Stadio Roma: si vaglierà l’area di Pietralata, il club giallorosso presenterà uno studio di fattibilità

Stamane, in una nota congiunta, il Campidoglio e l'As Roma hanno chiarito: "All’esito di una serie di riunioni congiunte tra gli uffici dell’amministrazione capitolina e i tecnici di As Roma tenutesi negli scorsi mesi, Roma Capitale prende atto positivamente della volontà da parte della società giallorossa di presentare nelle prossime settimane al Campidoglio uno studio di fattibilità per la realizzazione di uno stadio su un’area comunale nella zona di Pietralata

stadio olimpico. roma
stadio olimpico. roma

È l’area di Pietralata quella scelta per la prima ricognizione, a cura dell’amministrazione in carica, per la realizzazione dello Stadio dell’As Roma. Il club giallorosso è pronto a presentare uno studio di fattibilità in tal senso. Stamane, in una nota congiunta, il Campidoglio e l’As Roma hanno chiarito: “All’esito di una serie di riunioni congiunte tra gli uffici dell’amministrazione capitolina e i tecnici di As Roma tenutesi negli scorsi mesi, Roma Capitale prende atto positivamente della volontà da parte della società giallorossa di presentare nelle prossime settimane al Campidoglio uno studio di fattibilità per la realizzazione di uno stadio su un’area comunale nella zona di Pietralata. L’iniziale esame urbanistico svolto sull’area individuata da As Roma non ha infatti messo in evidenza elementi ostativi alla presentazione del suddetto progetto che dovrà essere attentamente valutato da Roma Capitale secondo l’iter amministrativo disciplinato dalla cosiddetta legge stadi”. La As Roma ha espresso “grande soddisfazione per il clima di collaborazione che ha caratterizzato gli incontri con gli uffici comunali”. I due soggetti, Roma Capitale e As Roma, “condividono che il nuovo stadio dovrà rappresentare un volano per la riqualificazione sostenibile e senza aggravi urbanistici del quartiere Pietralata e, più in generale, per lo sviluppo della capitale”.

Sull’area si dovrà intervenire dal punto di vista trasportistico e della viabilità in genere. Tuttavia, secondo l’assessore alla Mobilità di Roma, Eugenio Patané, è comunque la migliore tra quelle ipotizzate finora. In una recente intervista l’assessore ha ricordato che il sito di Pietralata “da un punto di vista trasportistico e viabilistico avrebbe dei vantaggi rispetto ai siti proposti in passato. Quel quadrante in generale, è ben servito dal trasporto pubblico locale: sia al livello ferroviario, sia al livello di metropolitana e sia a livello viabilistico ma anche di bus – ha detto Patané -. Il quadrante è molto ben servito, forse bisognerà puntare l’attenzione su via dei Monti Tiburtini per salvaguardare in qualche modo l’ingresso dell’ospedale Pertini, bisognerà studiare i flussi di traffico dopo aver visto il progetto ma il progetto ancora non lo abbiamo visto, mi limito a dire che è un quadrante ben servito da un punto di vista trasportistico”.

Secondo il consigliere capitolino di Udc, Marco Di Stefano, però l’area “non sarà in grado di sopportare il peso di venti o venticinquemila automobili” in occasione degli eventi calcistici. “Ridiamo per non piangere”, ha detto Di Stefano. “Per il bene della As Roma, dei suoi tifosi, e della città tutta, invitiamo tutti a tenere bene i piedi per terra prima di diffondere spot gratuiti che non sono utili a nessuno”, ha concluso. Soddisfazione, invece, in Azione di Carlo Calenda. Il consigliere capitolino Dario Nanni, ha chiarito: “Venute meno altre ipotesi meno percorribili, come quella della zona Ostiense, per realizzare lo stadio della Roma si è scelta un’area più idonea e servita come quella di Pietralata. Di questa scelta non possiamo che esserne compiaciuti e soddisfatti, visto che era la proposta che avanzò Carlo Calenda in campagna elettorale”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram