L’uragano Ian si abbatte sulla Florida: oltre un milione di edifici senza elettricità

I venti a 150 miglia orari (più di 260 chilometri orari) hanno provocato ingenti danni sulle coste sudoccidentali della Florida

L’uragano Ian è approdato sulle coste sudoccidentali della Florida, nei pressi dell’isola di Cayo Costa, con venti a più di 150 miglia orari (più di 260 chilometri orari) che hanno determinato l’aggiornamento del suo status alla categoria 4. Durante una conferenza stampa, il governatore della Florida, Ron DeSantis, ha annunciato di aver chiesto alla Casa Bianca di emanare una dichiarazione di disastro naturale per tutte le 67 contee dello Stato. Per il momento, ha aggiunto, l’uragano non ha causato decessi, anche se due persone sono state trasportate in ospedale.


“L’uragano provocherà una tempesta catastrofica e gravi danni alle comunità”, ha dichiarato Eric Silagy, presidente e amministratore delegato di Florida Power and Light, aggiungendo che i dipendenti della società stanno lavorando senza sosta per ripristinare l’accesso all’energia elettrica alle centinaia di migliaia di edifici che hanno già riscontrato una interruzione della corrente a causa dell’uragano. Al momento, ha continuato, l’accesso all’elettricità è stato ripristinato per più di 270 mila edifici, ma ci sono delle aree di territorio in cui non sarà possibile riparare. Sarà necessario ricostruire le infrastrutture distrutte.

L’uragano ha provocato l’interruzione di corrente a oltre un milione di edifici. Stando ai dati pubblicati dal portale “PowerOutage.us”, la contea di Lee ha registrato il numero più alto di interruzioni, con 330 mila clienti senza accesso all’energia elettrica. Nelle contee di Collier e Sarasota ci sono attualmente 151 e 182 mila edifici tra abitazioni, complessi residenziali, esercizi commerciali e impianti industriali, senza corrente.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha approvato lo stanziamento di fondi federali d’emergenza a favore delle nove contee della Florida colpite dall’uragano Ian. Lo ha reso noto la Casa Bianca prima della visita di Biden al quartier generale dell’Agenzia federale per la gestione dell’emergenza (Fema) per colloqui sui danni provocati dal passaggio dell’uragano. “Le valutazioni dei danni sono ancora in corso, e ulteriori fondi di assistenza potrebbero essere stanziati prossimamente”, fa sapere l’amministrazione Biden. La decisione del presidente Usa dovrebbe garantire donazioni federali per imprese e famiglie colpite, e dovrebbe consentire ai governi locali di condividere i costi per la rimozione delle macerie. I fondi sono stati stanziati a favore delle contee di Charlotte, Collier, DeSoto, Hardee, Hillsborough, Lee, Manatee, Pinellas e Sarasota.