Banner Leonardo

Medio Oriente: le forze israeliane intensificano gli attacchi sulla Striscia di Gaza. Operativa la nave ospedale Vulcano della Marina militare italiana

Le Idf hanno reso noto che dall’inizio del conflitto hanno condotto circa 10 mila attacchi aerei e hanno scoperto circa 800 tunnel, distruggendone 500. Si tratterebbe di passaggi utilizzati da Hamas per rifornirsi di armi e altre “risorse strategiche”

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

In seguito alla scadenza della tregua tra Israele e il movimento islamista palestinese Hamas gli attacchi delle Forze di difesa israeliane (Idf) sulla Striscia di Gaza si sono intensificati sia nella parte settentrionale che meridionale. Questa mattina si sono registrati circa 30 morti nelle aeree di Khan Younis e Rafah, ma secondo l’emittente panaraba di proprietà qatariota “Al Jazeera” le Idf hanno colpito anche il campo profughi di Jabalia, nel nord dell’exclave palestinese, e altre località.


Le Idf hanno reso noto che dall’inizio del conflitto hanno condotto circa 10 mila attacchi aerei e hanno scoperto circa 800 tunnel, distruggendone 500. Secondo le Idf si tratta di passaggi utilizzati da Hamas per rifornirsi di armi e altre “risorse strategiche”. Ieri sera le Idf hanno annunciato di aver ucciso uno dei comandanti del battaglione Shuja’iyya, Wissam Farhat. In Israele le sirene anti-missili sono risuonate in diverse località del Paese, mentre sono proseguiti anche oggi lanci di razzi dalla Siria e le schegge di un missile anticarro sparato dal Libano hanno ferito alcuni militari israeliani vicino alla comunità settentrionale di Beit Hillel.

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha tenuto una riunione con il suo partito, il Likud, durante la quale ha affermato che gli sforzi del suo Paese per liberare altri ostaggi dalla Striscia di Gaza vengono compiuti attraverso la campagna militare. Il premier ha aggiunto che il gabinetto di guerra sta agendo “rapidamente ma non in modo avventato” nelle sue decisioni sui combattimenti, e che l’attenzione rimane concentrata sia sul fronte meridionale che su quello settentrionale. Per quanto riguarda lo scenario post-bellico, un funzionario ha confermato l’ipotesi di creare una zona cuscinetto nella Striscia di Gaza, ma ha anche affermato che le truppe dello Stato ebraico non saranno schierate sul lato palestinese del confine. Nel frattempo è in corso un dibattito alla Knesset (il parlamento israeliano) che precede un voto relativo al bilancio di guerra aggiornato.

Sul piano internazionale, è arrivata al porto di Al Arish in Egitto la nave ospedale Vulcano della Marina Militare italiana, grazie allo sforzo congiunto di Farnesina, Difesa e intelligence, in stretto raccordo tra l’ambasciata d’Italia al Cairo e le autorità egiziane. A bordo sono presenti sale operatorie e ambulatori in cui medici civili e militari di diversi Paesi cureranno civili feriti della Striscia di Gaza. Infine, sul piano della diplomazia regionale, il ministro degli Esteri della Repubblica islamica dell’Iran ha avvertito l’Alto rappresentante europeo per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, sul rischio dell’espansione a una guerra regionale se il conflitto non si fermerà. Inoltre, i ministri degli Esteri dei Paesi del Golfo si stanno riunendo a Doha, in Qatar, in vista del vertice del Consiglio di cooperazione del Golfo (Gcc) previsto per martedì 5 dicembre per discutere del conflitto.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

ballottaggi - elezioni amministrative

Sardegna 2024: alle 19 ha votato il 44,1 per cento degli aventi diritto, dati in crescita rispetto al 2019

Quasi un milione e mezzo i sardi chiamati al voto. Per il campo largo di centrosinistra c'è Alessandra Todde, Paolo Truzzu per la coalizione di centrodestra, Renato Soru per la Coalizione sarda e Lucia Chessa per la lista Sardigna R-esiste

Brasile: oggi la manifestazione a sostegno di Bolsonaro a San Paolo, piene le strade della città – video

L'evento è organizzato all'indomani dell'apertura delle indagini sul presunto colpo di Stato del 2022 con cui Bolsonaro e altri funzionari a lui vicini avrebbero cercato di negare l'esito delle elezioni presidenziali vinte da Luiz Inacio Lula da Silva
ucraina

Zelensky: “Meloni ci sostiene ma in Italia molti favorevoli a Putin”

Il capo dello Stato si è detto felice dell'accordo siglato ieri tra Ucraina e Italia in materia di sicurezza. In merito alle persone che sostengono invece il Cremlino, Zelensky ha invitato le autorità italiane a "cancellare" i loro visti

Francia-Italia: fonti Eliseo, Macron si era reso “interamente disponibile” per il summit del G7

Da Parigi era emersa massima disponibilità per partecipare ala vertice nelle giornate di giovedì e venerdì, mentre per sabato il presidente francese era impegnato al Salone dell'Agricoltura, un appuntamento molto importante viste le proteste degli operatori del settore

Ucraina: il vicepremier denuncia la distruzione di 160 tonnellate di grano in una stazione ferroviaria in Polonia

Il grano era in transito verso il porto di Danzica e poi verso altri Paesi", ha spiegato Kubrakov, secondo cui si tratta del "quarto caso di vandalismo nelle stazioni ferroviarie polacche"

Altre notizie

Burkina Faso: attentato in una chiesa cattolica, almeno 15 morti

Dal 2015 il Paese è teatro di attacchi regolari da parte di gruppi jihadisti affiliati ad Al Qaeda e allo Stato islamico, attivi in ​​diverse regioni e causando notevole instabilità

Libia: il premier Dabaiba approva l’aumento degli stipendi delle guardie petrolifere dopo la chiusura del gas

La notizia arriva dopo che oggi le Guardie hanno chiuso alcune valvole del gas e del petrolio nell'area di Zawiya, a sud-ovest di Tripoli, nonché il cancello del complesso petrolifero e del gas di Mellitah, situato sulla costa della Libia occidentale

Gaza, Usa: “A Parigi raggiunto un accordo di massima per il cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi”

Il consigliere per la Sicurezza nazionale, Jake Sullivan."Siamo ancora nella fase di negoziazione per definire i dettagli. Ci dovranno essere discussioni indirette tra Qatar ed Egitto con Hamas perché alla fine dovranno accettare di rilasciare gli ostaggi"

Sardegna 2024: alle 12 affluenza al 18,4 per cento, in aumento rispetto al 2019

Quasi un milione e mezzo i sardi chiamati al voto. Per il campo largo di centrosinistra c'è Alessandra Todde, Paolo Truzzu per la coalizione di centrodestra, Renato Soru per la Coalizione sarda e Lucia Chessa per la lista Sardigna R-esiste
etiopia milizie oromia

Etiopia: quattro preti ortodossi uccisi dai ribelli oromo nel monastero di Zequala

Quello in Oromia è un conflitto di lunga data che da diversi anni vede contrapposti da una parte il Fronte di liberazione oromo (Olf) – di cui l’Ola costituisce il braccio armato – e il governo etiope dall’altra