Repubblica Centrafricana: autorità di Bangui adottano il Bitcoin come moneta a corso legale

Il primo Paese al mondo ad aver ufficializzato la criptovaluta è stato El Salvador nel 2021. A metà novembre dello stesso anno, l'esecutivo del presidente Nayib Bukele aveva lanciato il progetto della "Bitcoin City", una città ultramoderna e sostenibile alimentata con energia geotermica

Bitcoin

Dopo El Salvador, la Repubblica Centrafricana è diventato il secondo Paese al mondo ad adottare il Bitcoin come moneta a corso legale. Secondo quanto reso noto oggi in una dichiarazione dall’ufficio della presidenza di Bangui, il presidente Faustin Archange Touadera ha firmato un disegno di legge redatto dal ministro dell’Economia digitale, Gourna Zacko, e dal ministro delle Finanze e del bilancio, Calixte Nganongo, che stabilisce un quadro legale e normativo per le criptovalute e rende il Bitcoin ufficialmente una valuta a corso legale insieme al franco Cfa già esistente.

El Salvador è diventato nel 2021 il primo al mondo ad adottare il Bitcoin come moneta legale, assieme al dollaro statunitense. A metà novembre dello stesso anno, l’esecutivo del presidente Nayib Bukele aveva inoltre lanciato il progetto della “Bitcoin City”, una città ultramoderna e sostenibile alimentata con energia geotermica. “Sarà una città legalmente costituita, avrà commerci, servizi, musei, bar, ristoranti, porto, aeroporto, e il suo proprio vulcano che darà energia alla città. Sarà completamente circolare ed in mezzo avrà una grande piazza”, aveva affermato Bukele nel corso di un evento di presentazione tenuto da “Bitcoin beach“. La nuova città, che nelle intenzioni del presidente dovrebbe essere costruita da zero nella località di Conchagua, nel golfo di Fonseca, nel sud-est del Paese, avrà inoltre il 50 per cento del suo spazio destinato ad aree residenziali, e si pone come obiettivo quello di costituire un polo tecnologico regionale altamente digitalizzato e sostenibile.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram