Banner Leonardo

Urso (Copasir): “L’Europa è nel mirino delle autocrazie perché difende la libertà di espressione”

"Già prima dell'invasione dell'Ucraina, ci era arrivato l'invito europeo ad agire contro la penetrazione straniera, nello specifico russa e cinese, tesa a condizionare le nostre democrazie", ha aggiunto il presidente del Comitato parlamentare

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Tutto sembra passare dal Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica presieduto da Adolfo Urso (FdI), e dagli approfondimenti su tecnologia, spionaggio e attività di disinformazione russa e cinese in Italia. Due giorni fa è stato audito il Segretario generale della Difesa e direttore nazionale degli armamenti, generale Luciano Portolano; ieri il direttore dell’Aisi, Mario Parente, oggi sarà la volta dell’Autorità della privacy e dell’ad Rai Carlo Fuortes e tra una settimana del presidente Agcom Giacomo Lasorella. Urso ribadisce al “Foglio”, a proposito di informazione, che l’intento “non è certo quello di comprimere la libertà di stampa, anzi”. E dice che il Copasir agisce anche “su impulso delle istituzioni europee: l’indagine sulla disinformazione fa seguito ai 13.416 casi censiti dal 2016 in poi del database della task force dello European External Action Service della Ue”. L’Europa, spiega il presidente, “è nel mirino delle autocrazie perché difende il diritto alla libera espressione delle opinioni. Il focus del Copasir, organismo bipartisan che agisce all’unanimità e con massima libertà al suo interno, pur nella riservatezza verso l’esterno, ha come obiettivo la difesa dei pilastri delle nostre democrazie, in un momento in cui paesi non democratici cercano di condizionarci attraverso tecnologia, social network e diffusione di fake news”. Fin dalla prima relazione al Parlamento in questa legislatura, quando il Copasir era presieduto da Lorenzo Guerini, “non a caso ci si è soffermati sul tema della sicurezza cibernetica e sulla necessità di vigilare su tecnologia cinese e 5G. Cina e Russia stanno usando la rete e non solo per attuare una politica di potenza, motivo per cui abbiamo chiesto di estendere il golden power prima alle Tlc e poi anche al settore finanziario, bancario e assicurativo. E a infrastrutture, spazio, siderurgia, energia, sanità e transizione ecologica, persino agli elementi critici della catena alimentare”.


“Tanto più che, – aggiunge il presidente – già prima dell’invasione dell’Ucraina, ci era arrivato l’invito europeo ad agire contro la penetrazione straniera, nello specifico russa e cinese, tesa a condizionare le nostre democrazie, e a sviluppare in questo campo una maggiore resilienza del sistema di informazione e più in generale del paese. Eravamo convinti che tecnologia e globalizzazione fossero i binari attraverso cui passava il treno della libertà che si sperava arrivasse anche a Pechino e a Mosca. Ed in effetti era così, sino a dieci anni fa. Nell’ultimo decennio però sia Vladimir Putin sia Xi Jinping hanno invertito la rotta e utilizzano tecnologia e globalizzazione per condizionarci e sottometterci. E’ successo anche nei paesi arabi”. Quello che si deve raggiungere, osserva infine il presidente del Copasir, “è dunque un alto grado di resilienza rispetto ai tentativi di condizionamento e sottomissione delle nostre democrazie. In questo quadro si inserisce il focus sulla macchina di disinformazione, già attiva durante la pandemia. Con massima garanzia per il cittadino: agiamo all’unanimità, su delega del Parlamento e in difesa dell’interesse nazionale”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Usa: martedì le primarie democratiche in Michigan, a rischio il sostegno a Biden della comunità araba

Il voto in Michigan potrebbe mostrare come l'opposizione di molti cittadini all'approccio del presidente Usa alla crisi di Gaza potrebbe influenzare l'esito delle elezioni generali di novembre, che si giocheranno su una manciata di Stati chiave

Scontri fra agricoltori e forze dell’ordine, l’Ue apre a una possibile revisione della Politica agricola

"Il Consiglio dell'Ue dovrebbe riaprire l'atto di base della Pac e rivedere i criteri di condizionalità. C'è una maggioranza a favore di questa idea", ha affermato il commissario europeo all'Agricoltura, Janusz Wojciechowski

Mattarella in visita di Stato a Cipro sollecita l’Ue: “Urgentissimo un nuovo patto su migrazione e asilo”

Al centro dei colloqui con il presidente Christodoulides anche la questione mediorientale e i rapporti bilaterali

Pnrr, Fitto: “L’approvazione del decreto è rilevante per accelerare su spesa e investimenti”

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri introduce, tra le altre cose, il nuovo "Piano Transizione 5.0", che mira a sostenere gli investimenti in digitalizzazione e nella transizione ecologica delle imprese attraverso un innovativo schema di crediti d'imposta

Svezia, ambasciatore Bjorklund: Con l’adesione alla Nato rafforziamo la sicurezza anche a livello regionale

"L’adesione di Stoccolma all'Alleanza apre ora interessanti prospettive anche alla cooperazione con l’Italia a livello di industria della Difesa"

Altre notizie

Brescia, A2a: con investimento da 110 milioni rendimento del termoutilizzatore al 98 per cento

Mettere l’energia in circolo, così da non sprecare nulla, recuperando ogni calore di scarto che possa contribuire alla decarbonizzazione del telerisca...
pane

Roma: volano i prezzi di patate e pane, il carrello della spesa aumenta del 13 per cento

Sono i dati elaborati dal Centro di formazione e ricerca sui consumi e che "Agenzia Nova" ha potuto visionare in esclusiva

Africa: le giunte golpiste incassano una vittoria, revocate le sanzioni commerciali della Cedeao

La Comunità economica dei Paesi dell'Africa occidentale ha optato per "un cambio di passo" nell'approccio alle giunte militari che negli ultimi mesi hanno rivendicato con decisione la loro intenzione di lasciare l'organismo regionale, affrancandosi da un blocco da loro denunciato come neo-colonialista e dalla forte influenza francese
elezioni amministrative

Lentezza degli scrutini in Sardegna: per il M5S sarebbe “strategia comunicativa”

Polemiche sulla lentezza dell'aggiornamento dei dati relativi alle elezioni regionali della Sardegna sul sito della Regione dedicato ai risultati nel ...

L’analista: “Le dimissioni del premier dell’Anp Shtayyeh aprono a un governo di coalizione”

Secondo quanto riferito dal ricercatore di Ispi, Mattia Serra, ad "Agenzia Nova", le dimissioni di Shtayyeh sono significative per due ragioni principali