Verso un nuovo scostamento di Bilancio: sarà pari o superiore al precedente

Mef def

Un nuovo scostamento di Bilancio, pari o superiore al precedente, per sostenere l’economia e le imprese. È quanto si prepara a chiedere il governo per finanziare il decreto Sostegni bis. “Il decreto non è ancora costruito, manca ancora la cifra del nuovo scostamento di Bilancio. Sarà pari o qualcosa in più del precedente, lavoriamo su queste cifre”, ha spiegato stamattina il sottosegretario all’Economia, Claudio Durigon (Lega), ai microfoni di “24Mattino” su Radio24, sottolineando di sperare di “arrivare ad una cifra maggiore” rispetto ai 32 miliardi del precedente. La previsione del nuovo scostamento di Bilancio sarà contenuta nel Documento di economia e finanza (Def), che arriverà nei prossimi giorni in Consiglio dei ministri. Proprio il Def e il nuovo scostamento di Bilancio sono stati i temi al centro di un incontro, ieri a palazzo Chigi, tra il presidente del Consiglio, Mario Draghi, e il ministro dell’Economia, Daniele Franco.

Ad anticipare che il nuovo decreto sarà maggiore del precedente è stato lo stesso Draghi in conferenza stampa l’8 aprile scorso: “Sullo scostamento è previsto che il ministro Franco presenterà prima il Def in cui sarà definito lo scostamento che il Parlamento dovrà votare. Poi presenteremo il decreto che conterrà sostegni e misure economiche per le riaperture. La dimensione del decreto – ha chiarito Draghi – sarà maggiore di quella passato”. Nel frattempo, proseguono i lavori sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che dovrà arrivare sul tavolo della Commissione entro il 30 aprile. Parlando nella conferenza stampa in occasione della seconda riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle Banche Centrali del G20, Franco ha confermato che il governo prevede di consegnare alla Commissione europea il Pnrr “per la fine del mese di aprile”.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram