata la calma”, dopo ore di disordini e violenze innescati dall’accoltellamento di cinque persone, inclusi tre bambini, all’uscita da una scuola primaria nel quartiere centrale di Parnell Square East. Proprio sul sito dell’aggressione, chiuso e presidiato dalle forze dell’ordine, era iniziata nel pomeriggio di ieri una manifestazione di protesta da parte di alcune centinaia di persone, che esibivano bandiere nazionali e scandivano slogan come “Irish lives matter” (“Le vite degli irlandesi contano”). La tensione è presto degenerata in tafferugli con le forze dell’ordine, che hanno visto coinvolta una parte dei manifestanti, alcuni dei quali a volto coperto. Petardi e razzi sono stati lanciati contro gli agenti in tenuta antisommossa, e attorno alle ore 19 (le 18 in Italia) un’auto della polizia è stata data alle fiamme.

Le forze dell’ordine hanno effettuato diverse cariche per disperdere i manifestanti, ma i disordini si sono propagati alla centralissima O’Connell Street, dove sono stati dati alle fiamme anche un’automobile, un autobus e una fermata del tram di Dublino (Luas), e dove diverse vetrine sono andate in frantumi. Gli agenti di polizia sono intervenuti anche nella vicina Henry Street, nota via dello shopping, per fermare il saccheggio di un negozio di scarpe. Le violenze, domate nella notte, sono state condannate dalla ministra della Giustizia Helen McEntee e dal commissario della polizia Drew Harris. Quest’ultimo ha imputato le violenze e i saccheggi a “una fazione di fanatici e teppisti guidati da un’ideologia di estrema destra”.


La polizia nazionale irlandese (Garda) ha diffuso frattanto alcune informazioni preliminari in merito al responsabile dell’aggressione che ieri ha innescato le proteste: si tratterebbe di un 40enne “irlandese naturalizzato”, che vive nel Paese da circa 20 anni. L’uomo, armato di coltello, ha ferito cinque persone, tra cui tre bambini, nei pressi della scuola primaria Gaelscoil Colaiste Mhuire, nel centro di Dublino, prima di essere bloccato e disarmato da alcuni passanti. L’aggressione è avvenuta poco prima delle 14 (ora locale). Due dei feriti, e in particolare una bambina di nove anni, versano in condizioni gravi. Le autorità stanno cercando di verificare il movente dell’attacco, e al momento non escludono alcuna ipotesi.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

antonello venditti

A 40 anni da “Notte prima degli esami” a Venditti la Lupa capitolina

Il cantautore festeggerà il compleanno di "Notte prima degli esami" con tre concerti alle Terme di Caracalla

Trenitalia fa marcia indietro: non ci sarà alcun regolamento su bagagli, monopattini e biciclette a bordo

La comunicazione delle nuove direttive che sarebbero partite nella giornata di domani aveva scatenato polemiche
vertice balcani

Balcani: a Tirana il vertice regionale incentrato sul piano Ue di crescita e convergenza

La Commissione europea ha previsto un budget di sei miliardi di euro per lo sviluppo economico dei Paesi dei Balcani occidentali, con l’obiettivo di u...

Ciad: sette morti tra forze dell’ordine e aggressori nelle violenze di ieri

Per quasi un'ora i soldati hanno forzato con le armi l'ingresso di un edificio nel quartiere di Klemat, provocando numerose esplosioni

Spagna: il caso Koldo scuote il Partito socialista del premier Sanchez

Il Tribunale nazionale sta conducendo un'articolata indagine su un presunto piano per riscuotere commissioni illegali nei contratti di acquisto di materiale sanitario nei primi mesi della pandemia di Covid-19

Altre notizie

Australia e Filippine firmano accordi su difesa e sicurezza marittima

Alla cerimonia hanno preso parte il primo ministro australiano Anthony Albanese e il presidente delle Filippine Ferdinand Marcos Junior

Iran, l’analista a Nova: “Le elezioni di domani saranno un referendum sulla Repubblica islamica”

Secondo Nima Baheli "queste elezioni si svolgono in un contesto di crescente crisi di legittimità interna, che si è acuita con la morte di Mahsa Jina Amini nel 2022 e con le proteste che ne sono conseguite”

Piantedosi alle Camere sugli scontri a Pisa: “Sempre garantite le libertà costituzionali”

Il ministro difende le Forze dell'ordine: "Si tratta di servitori dello Stato e lavoratori che svolgono un ruolo fondamentale a presidio della sicurezza e della legalità"
Macron

Ucraina, Macron: “Le mie parole sulla guerra sono pesate e misurate”

Per il presidente francese si tratta di "temi sufficientemente gravi". Il Cremlino: "Danni irreparabili alla sicurezza e alla stabilità nel continente da queste dichiarazioni"