Ministero degli Esteri russo: “L’ingresso di Kiev nell’Ue segnerà la fine dell’Europa”

Lo ha detto il ​​viceministro degli Esteri russo, Aleksandr Grushko, parlando con la stampa

Von der Leyen - Zelensky - ucraina

Se l’Unione europea accetterà di avviare il processo di adesione dell’Ucraina, significherà “la fine” dell’Europa. Lo ha detto il ​​viceministro degli Esteri russo, Aleksandr Grushko, parlando con la stampa russa. “Se l’Unione europea (accetterà effettivamente l’Ucraina), uno Stato in cui regnano le bande naziste e l’ideologia nazista, il che è incompatibile con i valori europei, significherà la fine dell’Unione europea e dimostrerà che l’Ue non è guidata da alcuni valori fondamentali e sulla base su cui è stato stabilito, ma puramente dalla geopolitica”, ha detto Grushko.

Lavrov: “L’Occidente ha dichiarato una guerra ibrida totale alla Russia”

L’Occidente ha dichiarato una “guerra ibrida totale” alla Russia. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, parlando da Mosca durante una conferenza stampa. Lavrov ha aggiunto che è difficile prevedere quanto durerà il conflitto con l’Occidente. Il capo della diplomazia di Mosca ha affermato che “i politici occidentali dovrebbero capire che i loro sforzi per isolare il nostro Paese sono vani”. “La scelta che abbiamo fatto” è dipesa dal fatto che “l’Occidente ci aveva dichiarato una guerra totale, una guerra ibrida”, adesso “è difficile fare previsioni ma ci saranno conseguenze per tutti”, ha sottolineato ancora il ministro degli Esteri russo. Secondo Lavrov, inoltre, L’Unione europea starebbe perdendo al propria “sovranità e viene inserita nei piani anglosassoni per arrivare ad un ordine monopolare”, in riferimento alla prospettiva di allargamento della Nato.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram