Next Generation Eu: erogati alla Grecia prefinanziamenti per 4 miliardi di euro

europa eu

La Commissione europea ha erogato oggi alla Grecia 4 miliardi di euro di prefinanziamento, equivalenti al 13 per cento dei sussidi e prestiti previsti nel Programma di ripresa e resilienza. È quanto riferisce la Commissione, secondo cui la Grecia è uno dei primi Paesi a ricevere un prefinanziamento che contribuirà a dare il via all’attuazione degli investimenti cruciali e delle misure di riforma delineate nel piano nazionale di ripresa e resilienza ellenico. La Commissione autorizzerà ulteriori esborsi sulla base dell’attuazione degli investimenti e delle riforme delineate nel Pnrr.

Il Paese riceverà un totale di 30,5 miliardi di euro nel corso della durata del piano (17,8 miliardi di euro in sovvenzioni e 12,7 miliardi di euro in prestiti). L’esborso odierno segue la recente messa in atto delle prime operazioni di prestito nell’ambito del Next Generation Eu. Entro la fine dell’anno, la Commissione intende raccogliere fino a un totale di 80 miliardi di euro in finanziamenti a lungo termine per finanziare i primi esborsi previsti agli Stati membri.

Con il suo Pnrr, la Grecia finanzia investimenti e riforme che dovrebbero avere un effetto profondamente trasformativo sull’economia e sulla società ellenica. Fra gli obiettivi principali c’è quello di garantire la transizione verde: 645 milioni di euro andranno a finanziare l’interconnessione con le isole Cicladi, aumentando il potenziale delle fonti energetiche rinnovabili e la capacità di stoccaggio. Si prevedono inoltre forme di sostegno alla transizione digitale: misure per un valore di 375 milioni di euro stimoleranno l’adozione delle tecnologie digitali, in particolare da parte delle piccole e medie imprese, e sosterranno gli acquisti di servizi digitali e registratori di cassa di nuova tecnologia.

Infine, si punta a rafforzare la resilienza economica e sociale: 740 milioni di euro saranno investiti nel rafforzamento delle politiche attive del mercato del lavoro per aumentare l’occupazione a tempo pieno, anche per i disoccupati di lunga durata e le persone svantaggiate. Ulteriori 627 milioni di euro saranno investiti nel miglioramento e nella digitalizzazione della pubblica amministrazione; digitalizzare il sistema giudiziario e accelerare le procedure giudiziarie e per modernizzare e semplificare la normativa fiscale.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram