Banner Leonardo

Quindici milioni dalla Regione Lazio per l’innovazione digitale delle piccole e medie imprese: al via il bando

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Un bando da 15 milioni di euro per aumentare l’efficienza e la competitività delle micro, piccole e medie imprese del Lazio. Le domande possono essere presentate dalle 12:00 del 6 dicembre 2023 fino alle 18:00 del 23 gennaio 2024. Il bando è gestito completamente on-line da Lazio Innova tramite la piattaforma “GeCoWeb Plus” raggiungibile dai siti “lazioinnova.it” e “lazioeuropa.it”. Ed è rintracciabile alla voce “Voucher digitalizzazione Pmi”. L’avviso pubblico è stato presentato stamattina dalla vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico, Roberta Angelilli, nella nella sede della giunta regionale del Lazio. Obiettivo dell’inziativa è sostenere le imprese che intendono acquistare tecnologie digitali e servizi. La dotazione complessiva finanziata dal Fondo Europeo Fesr 2021-2027 è di 15 milioni di euro, di cui 5 milioni per le strategie territoriali, riservati alle Pmi che operano nei Comuni di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo e nei Municipi IV e X di Roma. L’intervento è destinato alle Pmi iscritte al Registro delle imprese italiano e che risultano attive, con una sede operativa nel Lazio, che può essere acquisita anche prima dell’erogazione del contributo. “La digitalizzazione – ha spiegato il presidente di Lazio Innova, Francesco Marcolini – è alla base di qualunque attività. Stiamo lavorando in sinergia con il Ministero delle imprese e del made in Italy e i bandi del prossimo anno saranno per l’industria 5.0, ovvero l’integrazione degli investimenti digitali con l’efficientamento energetico. Per efficientamento si intende quello della produzione e degli ambienti. Il ministero sta preparando dei bandi, noi li faremo a valere sul Fesr del prossimo anno”.


L’importo massimo che può essere riconosciuto è di 50 mila euro per le micro imprese, 100 mila euro per le piccole imprese e 150 mila euro per le medie imprese. Ill contributo minimo erogabile non può essere inferiore, invece, ai 14 mila euro. In particolare, i contributi previsti riguarderanno la diagnosi digitale (solo per le Pmi), obbligatoria per le imprese che partecipano al bando, aiuta il livello di digitalizzazione e individua, con esperti indipendenti, gli investimenti tecnologici opportuni. La digital workplace, sia per le micro imprese che per le Pmi, inoltre, finanzia l’acquisto di postazioni di lavoro digitale, per favorire I’uso di tecnologie utili ad aumentare la produttività. La digital Clcommerce and engagement (per micro imprese e Pmi), offre contributi per l’apertura e/o l’ampliamento di piattaforme e canali digitali, per il marketing, la commercializzazione, la fidelizzazione e i servizi di supporto post-vendita. Il Cloud Computing, invece, solo per le Pmi, offre contributi per l’acquisto di spazi digitali di archiviazione e di gestione dei dati online, per modernizzare le infrastrutture informatiche e ridurne i costi di gestione. Infine la cybersecurity (solo per le Pmi), offre contributi per prevenire eventuali attacchi informatici e garantire un elevato
livello di sicurezza.

“Il voucher è una misura di semplificazione massima per le imprese, il bando è semplicissimo e non ci sarà rendicontazione”, ha spiegato Angelilli. “Il bando – ha aggiunto – mira all’obiettivo del valore aggiunto tecnologico dell’innovazione per le imprese e non alle scartoffie burocratiche che spesso diventano un motivo di inaccessibilità ai fondi europei. Il rimborso sarà presentato in maniera forfettaria, quello che conta è il progetto. Si rivolge alle Pmi e alle micro imprese ma anche alle cooperative che sono quelle che hanno più bisogno di digitalizzazione e innovazione. Attraverso i contributi del bando potranno investire in servizi tecnologici di innovazione, come piattaforme e-commerce e marketing, acquistare spazi di archiviazione virtuale o anche cybersecurity, importantissima sia per le imprese che per i consumatori”. Inoltre, il bando vuole superare il principio del cosiddetto “click day”. “Il click day spesso era il primo ostacolo, perché per vari motivi anche chi arrivava un secondo dopo era tagliato fuori. Il punto del click day è stato superato, come è stato fatto anche nel bando sulla digitalizzazione, perché motivo di grande polemica da parte delle imprese”, ha chiarito Angelilli.

I dettagli inerenti alle novità contenute nel bando, ai fini della rendicontazione delle spese, sono stati illustrati da Tiziana Petucci, Autorità di Gestione del Pr Fesr Lazio 2021-2027 e direttore regionale per lo Sviluppo Economico, Attività produttive e ricerca,. Petucci ha spiegato che grazie alla semplificazione delle procedure introdotta dalla Regione Lazio e approvate formalmente dalla Commissione europea, il rimborso sarà riconosciuto al raggiungimento del risultato anziché sulla spesa sostenuta. In pratica, le imprese saranno tenute a dimostrare di aver realizzato gli interventi previsti e riceveranno una somma a forfait predefinita per ciascun ambito di investimento. “Il ministero delle imprese e del made in Italy sta investendo molto nella digitalizzazione delle imprese”, ha commentato Raffaele Spallone, dirigente divisione Digitalizzazione delle imprese del ministero. “Anche per il 2024-2025 prevediamo un’importante dotazione finanziaria. La digitalizzazione delle Pmi è un aspetto cruciale per rispondere alle sfide dalle transizioni digitali e green, solo investendo in innovazione e digitalizzazione le imprese sono realmente in grado di competere. E questa sinergia con le Regioni per integrare i fondi disponibili è fondamentale”, ha concluso Spallone.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Scontri fra agricoltori e forze dell’ordine, l’Ue apre a una possibile revisione della Politica agricola

"Il Consiglio dell'Ue dovrebbe riaprire l'atto di base della Pac e rivedere i criteri di condizionalità. C'è una maggioranza a favore di questa idea", ha affermato il commissario europeo all'Agricoltura, Janusz Wojciechowski

Pnrr, Fitto: “L’approvazione del decreto è rilevante per accelerare su spesa e investimenti”

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto-legge Pnrr, che introduce, tra le altre cose, il nuovo "Piano Transizione 5.0", che mira a sostenere gli investimenti in digitalizzazione e nella transizione green delle imprese attraverso un innovativo schema di crediti d'imposta

Usa: martedì le primarie democratiche in Michigan, a rischio il sostegno a Biden della comunità araba

Il voto in Michigan potrebbe mostrare come l'opposizione di molti cittadini all'approccio del presidente Usa alla crisi di Gaza potrebbe influenzare l'esito delle elezioni generali di novembre, che si giocheranno su una manciata di Stati chiave

Svezia, ambasciatore Bjorklund: Con l’adesione alla Nato rafforziamo la sicurezza anche a livello regionale

"L’adesione di Stoccolma all'Alleanza apre ora interessanti prospettive anche alla cooperazione con l’Italia a livello di industria della Difesa"

Brescia, A2a: con investimento da 110 milioni rendimento del termoutilizzatore al 98 per cento

Mettere l’energia in circolo, così da non sprecare nulla, recuperando ogni calore di scarto che possa contribuire alla decarbonizzazione del telerisca...

Altre notizie

pane

Roma: volano i prezzi di patate e pane, il carrello della spesa aumenta del 13 per cento

Sono i dati elaborati dal Centro di formazione e ricerca sui consumi e che "Agenzia Nova" ha potuto visionare in esclusiva

Africa: le giunte golpiste incassano una vittoria, revocate le sanzioni commerciali della Cedeao

La Comunità economica dei Paesi dell'Africa occidentale ha optato per "un cambio di passo" nell'approccio alle giunte militari che negli ultimi mesi hanno rivendicato con decisione la loro intenzione di lasciare l'organismo regionale, affrancandosi da un blocco da loro denunciato come neo-colonialista e dalla forte influenza francese
elezioni amministrative

Lentezza degli scrutini in Sardegna: per il M5S sarebbe “strategia comunicativa”

Polemiche sulla lentezza dell'aggiornamento dei dati relativi alle elezioni regionali della Sardegna sul sito della Regione dedicato ai risultati nel ...

L’analista: “Le dimissioni del premier dell’Anp Shtayyeh aprono a un governo di coalizione”

Secondo quanto riferito dal ricercatore di Ispi, Mattia Serra, ad "Agenzia Nova", le dimissioni di Shtayyeh sono significative per due ragioni principali
Bengasi - Libia -

Libia-Italia: possibile avvio dei voli civili tra Roma e Bengasi

E’ quanto emerso dalla visita nella città libica dell’est dell’ambasciatore d'Italia in Libia, Gianluca Alberini