Banner Leonardo

Milano: il centrodestra protesta per il ritorno in Aula

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

I consiglieri comunali del centrodestra si sono ritrovati oggi davanti a Palazzo Marino per chiedere il ritorno ai Consigli comunali in presenza. Con sedie, coperte e pantofole si sono accomodati davanti alla sede del Comune e hanno partecipato da lì ai lavori dell’aula. “Non è ammissibile che l’assemblea della città economicamente più importante d’Italia sia chiusa. Se Sala non vuole il Consiglio comunale lo dica alla città: dica che vuole il palazzo dei cittadini tutto suo senza alcun disturbo da parte dell’opposizione”, ha incalzato l’assessore regionale alla Sicurezza e consigliere comunale di Fratelli d’Italia Riccardo De Corato. “L’opposizione c’è e oggi lo facciamo vedere con grande chiarezza. Oggi lo facciamo in questa maniera tranquilla, non ci costringano ad altre manifestazioni”, ha aggiunto. “Se tornare in Consiglio è pericoloso, allora bisogna garantire la sicurezza a tutti i cittadini, anche ai dipendenti comunali che vanno negli uffici”, ha osservato il capogruppo di Fratelli d’Italia Andre Mascaretti, mentre il collega di opposizione Enrico Marcora ha sottolineato che “è giusto dare un segno della presenza delle istituzioni tornando in Consiglio comunale e testimoniando di persona quali sono i problemi della città. Con l’online non si può più fare, perché non si può più parlare liberamente”.


Le riunioni da remoto per il capogruppo di Forza Italia Fabrizio De Pasquale sono “soltanto un escamotage del sindaco Sala per bypassare il confronto ed evitare le denunce dell’opposizione. Per la maggioranza si tratta solo di schiacciare un bottone. Così è troppo facile. Siamo stufi di partecipare a Consigli dove la gente cucina si fa la doccia e bada ai bambini”. Per Forza Italia si è ritrovato in piazza anche il consigliere di centrodestra Alessandro De Chirico, munito di pantofole e coperta. “Con il pretesto dell’emergenza Covid – ha dichiarato – da un anno ci ritroviamo collegati dal nostro divano con la copertina e le pantofole. Sono venuto così perché sono più a mio agio ormai. Serve rispetto per i milanesi e per la crisi che sta colpendo la città. Il ruolo del consigliere comunale è stare in aula non a casa in pantofole. La politica è una cosa seria; soprattutto in un momento come questo”.

“Come Lega – ha spiegato il consigliere comunale e regionale del Carroccio Massimiliano Bastoni – abbiamo voluto aderire a questo presidio delle opposizioni perché riteniamo che sia arrivato il momento che il Consiglio comunale torni a fare quello che già succede nelle altre istituzioni. In Consiglio regionale abbiamo sempre lavorato in presenza così come avviene in Parlamento. Basta mettere in sicurezza le aule. Solo a Milano succede questo, evidentemente perché per alcuni è più comodo lavorare da casa, collegarsi e magari non seguire i lavori. Noi invece pensiamo che essere consiglieri comunali sia innanzitutto un impegno con la cittadinanza nella massima serietà e la massima serietà richiede di essere in presenza. Il consiglio comunale sta prendendo in giro migliaia di milanesi”. “In questa modalità da remoto viene annichilito il nostro ruolo, noi non riusciamo più a portare le nostre istanze. Così si annulla la possibilità dell’opposizione di fare politica per la città. Si sta andando avanti solo con delibere di maggioranza”, ha denunciato il consigliere della Lega Gabriele Abbiati. “Più di una volta – ha aggiunto la consigliera del Carroccio Laura Molteni – ho sottolineato in ufficio di presidenza l’esigenza di tornare in presenza perché la democrazia online è zoppa, zoppa di confronto e di mediazione. Ma l’ufficio di presidenza a maggioranza boccia le istanze dell’opposizione che chiede di fare il suo lavoro”. Collegati dalla piazza c’erano anche i consiglieri di centrodestra Matteo Forte (Milano Popolare) e Manfredi Palmeri (Io corro per Milano).

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

hunter biden

Hunter Biden: “So che non riuscire a restare sobrio avrebbe profonde conseguenze politiche”

Il figlio secondogenito del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Hunter, si è detto conscio che non riuscire a “restare sobrio” avrebbe “profonde c...

Israele presenta un piano di evacuazione dei civili palestinesi da Rafah

Il gabinetto di guerra israeliano ha approvato la fornitura di aiuti umanitari al sud della Striscia di Gaza
navalnyj

Navalnyj: Putin valutava lo scambio con un agente segreto russo in carcere in Germania

Lo riferisce Maria Pevchikh, rappresentante della fondazione anticorruzione del dissidente morto giorni fa in una colonia penale

Donbass: le truppe russe conquistano il villaggio di Lastochkyne nella regione di Donetsk

L'esercito russo ha anche respinto un attacco ucraino a Robotyne
Orazio Schillaci

Schillaci: “Il servizio sanitario oggi è affaticato, ma può tornare a essere attrattivo”

Il ministro: "Avremo sempre più bisogno di maggiori profili sanitari nelle strutture territoriali che stiamo realizzando per rispondere ai nuovi bisogni di salute emersi negli ultimi decenni"

Altre notizie

A Chigi incontro governo-sindacati sulla sicurezza sul lavoro, Sbarra: “Positivo, è il primo passo”

La critica di Landini: "Giudichiamo totalmente inadeguato il metodo di confronto e chiediamo di avviare una vera trattativa"

Usa, militare si dà fuoco all’esterno dell’ambasciata israeliana: Non sarò complice di genocidio

Nel video si vede il militare in divisa poggiare la videocamera al suolo, cospargersi di un liquido infiammabile e darsi fuoco

La Cina prevede di effettuare circa 100 lanci spaziali nel corso dell’anno

L'Agenzia spaziale di Pechino ha svelato i nomi dei suoi nuovi veicoli spaziali progettati per future missioni di esplorazione lunare
ronna mcdaniel

Usa: Ronna McDaniel si dimette da presidente del Comitato nazionale repubblicano

Questo consentirà Trump di scegliere un nuovo capo dell’organo politico di direzione del partito in vista delle elezioni di novembre

La Cina avverte Tuvulu: “Gli alleati di Taiwan tengano a mente i propri interessi a lungo termine”

Tuvalu è uno dei 12 Paesi del mondo che riconoscono la sovranità di Taiwan