Michel in Cina: “Xi Jinping usi la sua influenza per porre fine al conflitto in Ucraina”

"Sia l'Europa che la Cina hanno interesse a un mondo basato su regole, il cui fulcro è la Carta delle Nazioni Unite"

michel xi jinpng cina

Il presidente della Cina, Xi Jinping, usi la sua influenza per porre fine al conflitto in Ucraina, chiedendo alla Russia il rispetto della Carta della Nazioni Unite. Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, in una conferenza convocata oggi al termine dell’incontro avuto con Xi a Pechino.

“Sia l’Europa che la Cina hanno interesse a un mondo basato su regole, il cui fulcro è la Carta delle Nazioni Unite”, ha detto Michel. “Abbiamo avuto l’occasione di discutere della guerra della Russia contro l’Ucraina. La Cina è un attore globale e un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Tutti noi condividiamo la responsabilità di lavorare per la pace e il rispetto dei principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite”, ha aggiunto.

L’attacco del Cremlino, ha concluso Michel, “viola palesemente il diritto internazionale. Il presidente Xi Jinping e io abbiamo concordato che le minacce nucleari non sono accettabili, sono altamente pericolose e rappresentano una minaccia per la comunità internazionale”, ha concluso Michel.

Il presidente Xi Jinping – ha affermato poi Michel – assicura che la Cina non sta fornendo armi alla Russia.  Il presidente cinese ha anche affermato “la minaccia nucleare non è accettabile e non è responsabile”. “Questo è il nostro messaggio di libertà e spero sinceramente che nelle settimane e nei mesi successivi tutta la comunità internazionale, Cina compresa, utilizzi tutti gli strumenti possibili per convincere il Cremlino e la Russia a porre fine alla guerra e a rispettare la sovranità dell’Ucraina”, ha concluso Michel.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram