Banner Leonardo

Myanmar: il Consiglio di sicurezza dell’Onu esprime preoccupazione ma non condanna il golpe

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Myanmar. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha raggiunto un’intesa su una dichiarazione congiunta a proposito della crisi, nella quale non si condanna il colpo di Stato militare ma si esprime “profonda preoccupazione per la proclamazione dello stato d’emergenza imposto dalle forze armate” e si chiede l’immediato rilascio della leader Aung San Suu Kyi e di quanti sono stati arrestati. “I membri del Consiglio di sicurezza – si legge nel documento – sottolineano la necessità di un continuo sostegno alla transizione democratica in Myanmar”. Martedì 2 febbraio l’organismo non era riuscito a trovare un accordo su una formula condivisa, secondo le ricostruzioni della stampa statunitense a causa dell’opposizione di Cina e Russia. Successivamente il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha negato che Pechino abbia appoggiato il golpe militare, invitando la comunità internazionale a “creare le condizioni perché le parti in Myanmar risolvano le loro divergenti”.


La notte del primo febbraio i vertici militari del Myanmar hanno preso il potere arrestando la consigliera di Stato Aung San Suu Kyi, il presidente Win Myint e i vertici della Lega nazionale per la democrazia (Nld). Il colpo di Stato non ha colto di sorpresa gli osservatori più attenti: a poche ore dalla sessione inaugurale del Parlamento emerso dalle elezioni legislative del novembre del 2020, la tensione nel Paese asiatico era stata infiammata dalle dichiarazioni di due generali che avevano aleggiato lo spettro del golpe e dell’abolizione della Costituzione in vigore dal 2008, così come dall’inquietante incremento della presenza di veicoli militari blindati per le strade di Yangon. Fatti che venerdì 29 gennaio avevano portato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, a esprimere “grande preoccupazione” per gli sviluppi politici in Myanmar. I militari contestano i risultati del voto dello scorso novembre, a loro dire macchiato da brogli ai danni della forza politica da essi appoggiata, il Partito dell’unione per la solidarietà e lo sviluppo (Usdp), che a fronte della larga vittoria dell’Nld di Aung San Suu Kyi si era visto accordare solo il cinque per cento dei seggi della nuova assemblea legislativa. Accuse che tuttavia la Commissione elettorale dell’unione (Uec) ha bollato come pretestuose, confermando i risultati e dando luce verde alla prima riunione del Parlamento.

Il golpe di queste ore, dunque, appare legato al timore dei vertici militari di perdere influenza sulla vita politica del Paese. Eppure, si tratta di una chiave di lettura insufficiente a spiegare quanto avvenuto. L’Usdp è certamente uno strumento importante a disposizione dei militari per continuare a pesare sugli equilibri politici anche dopo lo scioglimento, nel 2011, della giunta militare al potere dal 1962: basti pensare che i dirigenti del partito sono quasi tutti militari in congedo con forti legami con i generali attualmente ai vertici delle forze armate. Tuttavia, non è l’unico. L’attuale Costituzione, approvata nel 2008 con il favore dei generali all’epoca al potere, consente alle forze armate di controllare tre ministeri (Difesa, Affari interni e Affari di frontiera) e di nominare il 25 per cento dei deputati del Parlamento. La Costituzione stabilisce inoltre che il presidente ha il potere di dichiarare lo Stato d’emergenza solo dopo aver consultato il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale (Ndsc), controllato dai vertici militari.

Il colpo di Stato va dunque inquadrato anche, se non soprattutto, nella sua dimensione internazionale. Situato geograficamente tra due potenze regionali come Cina e India, il Myanmar è un Paese chiave per la definizione dei futuri assetti geopolitici in Asia. Soprattutto, è un Paese al quale negli ultimi anni ha guardato con attenzione il presidente cinese Xi Jinping, considerandolo un tassello chiave della maxi-iniziativa infrastrutturale della Nuova via della seta, o Belt and road initiative (Bri). Il Corridoio economico Cina-Myanmar (Cmec), in particolare, è per Pechino di fondamentale importanza per garantirsi uno sbocco nell’Oceano Indiano, per facilitare l’approvvigionamento di petrolio dal Golfo Persico (evitando il collo di bottiglia dello Stretto di Malacca) e per favorire lo sviluppo delle sue province meridionali. Centrale, in questo senso, è lo sviluppo del porto e della zona economica speciale di Kyaukphyu, città dello Stato di Rakhine destinata anche a ospitare il terminal di un oleodotto che, passando per la città di Mandalay, si allungherebbe fino a Muse, al confine con la Cina.

L’attuazione di tali progetti, tuttavia, è andata finora a rilento. Basti pensare che la Cina ha proposto un totale di 38 progetti nel quadro del Cmec e che il governo birmano, preoccupato dalla prospettiva di un eccessivo indebitamento nei confronti di Pechino, ne deve approvare ancora 29. La pandemia di Covid-19 ha rallentato ulteriormente le iniziative cinesi in Myanmar: il governo di Aung San Suu Kyi, che dovrebbe sborsare 7,5 miliardi di dollari per i progetti, è costretto in questa fase a dare priorità alla mitigazione dei danni economici provocati dalla seconda ondata di contagi e dalle conseguenti restrizioni alle attività. Tutto questo ha alimentato in questi anni forti tensioni tra Naypyidaw e Pechino, acuite dal sospetto che la Cina abbia un ruolo nel sostegno ai gruppi attivi in Myanmar.

La Repubblica popolare ha sempre negato ogni coinvolgimento negli scontri che in questi anni hanno visto l’Esercito di Arakan, gruppo armato indipendentista di base nello Stato di Kachin, al confine con la Cina, opporsi alle forze armate birmane. Tuttavia nel giugno del 2020 in Thailandia un blitz della polizia ha portato al rinvenimento di un grande quantitativo di armi di produzione cinese nella città di Mae Sot, proprio al confine con il Myanmar, che secondo fonti birmane sarebbe stato destinato all’Esercito di Arakan. Pochi giorni dopo il generale Min Aung Hlaing, capo delle forze armate del Myanmar, ha dichiarato in un’intervista all’emittente televisiva russa “Zvezda” che “le organizzazioni terroristiche nel Paese sono sostenute da forti attori all’estero”. Meno di un anno prima, nel novembre del 2019, erano state le stesse forze birmane a sequestrare un carico di missili superficie-aria agli insorti dell’Esercito nazionale di liberazione Ta’ang, quest’ultimo attivo negli Stati di Kachin e Shan. All’epoca il portavoce dell’esercito, generale Tun Tun Nyi, aveva sottolineato che quelle rinvenute erano “armi cinesi”.

A guardare con preoccupazione al presunto sostegno cinese ai gruppi armati birmani non era solo Aung San Suu Kyi, ma anche la vicina India, che sta sfidando la crescente influenza di Pechino nell’Asia meridionale e che negli ultimi mesi ha visto crollare ai minimi storici le proprie relazioni con la Cina. Una fonte militare di Nuova Delhi citata dal quotidiano “Times of India” sostiene che “l’Esercito di Arakan è finanziato al 95 per cento dalla Cina” e che la strategia di Pechino è tesa a evitare che l’India incrementi la propria influenza in Myanmar. Non è un caso, fa notare la fonte, che il gruppo armato si sia sempre ben guardato dal danneggiare gli interessi cinesi e abbia invece colpito duramente quelli indiani: pochi mesi dopo la concessione di un contratto da 220 milioni di dollari all’indiana C&C Construction per la realizzazione del Progetto di trasporto multimodale Kaladan, nel gennaio del 2018 l’Esercito di Arakan entrò in azione e rapì cinque cittadini indiani e cinque birmani tra cui un membro del Parlamento, sabotando inoltre mezzi e materiali di costruzione.

La proverbiale “goccia che fa traboccare il vaso”, dal punto di vista di Pechino, potrebbe essere stata la decisione del Myanmar di acquistare vaccini anti-Covid dall’India. Il governo di Naypyidaw ha ricevuto a fine gennaio da Nuova Delhi 1,5 milioni di dosi in dono, dando il via cinque giorni dopo alla sua campagna di vaccinazioni, e contestualmente ha firmato un accordo col produttore indiano Serum Institute per l’acquisto di 30 milioni di ulteriori dosi. Un duro colpo alla Cina, che si sta battendo proprio con l’India per vincere la partita della “diplomazia dei vaccini” in Asia meridionale e che al Myanmar ha promesso soltanto 300 mila dosi. Oggi la Cina non ha condannato esplicitamente il colpo di Stato in Myanmar e si è limitata a “prenderne atto”. “La Cina e il Myanmar sono buoni vicini. Speriamo che tutte le parti possano risolvere le loro divergenze nel quadro della Costituzione e della legge, salvaguardando la stabilità politica e sociale”, ha dichiarato in conferenza stampa il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Wang Wenbin. Ma c’è di più: il 12 gennaio scorso, meno di tre settimane prima del golpe militare, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi incontrava a Naypyidaw il comandante in capo delle forze armate birmane, il già citato Min Aung Hlaing, il generale salito al potere a seguito del colpo di Stato e sul quale sono ora puntati gli occhi degli osservatori internazionali. “La Cina – dichiarava quest’ultimo al termine della riunione – sarà sempre una buona amica del Myanmar, e la cooperazione amichevole tra i nostri Paesi andrà certamente ad approfondirsi sempre di più. Le forze armate sono pronte a svolgere un ruolo attivo in questo quadro”.

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Meloni: “Il mio obiettivo è restituire credibilità al Paese”

“Sono una persona che ha speso due terzi della propria esistenza nell’impegno politico e ancora adesso la considero la più straordinaria forma di impegno civile che esista”

Ex Ilva, Urso in visita a Taranto: “A giorni completeremo la terna di commissari”

“Realizzeremo il polo tecnologico sulla transizione ambientale e Taranto sarà la sede nazionale"

Medio Oriente: proseguono le trattative per il rilascio degli ostaggi, mentre sale la tensione in Libano e Siria

I rappresentanti di Israele, Stati Uniti, Qatar ed Egitto si sono riuniti a Doha per discutere lo scambio di ostaggi e una possibile tregua nella Striscia di Gaza

Libia, fonti “Nova”: mercoledì a Tunisi una riunione di Camera e Senato su un nuovo governo unificato

Un funzionario vicino al “Senato” libico con sede a Tripoli ha riferito che alla riunione dovrebbero partecipare circa 140 membri delle due camere, almeno un rappresentante della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia e cinque importanti imprenditori libici

Tajani e Radman al Comitato di coordinamento dei ministri: Tra Italia e Croazia rapporto in forte espansione

I rapporti bilaterali tra Italia e Croazia vertono in una fase di forte espansione. I settori strategici su cui puntare sono infrastrutture ed energie...

Altre notizie

Gli Emirati e il Fondo monetario internazionale intervengono per salvare l’Egitto dalla bancarotta

“Agenzia Nova” ha parlato dei recenti sviluppi con l’analista Roberta La Fortezza
Anton Siluanov

Russia, Siluanov: L’uso dei nostri asset per ricostruire l’Ucraina mina le basi del sistema finanziario

"Non è la prima volta che sentiamo questa proposta", ha detto il ministro delle Finanze russo interpellato da "Agenzia Nova"

Da Cipro il messaggio di pace di Mattarella: “Una strada complessa ma sempre possibile”

"L’Italia partecipa con convinzione alla missione Onu a Cipro ed è orgogliosa di farlo per la pace mantenuta e l’obiettivo di una soluzione positiva che renda possibile ulteriore sviluppo di progresso in questo territorio”
Draghi

Draghi al Parlamento europeo: “Servono riforme strutturali”

L'ex premier e presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha partecipato alla riunione della conferenza dei presidenti delle commissioni d...

Sardegna 2024: Consiglio regionale, 11 seggi al Pd, 7 a Fd’I e M5S

Dopo 33 ore dallo spoglio, ancora non sono state contate tutte le 1.844 sezioni, ma già si comincia a delineare la composizione del nuovo Consiglio re...