Ucraina, Scholz: “La guerra deve finire, no alla pace imposta come un diktat”

Per Scholz, Germania e Francia sostengono la ripresa dei negoziati di pace tra Mosca e Kiev

La guerra in Ucraina deve finire, le armi devono tacere e la Russia deve ritirare le sue truppe. È quanto dichiarato dal cancelliere tedesco, Olaf Scholz, durante la conferenza stampa con il presidente francese, Emmanuel Macron, che ha incontrato oggi a Berlino. Il capo del governo federale ha evidenziato che “non si può immaginare una pace imposta come un diktat” all’Ucraina. Per Scholz, Germania e Francia sostengono la ripresa dei negoziati di pace tra Mosca e Kiev. Le trattative devono diventare “concrete” e deve essere raggiunto un accordo. Tuttavia, ha evidenziato il cancelliere tedesco, quanto accadrà in questa prospettiva “non dipende soltanto da noi, vedremo che succede nei prossimi giorni”. Scholz ha, infine, ribadito che i confini in Europa non possono essere modificati con la violenza.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram