Banner Leonardo

Privatizzazione impresa igienico-sanitaria di San Paolo: via libera tra urla e scontri in Brasile – video

I deputati delle opposizioni hanno abbandonato l'emiciclo prima di votare il testo

Brasilia
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Il Parlamento dello Stato di San Paolo (Brasile) ha approvato la discussa riforma che porterà alla privatizzazione della Sabesp, una delle aziende di servizi igienico-sanitari più grandi del mondo. Il provvedimento, che dovrà essere ora ratificato dall’assemblea della capitale San Paolo, è passato al termine di un acceso dibattito, inframezzato anche da scontri tra manifestanti contrari alla misura e polizia, all’interno del palazzo legislativo. Il voto, sottolineano i media locali, è presentato come una vittoria dal forte valore simbolico per il governatore dello Stato, il conservatore Tarcisio de Freitas (Repubblicani). De Freitas, la cui idea di privatizzare l’impresa ha sollevato più di una protesta, ha parlato di un “giorno storico” per la storia dello Stato.


Come nei giorni precedenti, il dibattito è stato accompagnato da tensione dentro e fuori dall’aula. I deputati delle opposizioni hanno abbandonato l’emiciclo prima di votare il testo, denunciando l’impossibilità di lavorare a fronte degli scontri. I manifestanti avevano infatti cercato di invadere l’aula, portando il presidente del Parlamento, André do Prado, a chiedere l’intervento delle forze di sicurezza. La polizia militare è intervenuta utilizzando anche spray urticante e mettendo in stato di fermo alcuni manifestanti. Ripresi i lavori il testo è stato approvato con 62 voti favorevoli, un contrario e 26 assenti (per l’approvazione era sufficiente la maggioranza semplice). La legge dovrà ora essere posta al vaglio del parlamento della capitale, passaggio reso obbligatorio dal fatto che la metropoli rappresenta il 55 per cento del fatturato dell’azienda. Sull’esito finale pendono inoltre i ricorsi che le opposizioni presenteranno alla Corte suprema (Supremo tribunal federal, Stf), denunciando – tra le altre cose – il possibile uso improprio dello strumento normativo utilizzato.

Una volta ottenuto il possibile via libera allo strumento, il governo statale prevede investimenti pari a 66 miliardi di reais (l’equivalente di oltre 12 miliardi di euro) da qui al 2029, circa dieci miliardi in più di quelli oggi previsti dalla compagnia. Fondi che dovrebbero servire tra le alte cose a realizzare impianti per la desalinizzazione delle acque, strumenti per ridurre l’inquinamento nei principali fiumi statali e per aiutare nella lotta ai cambiamenti climatici. Inoltre si prevede di anticipare, dal 2033 al 2029, il completamento delle opere sanitarie di tutta la regione.

La Sabesp è una impresa ad economia mista, con lo Stato che attualmente controlla il 50,3 per cento del capitale. Il resto è invece in azioni quotate presso le borse valori di San Paolo e New York. Viene considerata una delle aziende più grandi nel suo genere, servendo 375 comuni per un totale di 28,4 milioni di abitanti. Sabesp, che dà lavoro a oltre 12mila persone, ha un valore di mercato di 39 miliardi di reais (l’equivalente di circa 7,3 miliardi di euro). Nel 2022 ha denunciato utili per 3,12 miliardi di euro, in aumento del 35 per cento sui 2,3 miliardi ottenuti l’anno precedente.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Stellantis

Torino: ad aprile sciopero dei sindacati per chiedere il rilancio della produttività di Stellantis

Le organizzazioni sindacali chiedono un secondo modello di massa per rilanciare l'impianto di Mirafiori e allo stesso tempo l'arrivo di un secondo produttore automotive
lavrov

Lavrov: “La dichiarazione di Macron sull’invio di truppe in Ucraina? Un fatto serio”

Il ministro degli Esteri russo sottolinea: "Non ci aspettiamo cambiamenti dopo le presidenziali negli Stati Uniti"

Strage di Erba: rinviata al 16 aprile la nuova udienza con l’intervento della difesa

Più tempo per leggere le memorie depositate e il non dover discutere oggi nel merito dell'istanza: queste le richieste dell'avvocato dei coniugi Romano

Erogazione del credito e sicurezza sul lavoro: Cgil e Uil firmano un accordo con la Banca del Fucino

La Banca del Fucino si impegna a concedere credito solo a imprese edili che rispettino la normativa in materia di sicurezza sul lavoro e delle norme di salute e sicurezza nei cantieri e che applichino il contratto nazionale edili

Etiopia: quasi un milione di bambini soffrirà di malnutrizione acuta

A complicare ulteriormente la situazione, in tutta la nazione è in corso un'emergenza sanitaria con focolai di colera, morbillo, dengue e malaria

Altre notizie

Valditara: “Sugli studenti stranieri le mie proposte vanno verso la vera integrazione”

"Voglio salvaguardare tempi e qualità di apprendimento di tutti gli studenti, senza nessuna ghettizzazione"

Spagna: il procedimento per terrorismo contro Puigdemont è un altro ostacolo per il governo Sanchez

Sono a rischio le già complesse trattative dell'esecutivo con Uniti per la Catalogna per raggiungere un accordo sulla legge di amnistia

Musk denuncia l’Ad di OpenAI: “Dà priorità ai profitti e non ai benefici per l’umanità”

Lo scontro vede ora Musk, secondo uomo più ricco del mondo, contro l'azienda di maggior valore al mondo, Microsoft

La viceministra norvegese Varteressian: “Non solo energia, uniamo le nostre industrie anche in altri rami”

La Norvegia non fa parte dell’Ue “ma siamo i non membri più vicini. Siamo un vero partner”

Pil, Istat: nel 2023 crescita dello 0,9 per cento, +4 per cento nel 2022

"La crescita - si legge nella nota dell'Istituto - è stata principalmente stimolata dalla domanda nazionale al netto delle scorte, con un contributo di pari entità di consumi e investimenti"