Banner Leonardo

Michel: “E’ giunto il momento di creare una vera unione della difesa europea”

"Dovrebbe essere abbinata al mercato della difesa europeo e dovrebbe concentrarsi su due obiettivi per il futuro"

Bruxelles
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

È giunto il momento di creare una vera e propria unione della difesa europea. A dirlo il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nel corso del suo intervento alla Conferenza annuale dell’Agenzia europea della difesa (Eda), a Bruxelles. “Dovrebbe essere abbinata al mercato della difesa europeo e dovrebbe concentrarsi su due obiettivi per il futuro. In primo luogo, il nostro sostegno militare concreto al popolo ucraino, perché la sicurezza dell’Ucraina è la nostra sicurezza. In secondo luogo, dobbiamo rendere la nostra difesa europea più forte adesso, domani e in futuro”, ha detto Michel. “Il popolo ucraino, mentre parliamo, sta combattendo per una patria libera e sovrana, ma sappiamo che sta combattendo anche per il nostro valore comune, per un continente europeo pacifico, democratico e prospero”; ha aggiunto. “Finora, insieme ai nostri Stati membri, abbiamo fornito all’Ucraina un’assistenza militare senza precedenti, 27 miliardi di euro attraverso lo Strumento europeo per la pace e la nostra missione di assistenza militare. Ma sappiamo tutti che dobbiamo fare di più: più missili, più munizioni, più sistemi di difesa aerea e più velocemente. Questo è un obbligo nei confronti del popolo ucraino, ma anche dei nostri cittadini. Proteggendo l’Ucraina proteggiamo noi stessi”, ha poi aggiunto.


“Il nostro continuo e forte sostegno invia anche un segnale ai nostri partner, in particolare ai nostri alleati americani, un chiaro segnale che prendiamo la nostra sicurezza più seriamente che mai”, ha precisato il presidente del Consiglio europeo nel suo intervento. Lo strumento europeo per la pace rimarrà fondamentale per la nostra assistenza militare. L’abbiamo già rifinanziato due volte, ma sono rimaste poche scorte da donare. A mio parere, dovrebbe evolvere verso un maggior numero di acquisizioni e acquisti e verso un maggior sostegno all’industria europea della difesa, che sarà sempre più il motore della nostra sicurezza, e intendo inserirlo nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio europeo”; ha concluso.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Spagna: il procedimento per terrorismo contro Puigdemont è un altro ostacolo per il governo Sanchez

Sono a rischio le già complesse trattative dell'esecutivo con Uniti per la Catalogna per raggiungere un accordo sulla legge di amnistia

Musk denuncia l’Ad di OpenAI: “Dà priorità ai profitti e non ai benefici per l’umanità”

Lo scontro vede ora Musk, secondo uomo più ricco del mondo, contro l'azienda di maggior valore al mondo, Microsoft

La viceministra norvegese Varteressian: “Non solo energia, uniamo le nostre industrie anche in altri rami”

La Norvegia non fa parte dell’Ue “ma siamo i non membri più vicini. Siamo un vero partner”

Pil, Istat: nel 2023 crescita dello 0,9 per cento, +4 per cento nel 2022

"La crescita - si legge nella nota dell'Istituto - è stata principalmente stimolata dalla domanda nazionale al netto delle scorte, con un contributo di pari entità di consumi e investimenti"

Funerali di Navalnyj a Mosca: bagno di folla e applausi per il dissidente – foto e video

Il Cremlino: “Non abbiamo nulla da dire alla famiglia”

Altre notizie

Usa: fuga di dati sensibili sui sistemi d’arma, Boeing patteggia il pagamento di 51 miliardi di dollari

Tra le violazioni contestate a Boeing figura un caso legato a tre dipendenti cinesi dell'azienda che effettuarono il download improprio di documenti legati a programmi del dipartimento della Difesa

Ciad: la giunta al potere demolisce la sede del Partito socialista senza frontiere

E' quanto riferisce ad "Agenzia Nova" una fonte sul campo

Sardegna: 47 enne tenta l’impresa di circumnavigare l’Isola in kayak

Carlo Coni, cagliaritano, istruttore federale di canottaggio e appassionato del mare, si prepara a ripetere l'impresa dopo averla già portata a termine la prima volta nel 2018
houthi mar rosso

Le milizie Houthi minacciano di compiere “azioni inattese” nel Mar Rosso

Il movimento sciita yemenita hanno preso di mira 54 navi nel Mar Rosso dall'inizio delle loro operazioni, lanciando 384 missili e droni contro le imbarcazioni

La Cina ha lanciato un satellite per fornire servizi Internet in orbita alta

Il satellite è stato lanciato a bordo di un razzo vettore Lunga Marcia-3B, entrando nell'orbita preimpostata