Processo Ream: assolta in Appello l’ex sindaca di Torino Chiara Appendino

Su Facebook, l'ex prima cittadina ha scritto che "era stata messa in dubbio la mia buona fede. Oggi, dopo quasi sei anni, viene ristabilita la verità. Un enorme grazie alla mia famiglia, ai miei super avvocati e a tutte le persone che in questi anni mi sono state vicine, inclusa la mia forza politica, il Movimento 5 stelle"

Dopo la condanna a sei mesi in primo grado, in Appello l’ex sindaca di Torino Chiara Appendino è stata assolta dalle accuse mosse nell’ambito del processo Ream. L’ex sindaca era imputata per il mancato inserimento nel bilancio comunale di un debito di 5 milioni di euro maturato con Ream.

Appendino ha reagito all’assoluzione scoppiando in un pianto liberatorio e successivamente su Facebook ha scritto “Era stata messa in dubbio la mia buona fede. Oggi, dopo quasi sei anni, viene ristabilita la verità. Un enorme grazie alla mia famiglia, ai miei super avvocati e a tutte le persone che in questi anni mi sono state vicine, inclusa la mia forza politica, il Movimento 5 stelle”, conclude.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram