Banner Leonardo

Shade Med: conclusa la prima giornata dell’evento per “Gestire insieme le sfide comuni nel Mediterraneo”

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

In un’era in cui un nuovo ordine mondiale sta rivoluzionando il bilanciamento dei poteri e il concetto stesso di sicurezza marittima, una complementarietà tra Nato e Ue appare sempre più necessaria per affrontare sfide comuni nel Mediterraneo (e non solo). È quanto emerge dalla prima giornata di lavori della 12esima edizione di “Shared Awareness and De-confliction in the Mediterranean” (Shade Med), la conferenza organizzata presso Palazzo Guidoni del Segretariato generale della difesa/Direzione nazionale degli armamenti, all’interno della base aeronautica di Centocelle, a Roma. Non a caso, il tema dell’evento di quest’anno, co-organizzato dall’operazione aeronavale EuNavFor Med – Irini e da Marcom, il Comando marittimo alleato, è “Gestire insieme le sfide comuni nel Mediterraneo”.


Di fronte a una situazione geopolitica sempre più complessa, la cooperazione resta “la strada migliore verso la pace e la prosperità per tutti”, ha detto il contrammiraglio della Marina militare italiana Stefano Turchetto, comandante di Irini, nel suo discorso di apertura. “Dall’edizione dello scorso anno la situazione geopolitica, già difficile, si è fatta più complessa. La guerra russo-ucraina, la destabilizzazione del Sahel e, recentemente, il conflitto a Gaza dopo l’attacco terroristico contro Israele, hanno dato una nuova dimensione geopolitica alla regione”, ha detto Turchetto, sottolineando come l’Europa si sia “evoluta sviluppando una maggiore consapevolezza della sicurezza comune e della difesa, una visione comune concordata di cosa significhi proteggere l’Unione e i suoi interessi globali”. Il contrammiraglio ha poi aggiunto che “in questa 12esima edizione della Conferenza Shade Med, il cui tema è ‘Gestire insieme le sfide comuni nel Mediterraneo’, sottolineeremo come la cooperazione sia la strada migliore verso la pace e la prosperità per tutti”.

Turchetto ha poi rivelato che è “previsto un numero maggiore di unità assegnate” nella primavera 2024. L’operazione conta oggi su due navi, la fregata della Marina militare ellenica Aegean e la fregata italiana Grecale. Inoltre, tre velivoli da pattugliamento e ricognizione marittima provenienti da Polonia, Lussemburgo e Italia sono permanentemente assegnati. Altri mezzi aerei sono assegnati in periodi limitati e ad un numero definito di sortite. Un numero maggiore di unità assegnate a Irini è previsto nel periodo primaverile, per conferire maggiore flessibilità operativa e margine di manovra nella vasta area operativa di assegnazione”, ha detto il comandante.

Le attività di Irini “non hanno mai rappresentato un pull factor nel Mediterraneo centrale per i migranti che arrivano dall’Africa e cercano di raggiungere le coste europee, soprattutto italiane”, ha dichiarato ancora il contrammiraglio Turchetto durante il suo briefing operativo. “La via principale utilizzata dai migranti per raggiungere l’Europa è ancora il Mediterraneo centrale. Analizzando l’andamento migratorio dall’inizio del 2023, si registra un aumento del flusso migratorio nella parte occidentale delle operazioni di Irini”, ha detto Turchetto, ricordando che in cinque occasioni le unità navali Irini hanno partecipato attivamente ad attività di ricerca e salvataggio in mare. “Le nostre risorse navali sono state richieste dal responsabile Centro di coordinamento del salvataggio marittimo per fornire supporto specializzato, in modo da salvare più di 1.000 vite umane in una delle rotte migratorie più mortali del mondo”, ha detto ancora il contrammiraglio italiano. “Contribuiamo – ha proseguito Turchetto – allo smantellamento del modello di business del traffico di migranti raccogliendo informazioni, per lo più beni materiali, e le condividiamo con le autorità nazionali e regionali dell’Ue”.

L’altro co-organizzotore dell’evento, Marcom, attraverso il vice comandante Didier Maleterre, ha spiegato che la conferenza annuale Shade Med è esemplificativa dell’importante ruolo che sia la Nato che l’Ue svolgono nel Mediterraneo. Di più. Maleterre ha parlato di Shade Med “come un luogo fondamentale per affrontare le grandi preoccupazioni relative alla sicurezza marittima del Mediterraneo con le principali parti interessate delle Marine, della diplomazia, della comunità marittima e del mondo accademico”. Un evento, quello organizzato nella base militare italiana di Centocelle, “eccezionalmente importante per consentire il successo delle numerose attività che le parti interessate qui rappresentate stanno conducendo nella regione del Mediterraneo”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

nuova delhi india

Coppia di turisti spagnoli aggredita in India, lei stuprata da sette persone

I due, motociclisti, avevano piantato una tenda in un’area deserta e si stavano riposando prima di riprendere il viaggio verso il Nepal

Meloni in Canada da Trudeau: “Lavoreremo insieme su Ucraina, Gaza e Mar Rosso” – foto e video

“Siamo impazienti di collaborare con la presidenza italiana su tutti questi dossier, come i rapporti commerciali, la sfida delle migrazioni, l’intelligenza artificiale e le produzioni industriali”

Roma: incinta rischia di perdere la bimba, ospedale appronta parto di fortuna e la salva

Ha rischiato di perdere la figlia all'ottavo mese di gravidanza per un emorragia con distacco totale della placenta. Il caso, o il destino, però hanno...
F35B

Affonda la nave mercantile britannica Rubymar, era stata colpita dagli Houthi

Secondo il governo dello Yemen questo provocherà “una catastrofe ambientale”, trasportava infatti oltre 41 mila tonnellate di fertilizzanti

La Viceministra Gava a Nova: “Il contributo di Algeri al Piano Mattei renderà l’Italia un hub Ue”

"L’Italia e l’Algeria hanno ottime relazioni economiche, in particolare nel settore energetico"

Altre notizie

gaza

Gli Usa hanno effettuato il primo lancio di aiuti a Gaza: 30 mila i pasti paracadutati

“Dobbiamo fare di più e gli Stati Uniti faranno di più” ha detto ieri Biden

Turchia-Somalia: Erdogan e Mohamud a colloquio, focus economia e difesa

I due governi hanno concluso lo scorso 8 febbraio un accordo volto a rafforzare la cooperazione bilaterale

Milei al Parlamento argentino: “Porterò avanti la mia agenda di riforme con o senza di voi”

Il mese scorso i deputati hanno respinto la sua "Legge Omnibus", il maxi provvedimento contenente decine di riforme del sistema economico e istituzionale

La madre di Navalnyj visita la tomba il giorno dopo i funerali

La donna è stata accompagnata da Alla Abrossimova, madre della vedova di Aleksej