Banner Leonardo

Nato: a Bruxelles il primo giorno della ministeriale Esteri, focus su Ucraina e Medio Oriente

Bruxelles
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Il diritto internazionale, a partire da quello umanitario, deve essere rispettato in ogni conflitto, in Ucraina come nella Striscia di Gaza. E’ il messaggio lanciato dal segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nella conferenza stampa con cui si è conclusa la prima giornata della riunione dei ministri degli Esteri dell’Alleanza Atlantica a Bruxelles. “Il mio messaggio è che il diritto internazionale e il diritto umanitario devono essere rispettati in tutti i conflitti e le vite civili devono essere sempre protette. E questo è stato il nostro messaggio sia per il conflitto a Gaza, ma anche, naturalmente, per gli altri conflitti che vediamo in tutto il mondo”, ha detto il segretario. “Credo sia anche importante riconoscere che la situazione a Gaza e quella in Ucraina sono diverse sotto molti aspetti. L’Ucraina non ha mai rappresentato una minaccia per la Russia. L’Ucraina non ha mai attaccato la Russia. L’invasione russa dell’Ucraina è stata un’invasione non provocata, un’invasione su larga scala di un altro Paese”, ha aggiunto Stoltenberg. “Naturalmente, l’Ucraina ha il diritto all’autodifesa contro un attacco non provocato e a sostenere l’integrità territoriale. Sostenere il diritto all’autodifesa dell’Ucraina è qualcosa su cui tutti gli alleati concordano, anche perché il diritto all’autodifesa è sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. Quindi il diritto umanitario internazionale si applica a tutti i conflitti e noi continueremo a sostenere l’Ucraina perché si tratta di proteggere il diritto internazionale”, ha spiegato.


Stoltenberg ha di nuovo richiamato l’attenzione sul fatto che la Russia usa strumenti non convenzionali per fare pressione sui Paesi vicini. Come già con la Polonia e le repubbliche baltiche, ora anche la Finlandia sta subendo le conseguenze di una strumentalizzazione della pressione migratoria da parte di Mosca. “Li abbiamo visti usare l’energia, i cyberattacchi, diversi tipi di operazioni clandestine per cercare di minare le nostre democrazie e abbiamo visto la loro presenza e il tentativo di minare alcuni dei governi dei Balcani occidentali, non ultimo quello del Montenegro alcuni anni fa”, ha detto. “Il fatto che la Russia stia usando la migrazione come strumento è un altro esempio del tentativo di fare pressione sui vicini alleati della Nato. Ma non ci riuscirà, perché siamo uniti e ci sosteniamo a vicenda”, ha proseguito Stoltenberg. “Accolgo con favore la decisione dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, Frontex, di sostenere e assistere la Finlandia”, ha poi dichiarato. Il segretario generale si è espresso anche a proposito di Pechino: “La Cina si trova in Asia e non ha confini di terra con gli alleati della Nato, ma ciò che la Cina fa è importante per la nostra sicurezza. Vediamo che la Cina sta modernizzando pesantemente le sue forze armate, vediamo il modo in cui sta esercitando pressioni sui Paesi vicini e altri Stati, non da ultimo nel Mar cinese meridionale. Vediamo il disprezzo della Cina per i diritti umani”, ha detto. La Nato rimarrà un’alleanza regionale tra Nord America ed Europa, ma questa regione deve affrontare minacce e sfide globali. E una delle sfide che dobbiamo affrontare sono le conseguenze sulla sicurezza del comportamento della Cina, che lavora sempre più a stretto contatto con la Russia. Quindi molte delle cose che facciamo sono rilevanti per affrontare le sfide poste dalla Cina”, ha concluso.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Meloni: “Il mio obiettivo è restituire credibilità al Paese”

“Sono una persona che ha speso due terzi della propria esistenza nell’impegno politico e ancora adesso la considero la più straordinaria forma di impegno civile che esista”

Ex Ilva, Urso in visita a Taranto: “A giorni completeremo la terna di commissari”

“Realizzeremo il polo tecnologico sulla transizione ambientale e Taranto sarà la sede nazionale"

Medio Oriente: proseguono le trattative per il rilascio degli ostaggi, mentre sale la tensione in Libano e Siria

I rappresentanti di Israele, Stati Uniti, Qatar ed Egitto si sono riuniti a Doha per discutere lo scambio di ostaggi e una possibile tregua nella Striscia di Gaza

Libia, fonti “Nova”: mercoledì a Tunisi una riunione di Camera e Senato su un nuovo governo unificato

Un funzionario vicino al “Senato” libico con sede a Tripoli ha riferito che alla riunione dovrebbero partecipare circa 140 membri delle due camere, almeno un rappresentante della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia e cinque importanti imprenditori libici

Tajani e Radman al Comitato di coordinamento dei ministri: Tra Italia e Croazia rapporto in forte espansione

I rapporti bilaterali tra Italia e Croazia vertono in una fase di forte espansione. I settori strategici su cui puntare sono infrastrutture ed energie...

Altre notizie

Gli Emirati e il Fondo monetario internazionale intervengono per salvare l’Egitto dalla bancarotta

“Agenzia Nova” ha parlato dei recenti sviluppi con l’analista Roberta La Fortezza
Anton Siluanov

Russia, Siluanov: L’uso dei nostri asset per ricostruire l’Ucraina mina le basi del sistema finanziario

"Non è la prima volta che sentiamo questa proposta", ha detto il ministro delle Finanze russo interpellato da "Agenzia Nova"

Da Cipro il messaggio di pace di Mattarella: “Una strada complessa ma sempre possibile”

"L’Italia partecipa con convinzione alla missione Onu a Cipro ed è orgogliosa di farlo per la pace mantenuta e l’obiettivo di una soluzione positiva che renda possibile ulteriore sviluppo di progresso in questo territorio”
Draghi

Draghi al Parlamento europeo: “Servono riforme strutturali”

L'ex premier e presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha partecipato alla riunione della conferenza dei presidenti delle commissioni d...

Sardegna 2024: Consiglio regionale, 11 seggi al Pd, 7 a Fd’I e M5S

Dopo 33 ore dallo spoglio, ancora non sono state contate tutte le 1.844 sezioni, ma già si comincia a delineare la composizione del nuovo Consiglio re...