Banner Leonardo

Tajani: L’Italia non può subire migrazioni bibliche, dobbiamo agire fortemente nel continente africano

Il presidente della Tunisia, Kais Saied, vuole rinviare l’incontro con i rappresentanti della Commissione europea perché “vuole parlare con loro non solo di migranti ma anche di molti altri temi”

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

L’Italia non può subire migrazioni bibliche. Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani, ospite del “Tg4”. “La questione migratoria va affrontata a monte, vanno evitate le partenze”, ha detto il ministro.


“Il problema migratorio – ha continuato il titolare della Farnesina – non è solo italiano ma europeo e anche delle Nazioni Unite: l’Italia non ha soltanto la rotta mediterranea ma anche quella balcanica con cui fare i conti. Dobbiamo affrontare a livello europeo un fenomeno di grande instabilità in Africa, ma anche Siria e Afghanistan. Ecco perché il problema non è solo italiano ma europeo e anche delle Nazioni Unite”, ha spiegato Tajani.

E poi, sulla Germania: “Il problema delle scelte di politica migratoria del governo tedesco è che finanzia Ong italiane che poi portano migranti in Italia – ha detto Tajani, che ha rilanciato – Perché non finanziano Ong che portano migranti in Germania?”.

Per il leader di Forza Italia inoltre, “occorre avere un’altra visione del rapporto con l’Africa, organizzare società miste e fare investimenti. L’Africa – ha spiegato Tajani – non è un continente povero. Hanno materie prime che servono alla nostra industria, da estrarre e trasformare lì. Serve il Piano Mattei italiano e il Piano Marshall dell’Unione, come lo chiamo io. Senza questa strategia a lungo termine non risolveremo mai il problema dell’immigrazione”, ha aggiunto il ministro. Occorre “agire fortemente nel continente africano”, ha sottolineato. Il presidente della Tunisia, Kais Saied, vuole rinviare l’incontro con i rappresentanti della Commissione europea perché “vuole parlare con loro non solo di migranti ma anche di molti altri temi”, ha precisato Tajani, dichiarando che oggi ci sono stati “zero arrivi dalla Tunisia”.

“Il governo ce la metterà tutta per trasformare Caivano affinché non sia più indicata come la città in cui c’è un parco fuori dalla legge – ha detto Tajani – Serve repressione, prevenzione e formazione, dei giovani in modo particolare. Lo Stato deve fare di tutto, così le famiglie e le organizzazioni sociali, a partire dalla Chiesa a quelle non religiose”, ha detto il ministro.

Sulla recente scomparsa del presidente emerito, Giorgio Napolitano, ha detto: “Napolitano e Silvio Berlusconi erano due personalità molto differenti. Certamente nel 2011 Napolitano non fece di tutto per impedire la fine del governo Berlusconi. Nutro grande rispetto ma in quella vicenda non mi trovavo d’accordo”, ha detto Tajani, aggiungendo che comunque si tratta di “storia” e pertanto “andiamo avanti”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

nuova delhi india

Coppia di turisti spagnoli aggredita in India, lei stuprata da sette persone

I due, motociclisti, avevano piantato una tenda in un’area deserta e si stavano riposando prima di riprendere il viaggio verso il Nepal

Meloni in Canada illustra le priorità del G7 a Trudeau: “Meglio pochi risultati ma concreti per cambiare le cose&#...

“Siamo impazienti di collaborare con la presidenza italiana su tutti questi dossier, come i rapporti commerciali, la sfida delle migrazioni, l’intelligenza artificiale e le produzioni industriali”

Roma: incinta rischia di perdere la bimba, ospedale appronta parto di fortuna e la salva

Ha rischiato di perdere la figlia all'ottavo mese di gravidanza per un emorragia con distacco totale della placenta. Il caso, o il destino, però hanno...
F35B

Affonda la nave mercantile britannica Rubymar, era stata colpita dagli Houthi

Secondo il governo dello Yemen questo provocherà “una catastrofe ambientale”, trasportava infatti oltre 41 mila tonnellate di fertilizzanti

La Viceministra Gava a Nova: “Il contributo di Algeri al Piano Mattei renderà l’Italia un hub Ue”

"L’Italia e l’Algeria hanno ottime relazioni economiche, in particolare nel settore energetico"

Altre notizie

gaza

Gli Usa hanno effettuato il primo lancio di aiuti a Gaza: 30 mila i pasti paracadutati

“Dobbiamo fare di più e gli Stati Uniti faranno di più” ha detto ieri Biden

Turchia-Somalia: Erdogan e Mohamud a colloquio, focus economia e difesa

I due governi hanno concluso lo scorso 8 febbraio un accordo volto a rafforzare la cooperazione bilaterale

Milei al Parlamento argentino: “Porterò avanti la mia agenda di riforme con o senza di voi”

Il mese scorso i deputati hanno respinto la sua "Legge Omnibus", il maxi provvedimento contenente decine di riforme del sistema economico e istituzionale

La madre di Navalnyj visita la tomba il giorno dopo i funerali

La donna è stata accompagnata da Alla Abrossimova, madre della vedova di Aleksej