Roma: 22,5 milioni ai Municipi e un progetto a testa, parte il piano della “Città dei 15 minuti”

“Si tratta di interventi pilota di rigenerazione urbana: realizzeremo un masterplan e contiamo di iniziare le opere entro il 2023”, ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, nel presentare l’iniziativa in Campidoglio

Quindici progetti, uno per Municipio, faranno da apripista allo sviluppo della “Città dei 15 minuti”: il programma della giunta Gualtieri che vuole realizzare centri con servizi essenziali in ogni territorio cittadino. “Si tratta di interventi pilota di rigenerazione urbana: realizzeremo un masterplan e contiamo di iniziare le opere entro il 2023”, ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, nel presentare l’iniziativa in Campidoglio. “Partiamo con uno stanziamento di 1,5 milioni per Municipio, poi ci saranno anche altri interventi successivi in ciascun quartiere in cui si colloca il progetto. L’obiettivo è portare i servizi vicino ai cittadini ma in una visione integrata di città, in cui la dimensione sociale e quella ambientale si intreccino”, ha aggiunto.

Nel dettaglio i progetti – contemplati in una delibera licenziata oggi dalla giunta capitolina – sono così distribuiti: in zona Prato Falcone, nel Municipio I, è prevista la realizzazione di una piazza e il miglioramento della viabilità e dell’accessibilità stradale e pedonale; la realizzazione di un’isola ecologica; la realizzazione di aree verdi dotate di specifiche essenze che consumano lo smog e strutture volte all’efficienza energetica. Al Villaggio Olimpico, nel Municipio II, è programmata la pedonalizzazione degli assi e delle piazze centrali del quartiere sulla scorta del lavoro già avviato per via della XVII Olimpiade; la riqualificazione e cura degli spazi verdi per incrementarne la fruizione e l’attrattività e riscoprirne il valore originario di connettività urbana; la definizione morfologica e funzionale delle aree pubbliche degradate o abbandonate attraverso la ricerca e la sperimentazione di nuove modalità di uso e di fruizione.

Al Tufello, nel Municipio III, sono previsti tre ambiti di intervento che contemplano, tra le altre cose, campi sportivi, pedonalizzazione e riorganizzazione di piazza degli Euganei, sentieri pedonali, percorsi salute e aree ludiche o destinate ai cani, riqualificazione del Mercato Val Melaina. A Settecamini, nel Municipio IV, è in programma un nuovo collegamento tra via Quintiliolo e via Attilio Bertolucci, riqualificazione di strade secondarie e di aree di verde pubblico, una biblioteca e un centro per le visite archeologiche sorgerà dal recupero dell’immobile ex Casa del Popolo. A La Rustica, nel Municipio V, tra le varie opere è previsto il completamento degli impianti sul Parco Caduti di Marcinelle, la ristrutturazione dell’area di Casale Caletto con sistemazione giochi, campo polivalente e spazi verdi e nuovi percorsi ciclopedonali in prossimità della scuola di largo Corelli.

Nella zona dei Colli, al Municipio VI, saranno realizzati collegamenti più veloci per la stazione ferroviaria, piste ciclopedonali tra Colle del Sole e Colle degli Abeti, una piazza con spazi polifunzionali al Villaggio Falcone e sarà riqualificato il Casale Benzone con lo scopo di essere destinato ad attività culturali. A Gregna, nel Municipio VII, ci sarà un Polo Culturale Sportivo, aree verdi nella zona dei lotti, una nuova strada per migliorare i collegamenti interni. A Valco San Paolo, Municipio VIII, è prevista la riorganizzazione di largo San Leonardo Murialdo, percorsi pedonali nel quadrante e funzionalizzazione degli ex portierati dei complessi Erp di largo Veratti. A Spinaceto, Municipio IX, nascerà un centro polifunzionale in largo Nicolò Cannella e sarà realizzata la Casa della solidarietà.

A Ostia Antica, Municipio X, è in programma il recupero delle aree degradate o occupate e il miglioramento dell’offerta culturale, anche attraverso spazi polivalenti. Alla Magliana, nel Municipio XI, lo spiazzo di largo Collodi sarà ripensata come area verde e pedonale, saranno incrementati i parcheggi. A Monteverde, Municipio XII, è prevista la riqualificazione della strada che collega la scuola Bixio con la Casetta Garibaldina, e la ristrutturazione della scalinata di via Falda. A Montespaccato, nel Municipio XIII, è in programma la riqualificazione della piazza ex Campari con la realizzazione di 6-8 banchi fissi di mercato aperti 24 ore e con mescita e servizio alimentare continuo e la riqualificazione di via Cornelia. A Palmarola, Municipio XIV, è previsto un centro di aggregazione con scuole, verde, uffici, spazi sociali e culturali collegati da una mobilità pedonale lungo via Casal del Marmo. A Labaro, Municipio XV, sarà creato un collegamento ciclopedonale che porta alla pista ciclabile Tevere nord, e sarà costruito un campetto sportivo polivalente al parco Marta Russo.

La prossima fase del programma prevede la redazione di un Masterplan per la riqualificazione degli ambiti selezionati finalizzato a individuare le soluzioni progettuali. Dopo l’approvazione del Masterplan saranno individuati un primo gruppo di interventi che saranno realizzati nel corso del 2023 per un totale di 22,5 milioni di euro, e un secondo gruppo per i quali è previsto il ricorso a concorsi di progettazione. “Per ricucire Roma dalle periferie al centro è necessario un grande piano di rigenerazione urbana, coerente con i bisogni e le vite delle romane e dei romani. Un piano che metta al centro un’azione urbanistica integrata” e “con questo programma andiamo proprio in questa direzione: non solo costituiamo una “mappa” di interventi da poter realizzare in tempi brevi ma lo facciamo attraverso il coinvolgimento di chi il territorio lo conosce e lo vive quotidianamente: i Municipi”, ha chiarito l’assessore all’Urbanistica di Roma, Maurizio Veloccia.

“Il programma che presentiamo oggi è un primo concreto atto per la creazione della Città dei 15 minuti, ecosostenibile con al centro innanzitutto i bisogni delle persone. Una città della prossimità dove i servizi siano sempre più vicini al cittadino, consentendo così di realizzare quell’assetto policentrico rimasto in passato solo nelle migliori intenzioni. Prima abbiamo pensato al futuro, assicurando a Roma ingenti risorse Pnrr per portare servizi e rigenerazione laddove mancano. Ora acceleriamo nel lavoro con obiettivi a breve e medio termine, per migliorare la vita di tutte le romane e i romani”, ha aggiunto l’assessore al Decentramento di Roma, Andrea Catarci.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram