Banner Leonardo

Urso (Copasir): “Al premier i poteri contro gli attacchi hacker”

L'allarme del Copasir sul rischio di attacchi hacker russi è diventato realtà. "Avevo lanciato l'allarme - spiega il presidente Adolfo Urso al "Corriere della Sera" - perché consapevole di come la Russia fosse il Paese più attrezzato nella guerra cibernetica

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

L’allarme del Copasir sul rischio di attacchi hacker russi è diventato realtà. “Avevo lanciato l’allarme – spiega il presidente Adolfo Urso al “Corriere della Sera” – perché consapevole di come la Russia fosse il Paese più attrezzato nella guerra cibernetica. Ha già agito negli ultimi anni in altri Paesi europei, e anche da noi, durante la pandemia. A inizio legislatura, la prima relazione è stata quella sulla sicurezza cibernetica e protezione informatica che ha portato all’estensione della golden power alle tlc, infine all’Agenzia per la cybersicurezza nazionale”. “Un attacco hacker su vasta scala – continua – deve essere configurato come atto terroristico. Credo inoltre necessario attribuire direttamente al presidente del Consiglio il potere di disporre che, a fronte di una azione configurata come pregiudizio per la sicurezza nazionale, possa disporre ogni misura proporzionata per il suo contrasto. E va realizzato al più presto il cloud nazionale della Pubblica amministrazione, una politica nazionale sui cavi marittimi e terrestri per fare del nostro Paese un nodo centrale nella rete globale che sempre più connetterà Europa e Occidente con Asia e Africa”.


La guerra cibernetica può colpire le infrastrutture: “E’ già accaduto. La sanità è stata più volte attaccata in Italia e in altri Paesi europei. Dobbiamo esserne consapevoli e aumentare la resilienza del Paese”. Si rischiano infiltrazioni nella politica: “Gli attacchi statuali – osserva il presidente del Copasir – sono ovviamente per loro natura politici. Hacker e macchina di disinformazione russa sono elementi di una ‘guerra ibrida’ che i sistemi autoritari, Russia ma anche Cina, usano per penetrare le democrazie occidentali”. Quanto alle infiltrazioni, sono 13.416 i casi censiti dal 2016: “I dati sono quelli della task force europea, creata proprio dopo la prima guerra in Ucraina. Esiste una centrale della disinformazione che opera da anni alle dirette dipendenze del Cremlino. Basti ricordare come Russia e Cina agissero per farci credere che i loro vaccini fossero i migliori al mondo e che i sistemi autoritari fossero più adeguati a fronteggiare il virus. Ora sappiamo la verità”. Il presidente ha parlato dell’attività di reclutamento dei russi in Italia: spionaggio, propaganda, messa a libro paga: “Lo spionaggio russo utilizza spesso la rete diplomatica, quello cinese si avvale prevalentemente di imprese e centri di cultura. Basti leggere le attività dei cittadini russi recentemente espulsi dal nostro Paese per capire cosa volessimo dire”. La grande vicinanza tra Russia e Italia (economica, sociale, politica) negli anni che hanno preceduto la guerra è stata forse eccessiva: “Basti rilevare che dalla invasione della Crimea a oggi invece di ridurre la nostra dipendenza energetica dalla Russia, abbiamo ridotto la nostra produzione di gas per importare più gas dalla Russia. Peggio ancora ha fatto la Germania che si era consegnata alla Russia, con i nuovi gasdotti e la chiusura delle centrali nucleari. Il fatto che l’attacco hacker sia avvenuto proprio in Germania e Italia, ‘mi fa venire delle strane idee in testa’, per utilizzare una terminologia del presidente del Consiglio”, ha concluso Urso.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Usa: martedì le primarie democratiche in Michigan, a rischio il sostegno a Biden della comunità araba

Il voto in Michigan potrebbe mostrare come l'opposizione di molti cittadini all'approccio del presidente Usa alla crisi di Gaza potrebbe influenzare l'esito delle elezioni generali di novembre, che si giocheranno su una manciata di Stati chiave

Scontri fra agricoltori e forze dell’ordine, l’Ue apre a una possibile revisione della Politica agricola

"Il Consiglio dell'Ue dovrebbe riaprire l'atto di base della Pac e rivedere i criteri di condizionalità. C'è una maggioranza a favore di questa idea", ha affermato il commissario europeo all'Agricoltura, Janusz Wojciechowski

Mattarella in visita di Stato a Cipro sollecita l’Ue: “Urgentissimo un nuovo patto su migrazione e asilo”

Al centro dei colloqui con il presidente Christodoulides anche la questione mediorientale e i rapporti bilaterali

Pnrr, Fitto: “L’approvazione del decreto è rilevante per accelerare su spesa e investimenti”

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri introduce, tra le altre cose, il nuovo "Piano Transizione 5.0", che mira a sostenere gli investimenti in digitalizzazione e nella transizione ecologica delle imprese attraverso un innovativo schema di crediti d'imposta

Svezia, ambasciatore Bjorklund: Con l’adesione alla Nato rafforziamo la sicurezza anche a livello regionale

"L’adesione di Stoccolma all'Alleanza apre ora interessanti prospettive anche alla cooperazione con l’Italia a livello di industria della Difesa"

Altre notizie

Brescia, A2a: con investimento da 110 milioni rendimento del termoutilizzatore al 98 per cento

Mettere l’energia in circolo, così da non sprecare nulla, recuperando ogni calore di scarto che possa contribuire alla decarbonizzazione del telerisca...
pane

Roma: volano i prezzi di patate e pane, il carrello della spesa aumenta del 13 per cento

Sono i dati elaborati dal Centro di formazione e ricerca sui consumi e che "Agenzia Nova" ha potuto visionare in esclusiva

Africa: le giunte golpiste incassano una vittoria, revocate le sanzioni commerciali della Cedeao

La Comunità economica dei Paesi dell'Africa occidentale ha optato per "un cambio di passo" nell'approccio alle giunte militari che negli ultimi mesi hanno rivendicato con decisione la loro intenzione di lasciare l'organismo regionale, affrancandosi da un blocco da loro denunciato come neo-colonialista e dalla forte influenza francese
elezioni amministrative

Lentezza degli scrutini in Sardegna: per il M5S sarebbe “strategia comunicativa”

Polemiche sulla lentezza dell'aggiornamento dei dati relativi alle elezioni regionali della Sardegna sul sito della Regione dedicato ai risultati nel ...

L’analista: “Le dimissioni del premier dell’Anp Shtayyeh aprono a un governo di coalizione”

Secondo quanto riferito dal ricercatore di Ispi, Mattia Serra, ad "Agenzia Nova", le dimissioni di Shtayyeh sono significative per due ragioni principali