Ucraina, ministro degli Esteri Kuleba: “Momento unico per iniziare il processo di adesione all’Unione europea”

"Il problema sulla garanzia dell'ingresso dell'Ucraina nell'Unione rimane", ha aggiunto ministro degli Esteri ucraino uscendo dal Consiglio degli Affari esteri di Bruxelles

soldati ucraina

L’Europa dovrà decidere sulla garanzia di adesione nell’Unione dell’Ucraina. Lo afferma il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, uscendo dal Consiglio degli Affari esteri di Bruxelles. “Il problema sulla garanzia dell’ingresso dell’Ucraina nell’Unione rimane. Ne abbiamo discusso e ho assicurato ai membri del Consiglio che stiamo attraversando un momento unico, in cui le opinioni pubbliche, sia in Ucraina che negli Stati membri, sono molto favorevoli dell’ingresso nell’Unione dell’Ucraina. Non parliamo di un’adesione immediata. Ma crediamo che non ci siano argomenti razionali per non garantire all’Ucraina lo status di candidata ad entrare nel progetto europeo”, ha aggiunto.

Ucraina, Putin: “Create armi biologiche sotto controllo Usa”

In Ucraina, sotto il controllo degli Stati Uniti, sono state create componenti di armi biologiche ed elaborati meccanismi per destabilizzare la situazione epidemiologica nella Comunità degli Stati indipendenti (Csi). Lo ha affermato il presidente russo, Vladimir Putin, al vertice dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (Csto) a Mosca. “Ora, nel corso di un’operazione speciale in Ucraina, sono state ottenute prove documentali che componenti di armi biologiche sono state create essenzialmente nelle immediate vicinanze dei nostri confini”, ha sostenuto il presidente russo. A tal proposito Putin ha osservato che Mosca conta sul sostegno dei suoi colleghi per la rapida attuazione dell’iniziativa russa di avviare i lavori di un consiglio nell’ambito della Csto sul tema.

Massicci bombardamenti su Kherson, Luhansk e Donetsk

Le forze armate ucraine schierate nella regione di Kharkiv hanno raggiunto il confine di Stato con la Russia ed hanno ripristinato la segnaletica di frontiera. Lo ha affermato questa mattina il governatore regionale di Kharkiv, Oleh Synegubov, sul proprio canale Telegram. “Siamo orgogliosi dei militari del 227mo battaglione della 127ma brigata delle forze di difesa territoriale delle forze armate ucraine, che hanno ripristinato la segnaletica del confine di Stato!”, ha scritto Synegubov, pubblicando anche un video che mostra quanto avvenuto. Secondo quanto emerge dai rapporti pubblicati questa mattina da diverse amministrazioni regionali ucraine, la Russia sta bombardando massicciamente il territorio delle regioni di Kherson, Luhansk e Donetsk, nell’Ucraina sud-orientale. Nella regione di Luhansk, le truppe russe stanno colpendo intensamente Severodonetsk. Il nemico attacca anche Lysychansk, Privillya, Novodruzhesk, Rubizhne, Voevodivka e Belogorovka con sistemi di artiglieria e tiro al volo. Nella regione di Donetsk vi sono massicci bombardamenti lungo l’intera linea del fronte. Il nemico cerca di distruggere gli impianti industriali, mentre questa mattina ha sparato sul villaggio di Novomykhailivka. Sono in corso combattimenti vicino a Kherson e negli insediamenti nei pressi di Zelenodolsk, Kryvyi Rih, Snihurivka e Mykolayiv. I residenti locali segnalano danni significativi e la distruzione di case, scuole, asili e infrastrutture stradali.

Intanto, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un videomessaggio pubblicato ieri sera ha annunciato che l’Ucraina si sta preparando ad affrontare “nuovi tentativi della Russia di attaccare il Donbass”: Mosca non vuole ammettere il fallimento della cosiddetta “operazione speciale”. Il presidente ha aggiunto che la “bandiera ucraina” tornerà a sventolare nei territori occupati”. Zelensky ha parlato anche dell’Europa, affermando che il tempo della dipendenza dalle risorse energetiche della Russia sta volgendo al termine. “Ora la priorità è l’embargo petrolifero. Non importa quanto duramente Mosca cerchi di contrastare questa decisione, il tempo della dipendenza dell’Europa dalle risorse energetiche russe sta volgendo al termine. E questo non cambierà”, ha affermato Zelensky. Il capo di Stato ha anche evidenziato il lavoro attivo dell’Ucraina per rafforzare le sanzioni contro la Russia. “Abbiamo bisogno di partner per prendere decisioni ogni settimana che limitino i legami della Russia con il mondo. Gli occupanti devono avvertire il prezzo della guerra in costante aumento”, ha affermato Zelensky.

Bombardamento a Severodonetsk, due vittime

Due persone sono state uccise e una è rimasta ferita in seguito a un bombardamento dell’esercito russo contro un’abitazione di Severodonetsk, nell’Ucraina orientale. Lo ha dichiarato questa mattina il capo dell’amministrazione militare regionale di Luhansk, Serhiy Haidai, sul proprio canale Telegram. “Un uomo e una donna sono morti sul colpo. I russi hanno sparato contro una casa nei quartieri storici della città verso le 16:00. Un altro uomo è stato ricoverato in ospedale”, ha affermato il governatore. Un ragazzo di 15 anni residente a Lysychansk, ferito dai bombardamenti della città da parte dell’esercito russo, è stato inoltre ricoverato nell’ospedale pediatrico di Dnipro. A seguito degli attacchi russi nella regione di Luhansk nelle ultime 24 ore, sono state colpite più o meno gravemente numerose abitazioni ed una scuola è rimasta danneggiata.

Ucraina: Stato maggiore, esercito russo prepara nuova offensiva con truppe concentrate a Izyum

L’esercito russo sta preparando operazioni offensive impiegando unità concentrate nella città di Izyum, nella regione di Kharkiv, nell’Ucraina orientale. È quanto si legge nel rapporto dello Stato maggiore ucraino pubblicato questa mattina. “In direzione di Slobozhansky, il nemico sta cercando di scoraggiare l’offensiva delle forze di difesa a nord della città di Kharkiv e impedire loro di raggiungere il confine di stato dell’Ucraina”, riferisce inoltre lo Stato maggiore ucraino. Per diverse settimane, le truppe russe hanno effettuato operazioni offensive attive in direzione di Kharkiv, ma non sono state in grado di superare la resistenza delle forze armate ucraine, e hanno iniziato un graduale ritiro verso la Russia.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram