Banner Leonardo

Presentato alla Casa del Cinema di Roma “Hotel Sarajevo”, docufilm sull’assedio nel cuore dei Balcani

Diego Zandel, uno degli autori, scrittore e giornalista istriano, ha detto a "Nova" che quando è nato il progetto del documentario nessuno poteva immaginare che la storia avrebbe riproposto a qualche centinaio di chilometri di distanza una tragedia che, sia pure con protagonisti e motivi diversi, ha inquietanti punti di contatto con quanto avvenne nel 1992

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

È stato presentato in anteprima a Roma, alla Casa del Cinema, il docufilm “Hotel Sarajevo” che andrà in onda domenica 29 in Speciale Tg1 in seconda serata sulla Rai. A trent’anni da quella che – fino all’invasione russa dell’Ucraina – era considerata l’ultima guerra combattuta in Europa, “Hotel Sarajevo” ripercorre alcune delle vicende cruciali del conflitto nella ex-Jugoslavia, soffermandosi in particolare sull’assedio di Sarajevo e sulla guerra in Bosnia-Erzegovina per raccontare le ferite di uno scontro armato tra comunità che avevano fino ad allora convissuto e che si ritrovarono coinvolte, alternativamente vittime e carnefici, in crimini spietati. Il docufilm, con la regia di Barbara Cupisti, è una produzione Clipper Media e Luce Cinecittà con Rai Cinema. Diego Zandel, uno degli autori di “Hotel Sarajevo”, scrittore e giornalista istriano, ha detto ad Agenzia Nova che quando è nato il progetto del documentario nessuno poteva immaginare che la storia avrebbe riproposto a qualche centinaio di chilometri di distanza una tragedia che, sia pure con protagonisti e motivi diversi, ha inquietanti punti di contatto con quanto avvenne nel 1992.


“Oggi abbiamo visto che non abbiamo imparato assolutamente niente dalla guerra della ex Jugoslavia e di nuovo abbiamo un conflitto nel cuore dell’Europa. Non era una cosa che ci si aspettava, sapendo anche quello che è costato allora. Speravamo che fosse una lezione capace di insegnarci qualcosa per il futuro”, ha osservato Zandel anche se, come ha precisato, i due conflitti sono nati per motivi diversi. “Oggi assistiamo all’aggressione della Russia nei confronti dell’Ucraina, mentre allora c’era un tentativo da parte della Serbia di ‘trattenere’ e mantenere una Jugoslavia che poi si era trasformata nell’idea di una Grande Serbia, tentando di aggiungere tutte le parti di territorio dove c’era della popolazione serba”, ha detto Zandel. Il docufilm parte dall’hotel dove alloggiavano tutte le testate internazionali che documentavano il conflitto in Bosnia. “Siamo partiti da lì per raccontare innanzitutto quello che ha implicato l’assedio di Sarajevo, ma anche fare dell’hotel un protagonista che diventa simbolo della Jugoslavia, quasi come un personaggio a se stante”, ha detto Zandel a proposito dell’opera di cui è co-autore.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

donald trump

Usa: oggi le primarie repubblicane in Carolina del Sud, Trump strafavorito su Haley

L'ex ambasciatrice alle Nazioni Unite spera in una prestazione migliore del previsto nel suo Stato d'origine, tuttavia i sondaggi attribuiscono all'ex presidente Usa un vantaggio medio a livello statale di circa 30 punti percentuali

La dichiarazione finale del summit di Kiev: ecco i punti principali

I Paesi del G7 chiedono alla Russia “di cessare immediatamente la sua guerra di aggressione e ritirare completamente e incondizionatamente le sue forze militari dal territorio internazionalmente riconosciuto dell’Ucraina”

Draghi alla riunione Ecofin: “Confronto con i ministri sul tema della competitività Ue”

La relazione esaustiva di Draghi è attesa per la fine di giugno. Successivamente, il Consiglio di economia e finanza "elaborerà ulteriormente e metterà in atto le soluzioni individuate"

Niger: la Cedeao annuncia la revoca delle sanzioni “con effetto immediato”

La decisione, ha affermato il presidente della Commissione Cedeao, Omar Alieu Touray, è stata presa “per motivi puramente umanitari” e per alleviare le sofferenze causate alla popolazione nigerine

Il corpo del dissidente russo Navalnyj è stato consegnato alla madre

La donna si trova ancora a Salekhard. I funerali sono ancora in sospeso

Altre notizie

Gaza: lunedì Israele consegnerà alla Corte dell’Aia il rapporto sulle misure per prevenire il genocidio

Il documento redatto dal ministero degli Esteri e della Giustizia si concentrerà sull'ordine di "prevenire e punire l'incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio", di adottare misure immediate per "consentire la fornitura di servizi di base"

Cortei a Pisa, Mattarella a Piantedosi: L’autorevolezza delle forze dell’ordine non si misura sui manganelli

Le parole del Capo dello Stato fanno seguito agli eventi di Pisa dove si sono verificati scontri durante un corteo studentesco contro la guerra a Gaza

Gaza, “Axios”: Il nuovo piano di accordo prevede sei settimane di tregua e il rilascio di 40 ostaggi

La proposta, elaborata durante i negoziati avvenuti ieri a Parigi, in Francia, prevede anche la liberazione di centinaia di prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane
houthi mar rosso

Mar Rosso, Centcom: “Possibile disastro ambientale causato da una nave mercantile colpita dagli Houthi”

L’attacco alla nave Rubymar rappresenta il danno più significativo mai inflitto a una nave commerciale da quando gli Houthi hanno iniziato a sparare sulle navi a novembre come forma do rappresaglia contro l'offensiva israeliana a Gaza

Ucraina: Zelensky, Meloni e gli altri leader depongono corone di fiori al Muro del ricordo – video

Situato nei pressi del complesso di San Michele, il Muro del ricordo dei caduti per l’Ucraina rappresenta una delle più toccanti testimonianze riguardanti il conflitto