Regno Unito: si dimette la portavoce del governo ripresa nel video sul “party natalizio”

La portavoce del governo britannico, Allegra Stratton, si è dimessa dopo la diffusione del video nel quale veniva ripresa intenta a scherzare con alcuni giornalisti sul mancato rispetto delle restrizioni contro il Covid-19. “Il popolo britannico ha fatto immensi sacrifici nella battaglia contro il Covid-19”, ha affermato Stratton annunciando le sue dimissioni: “Mi pentirò per queste affermazioni per il resto dei miei giorni e offro le mie scuse più profonde a tutti voi per questo”. Anche il primo ministro britannico, Boris Johnson, si è scusato “senza riserve” per il caso del “party natalizio” tra esponenti del governo svoltosi nel dicembre 2020 in violazione della serrata anti Covid-19. Parlando al question time di oggi in Parlamento a Londra, Johnson si è scusato “per i danni che ha causato nel Paese e per l’impressione data” a causa del video diffuso nelle scorse ore. Johnson si è detto a sua volta “furioso” nel vedere la portavoce ritratta nel video scherzare su una questione così seria. “Posso comprendere quanto deve essere motivo di rabbia pensare che le persone che hanno posto le regole non le rispettano”, ha affermato Johnson precisando che, fino alla pubblicazione del video, gli è stato sempre assicurato che tale incontro non aveva avuto luogo. Il premier ha infine annunciato un’indagine per chiarire quanto avvenuto e per prendere azioni disciplinari contro le persone coinvolte.

Nelle scorse ore è cresciuta la pressione sul premier britannico Johnson, anche tra i parlamentari conservatori, affinché chiarisca quanto emerso sul “party natalizio” che sarebbe avvenuto nel dicembre 2020 in violazione norme per contenere la diffusione del Covid-19. A scatenare le polemiche è stato un video ottenuto dall’emittente “Itv”, che ritrae l’ex portavoce del premier britannico, Allegra Stratton, mentre scherza con alcuni giornalisti sull’effettivo svolgimento di questo “party” e ammette che si sarebbe tenuto “un incontro di lavoro senza distanziamento sociale”. Fino alle dichiarazioni odierne di Johnson, Downing Street hanno mantenuto la linea secondo cui tale incontro senza distanziamento sociale, in piena serrata contro il Covid, non si sarebbe in realtà tenuto. L’opposizione laburista ha parlato di un comportamento “vergognoso” da parte del governo, ma anche dalla fila dei parlamentari conservatori si sono levate accese critiche contro Johnson. L’ex ministro conservatore Tobias Ellwood ha chiesto un’indagine indipendente sulle apparenti violazioni delle regole commesse da esponenti del governo nel dicembre 2020.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram