Banner Leonardo

Roma: al via i lavori per il semaforo all’incrocio pericoloso tra via Boccea e Urbano II

"Si tratta di un intervento di messa in sicurezza atteso da molti anni nel quartiere e che finalmente abbiamo sbloccato" commenta a Nova l'assessore ai Lavori pubblici del Municipio Roma XIII

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Un semaforo per regolare il traffico e abbattere il numero di incidenti, sarà sistemato all’incrocio tra via di Boccea, via Gregorio XI e via Urbano II nel quartiere Aurelio di Roma. I lavori dureranno circa due mesi. Da domani, 13 febbraio, e fino al 19 aprile prossimo, inizierà la cantierizzazione. È prevista una prima fase, di una ventina di giorni, per le attività propedeutiche e che, contestualmente prevede l’istituzione di una nuova disciplina per la sosta veicolare nella zona. Per quanto riguarda la circolazione, invece, non sono previste modifiche al momento, salvo nuove necessità che potranno emergere nelle prossime ore. La fermata del bus “Boccea Urbano II” in direzione Battistini su via di Boccea sarà spostata un po’ più avanti, così come saranno lievemente delocalizzati i cassonetti dell’immondizia che ricadono nell’area dei lavori.


In queste ore i tecnici stanno collocando la segnaletica verticale e orizzontale temporanea per segnalare obblighi, divieti e limitazioni: i provvedimenti andranno a fasi alterne e saranno comunicati a residenti e utenti della strada sulle vie interessate almeno 48 ore prima. “Si tratta di un intervento di messa in sicurezza atteso da molti anni nel quartiere e che finalmente abbiamo sbloccato”, commenta l’assessore ai Lavori pubblici del Municipio Roma XIII, Salvatore Petracca, interpellato da “Agenzia Nova”. “La prima richiesta di questo intervento risale al 2016 e siamo felici che finalmente si stia procedendo alla messa in sicurezza di un incrocio, particolarmente pericoloso, e che non è stato inserito nel piano dei black-points soltanto perché c’era già un progetto all’attenzione del Simu e dell’assessorato alla Mobilità comunali”, aggiunge Petracca.

Sono numerosi gli incidenti verificatisi nella zona, soprattutto di notte, con l’alta velocità: e sono diversi i ribaltamenti di automobili che si contano nel quadrante. Tra quelli più drammatici si ricorda uno scontro tra quattro auto in cui perse la vita una 35enne a giugno scorso. L’opera oltre che alla messa in sicurezza della zona, tuttavia, è anche propedeutica alla realizzazione del sottopasso di via Gregorio XI, che collegherà il quartiere in entrata direttamente con la via Aurelia, oltre che in uscita com’è ora, e allo spostamento del mercato di via Urbano II da sede impropria a una sede propria al Forte Boccea. Per quanto riguarda il sottopasso è prevista la fine dei lavori nell’estate del 2025 e l’intervento è stato ampliato con la realizzazione di una rotatoria. Per quanto riguarda lo spostamento del mercato di via Urbano II a breve sarà aperta la conferenza dei servizi ed entro la fine dell’anno il Municipio XIII conta di poter avviare i cantieri per trasferire successivamente gli operatori.

I divieti di sosta saranno effettivi 48 ore dopo la verifica della corretta apposizione da parte del comando dei vigili urbani di zona e saranno a fasi alternate. Sarà vietata la sosta nell’area interessata dal cantiere su via Boccea in direzione Battistini dal civico 205 all’incrocio con via Teodolfo Mertel. Sempre su via di Boccea sarà interdetta la sosta su entrambi i lati in direzione Cornelia dal civico 201 in poi e dal civico 200 in poi. Su via Gregorio XI sarà installato un divieto di sosta, e saranno spostati i cassonetti dell’immondizia, dall’inizio della strada su entrambi i lati fino ai civici 1 e 5. Anche su via Urbano II sarà interdetta la sosta dall’incrocio di via Boccea in poi. In alcuni casi la sosta è già vietata e in caso di violazione si interverrà con la rimozione forzata.

Leggi anche altre notizie su Nova News

Clicca qui e ricevi gli aggiornamenti su WhatsApp

Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Meloni alla Casa Bianca: “Sosteniamo la mediazione Usa a Gaza”. Biden: “Paracaduteremo aiuti umanitari...

L'incontro è stato anche una importante occasione per fare il punto sul futuro del sostegno militare e finanziario all’Ucraina

Meloni annuncia: “Chico Forti sarà trasferito in Italia” – video

“E' un giorno di gioia per Chico, per la sua famiglia per tutti noi. Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto"

Strage di Erba, Olindo e Rosa di nuovo in aula: decisione rinviata al 16 aprile

E' scontro sulle prove nella revisione del processo. Secondo la procura generale di Brescia "è inverosimile l'esistenza di piste alternative"

Il generale Vannacci: “Io al Gay Pride? Ci sono già stato”

Sugli scontri a Pisa: “Sto con la polizia: io non ho mai manifestato in vita mia, ma ho fatto tante cose". Riguardo alla candidatura alle elezioni europee: "Non ho ancora deciso"
Algeria

Entra nel vivo in Algeria il Forum dei Paesi esportatori di gas

Il Forum rappresenta il cartello del gas naturale che ricalca le orme dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec). Secondo un rapporto presentato ad Algeri la domanda mondiale di gas naturale è destinata ad aumentare del 34 per cento

Altre notizie

Migliaia di persone ai funerali di Navalnyj, Ong russa: arrestate almeno 45 persone

Il Cremlino: “Non abbiamo nulla da dire alla famiglia”

Scontri a Pisa: volantini anarchici in città per incitare alla lotta contro le Forze dell’ordine

A renderlo noto è Domenico Pianese, il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp
cavo dragone ammiraglio

A Roma tavola rotonda con l’ammiraglio Cavo Dragone sulla crisi in Medio Oriente

L'iniziativa mira a consentire alle Forze armate libanesi di migliorare le proprie capacità operative, incluse le attività di presenza e sorveglianza nel sud del Paese
polizia - polonia

Polonia, auto si lancia contro la folla a Stettino: 19 persone ferite

L’autista è stato arrestato dalla polizia dopo aver tentato di fuggire dal luogo dell’accaduto
lavrov

Lavrov avverte: “L’élite della Moldova segue le orme dell’Ucraina”

Il ministro degli Esteri russo sottolinea: "Quella élite ha abolito tutto ciò che è russo, discriminando la nostra lingua in tutti i settori e facendo seria pressione economica sulla Transnistria"