Banner Leonardo

Sanità: dal piano alla trasparenza dei conti, la strategia Rocca per rafforzare il sistema Lazio

La visione della sanità per il presidente regionale è un servizio sanitario fatto da pubblico e privato, in cui la politica deve esercitare una funzione di Governo e non subire la volontà delle imprese

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Un piano sanitario per rafforzare l’offerta ospedaliera dei territori e contenere la mobilità verso Roma. Un lavoro senza pregiudizi ideologici per migliorare il servizio sanitario: riforma del Recup, nuovo policlinico Umberto I, chiarezza sui bilanci delle Asl, interventi sui pronto soccorso, sull’assunzione di nuovo personale. È un discorso a tutto campo quello del presidente della Regione Lazio Francesco Rocca, ascoltato dalla commissione Sanità del Consiglio regionale proprio nella sua veste di assessore. Innanzitutto la giunta è pronta a varare il piano sanitario, “un documento che si pone come obiettivo che i cittadini delle varie province non siano più costretti a venire a Roma per curarsi. Un piano che sarà un farò del mio operato e su cui vorrò essere giudicato alla fine del mio mandato – ha spiegato Rocca -. È un’altra grande priorità è per rivedere tutta l’offerta ospedaliera e per contenere la mobilità verso Roma. Noi abbiamo un sistema informatizzato per capire come si incrocia una mobilità che ci deve portare a ripensare il servizio sanitario. Su questo non ci saranno rivoluzioni ma un rafforzamento del servizio sanitario, ospedaliero territoriale”, ha sottolineato.


Il presidente Rocca, però, è partito dalla situazione dei bilanci: “c’era un disavanzo di 218 milioni di euro – ha ricordato – la Corte dei Conti non ha parificato bilancio di alcune aziende sanitarie, c’è timore che avvenga anche per altre, per ragioni tecniche, si tratta di fatti che possono avere un impatto violento sui nostri conti. Non vogliamo una caccia all’uomo, serve un lavoro comune, non voglio dare lettura politica, ma tecnica dei dati”. “L’Umberto I – ha spiegato Rocca – perde 170 milioni di euro l’anno, è un  dato strutturale. Bisogna intervenire in maniera altrettanto strutturale realizzando un nuovo policlinico, più adeguato ai nostri tempi”. A tal proposito la Regione Lazio ha aperto un tavolo istituzionale con l’Università La Sapienza e il Comune di Roma per delocalizzazione l’Umberto I: “non ha ragion d’essere un ospedale diviso in 56 edifici”, ha ribadito.

Capitolo pronto soccorso: “siamo intervenuti subito per alleviare la pressione. Abbiamo verificato la mancanza di 700 posti letto e ne abbiamo acquistati 500 con un accordo sperimentale e temporaneo con strutture private – ha ricordato ancora Rocca -. I dati ci danno ragione: abbiamo quasi azzerato il fenomeno del blocco ambulanze, diminuito del 30 per cento il tempo di attesa al pronto soccorso. Dimostrazione che questa era la strada giusta su cui muoversi”. Altro tema è la riforma del Recup, “c’è un lavoro enorme da fare: 4 milioni di prestazioni pagate ai privati e di queste una minima percentuale è inserita nel Recup. Stiamo lavorando perché entro fine siano tutte inserite nel sistema di prenotazione pubblico, in maniera da avere un quadro esatto e intervenire in maniera esatta – ha spiegato il presidente Rocca -. E’ stata avviata l’informatizzazione di tutti i posti letto. Ho scoperto reparti dichiarati aperti e non lo erano.  Serve un sistema blindato delle liste di attesa operatorie che non permetta a nessuno di bypassare la lista stessa”.

Rocca è passato poi agli investimenti in edilizia sanitaria. Oltre 1 miliardo di euro. “Abbiamo trovato 633 milioni non ancora impegnati e 537 liberi. Abbiamo elaborato un piano partendo dalle necessità del territorio. Stiamo lavorando a un nuovo piano sanitario: l’obiettivo è rivedere l’offerta ospedaliera su tutto il territorio per ridurre la mobilità verso Roma”, ha aggiunto il governatore. Il dato più preoccupante “è la contabilità opaca nelle Asl. C’è un problema relativo ai fondi di dotazione, al fondo rischi e alle note di credito che non trovano puntuale riscontro nella contabilità di LazioCrea. Potrebbe portare a una sopravvenienza passiva molto impattante sul servizio sanitario”, ha chiarito Rocca. Nel corso del dibattito sono intervenuti diversi consiglieri di opposizione, da Massimiliano Valeriani del Pd a Marietta Tidei di Azione-Italia viva, passando per  Adriano Zuccalà del M5s. Molti i chiarimenti e le domande rivolte a Rocca, in particolare sulla sanità territoriale, sull’accordo con i privati per l’utilizzo di 500 posti letti e sulla centralizzazione delle assunzioni da parte della Giunta.

In tutti gli interventi si è lamentata “una mancanza di visione” da parte della giunta regionale. Rocca ha risposto a tutti, spiegando, tra l’altro, che la sua visione della sanità è un servizio sanitario fatto da pubblico e privato, in cui la politica deve esercitare una funzione di Governo e non subire la volontà delle imprese. Sulle assunzioni ha spiegato che la centralizzazione non ha portato a nessun blocco, ma è servita a verificare con puntualità la rispondenza delle richieste delle aziende ai reali fabbisogni. Nel Lazio la spesa per il personale sanitario “è aumentata di 100 milioni di euro nel 2023. Abbiamo fatto 1200 contratti a tempo indeterminato per superare il precariato. Questo per governare in maniera centralizzata il reclutamento del personale. Quindi, nessun blocco delle assunzioni”, ha concluso il governatore. L’audizione è stata introdotta dalla presidente della commissione, Alessia Savo di Fd’I che ha ricordato come la sanità sia “uno dei temi più importanti, perché riguarda il benessere e la dignità di tutti i cittadini del Lazio. Il Consiglio regionale –  in particolare la commissione Sanità – ha un ruolo importante: deve essere un luogo di proposte, confronto, dibattito e ascolto”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Meloni: “Il mio obiettivo è restituire credibilità al Paese”

“Sono una persona che ha speso due terzi della propria esistenza nell’impegno politico e ancora adesso la considero la più straordinaria forma di impegno civile che esista”

Ex Ilva, Urso in visita a Taranto: “A giorni completeremo la terna di commissari”

“Realizzeremo il polo tecnologico sulla transizione ambientale e Taranto sarà la sede nazionale"

Medio Oriente: proseguono le trattative per il rilascio degli ostaggi, mentre sale la tensione in Libano e Siria

I rappresentanti di Israele, Stati Uniti, Qatar ed Egitto si sono riuniti a Doha per discutere lo scambio di ostaggi e una possibile tregua nella Striscia di Gaza

Libia, fonti “Nova”: mercoledì a Tunisi una riunione di Camera e Senato su un nuovo governo unificato

Un funzionario vicino al “Senato” libico con sede a Tripoli ha riferito che alla riunione dovrebbero partecipare circa 140 membri delle due camere, almeno un rappresentante della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia e cinque importanti imprenditori libici

Tajani e Radman al Comitato di coordinamento dei ministri: Tra Italia e Croazia rapporto in forte espansione

I rapporti bilaterali tra Italia e Croazia vertono in una fase di forte espansione. I settori strategici su cui puntare sono infrastrutture ed energie...

Altre notizie

Gli Emirati e il Fondo monetario internazionale intervengono per salvare l’Egitto dalla bancarotta

“Agenzia Nova” ha parlato dei recenti sviluppi con l’analista Roberta La Fortezza
Anton Siluanov

Russia, Siluanov: L’uso dei nostri asset per ricostruire l’Ucraina mina le basi del sistema finanziario

"Non è la prima volta che sentiamo questa proposta", ha detto il ministro delle Finanze russo interpellato da "Agenzia Nova"

Da Cipro il messaggio di pace di Mattarella: “Una strada complessa ma sempre possibile”

"L’Italia partecipa con convinzione alla missione Onu a Cipro ed è orgogliosa di farlo per la pace mantenuta e l’obiettivo di una soluzione positiva che renda possibile ulteriore sviluppo di progresso in questo territorio”
Draghi

Draghi al Parlamento europeo: “Servono riforme strutturali”

L'ex premier e presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha partecipato alla riunione della conferenza dei presidenti delle commissioni d...

Sardegna 2024: Consiglio regionale, 11 seggi al Pd, 7 a Fd’I e M5S

Dopo 33 ore dallo spoglio, ancora non sono state contate tutte le 1.844 sezioni, ma già si comincia a delineare la composizione del nuovo Consiglio re...