Banner Leonardo

Libia: tutto pronto a Tripoli per la prima conferenza sulle migrazioni legali nel Sahel

Secondo fonti “Nova”, il governo intende offrire lo stesso memorandum sottoscritto con il Bangladesh anche agli altri Paesi dell'area

Tripoli
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Il ministero dell’Interno del Governo di unità nazionale (Gun) della Libia ha approvato il piano e le misure di sicurezza per la conferenza sulla migrazione legale intitolata “Mediterraneo sicuro e un sud stabile”, che si terrà domani e il 28 novembre a Tripoli e vedrà la partecipazione dei ministri del Lavoro dei Paesi del Sahel e del Sahara. La Direzione della sicurezza di Tripoli ha indicato, in un comunicato, “la distribuzione dei compiti di sicurezza tra le componenti del ministero dell’Interno e le agenzie di sicurezza coinvolte”. Secondo il quotidiano libico “Al Wasat”, i membri delle delegazioni hanno iniziato ad arrivare nella capitale, capitanati dal segretario esecutivo della Comunità degli Stati del Sahel e del Sahara , Ado Al Hajji Abu. L’evento di carattere regionale, continentale e internazionale è il primo del suo genere in Libia, includerà anche l’Italia e l’Unione Europea e segna un cambio di paradigma importante: per la prima volta, infatti, le autorità libiche vogliono includere e inserire i migranti nell’economia libica.


La svolta è avvenuta il 25 ottobre con il memorandum d’intesa per rafforzare le migrazioni legali con il Bangladesh, volto a “facilitare le procedure lavorative”, a “migliorare le opportunità di comprensione”. Il testo, secondo l’agenzia di stampa libica “Lana”, permette alla Libia di organizzare e censire i lavoratori bengalesi, completare le loro procedure legali, organizzare il loro ingresso legale e garantire il rimpatrio nel loro Paese di origine. L’accordo, inoltre, aumenterà la cooperazione reciproca dinanzi alle sfide poste dal numero di lavoratori del Bangladesh entrati illegalmente in Libia, aggiunge l’agenzia di stampa libica. Secondo l’ultimo rapporto dell’organizzazione mondiale per le migrazioni (Oim), aggiornato a giugno 2023, sono almeno 23.563 i bengalesi presenti nel Paese nordafricano, pari al 3 per cento della popolazione immigrata complessiva di 703.369 persone.

Secondo la fonte libica consultata da “Nova”, il governo di Tripoli intende offrire lo stesso memorandum sottoscritto con il Bangladesh anche agli altri Paesi del Sahel e del Sahara. In caso di successo, sarebbe un risultato storico. Secondo i dati dell’Oim, la Libia ospita 175.132 migranti del Niger (25 per cento del totale della popolazione migrante), altri 165.924 di nazionalità egiziana (24 per cento), più 123.607 originari del Ciad (18 per cento), altri 30.095 provenienti dalla Nigeria (4 per cento), 14.783 dal Ghana (2 per cento) e 12.581 dal Mali (2 per cento). Complice anche la crisi economica e la necessità del Paese membro dell’Opec di diversificare la sua industria, il governo di Tripoli sembra essersi reso conto che regolarizzare quest’enorme numero di migranti può contribuire non solo a ridurre l’emigrazione irregolare via mare verso le coste europee, ma anche a sviluppare il Paese. Le autorità tripoline hanno presentato tale ambizioso progetto, pur senza entrare nei dettagli e nei contenuti, durante una tavola rotonda con l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) in Libia, alla presenza dell’ambasciatore dell’Unione europea, Nicola Orlando, e dell’ambasciatore d’Italia, Gianluca Alberini, e ai rappresentanti diplomatici di vari altri Paesi.

Il dossier riguarda da vicino anche l’Italia, dal momento che dalla Libia sono arrivati via mare almeno 47.328 migranti illegali al 17 novembre, secondo i dati del Viminale visti da “Agenzia Nova”. Più della metà dei migranti sbarcati in Italia dalle coste libiche, circa 30 mila, è partito dalla Tripolitania, regione occidentale del Paese nordafricano sotto il controllo del governo guidato del premier Abdulhamid Dabaiba. Dalla Cirenaica, regione orientale dominata dal generale Khalifa Haftar e colpita lo scorso settembre dal devastante ciclone “Daniel”, sono invece arrivati ad oggi oltre 16 mila migranti. Secondo le ultime stime dell’Oim, dall’inizio dell’anno all’11 novembre 13.611 migranti sono stati intercettati in mare e riportati in Libia, di cui 10.352 uomini, 943 donne, 494 minori e 2.443 persone i cui dati di genere non sono disponibili. Di 939 migranti è stata invece accertata la morte, mentre 1.248 risultano ancora dispersi nei tentativi di emigrazione verso le coste europee attraverso la rotta del Mediterraneo centrale (che include sia Libia che Tunisia), per un ammontare complessivo di 2.187 persone decedute.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Etiopia: quasi un milione di bambini soffrirà di malnutrizione acuta

A complicare ulteriormente la situazione, in tutta la nazione è in corso un'emergenza sanitaria con focolai di colera, morbillo, dengue e malaria

Spagna: il procedimento per terrorismo contro Puigdemont è un altro ostacolo per il governo Sanchez

Sono a rischio le già complesse trattative dell'esecutivo con Uniti per la Catalogna per raggiungere un accordo sulla legge di amnistia

Musk denuncia l’Ad di OpenAI: “Dà priorità ai profitti e non ai benefici per l’umanità”

Lo scontro vede ora Musk, secondo uomo più ricco del mondo, contro l'azienda di maggior valore al mondo, Microsoft

La viceministra norvegese Varteressian: “Non solo energia, uniamo le nostre industrie anche in altri rami”

La Norvegia non fa parte dell’Ue “ma siamo i non membri più vicini. Siamo un vero partner”

Pil, Istat: nel 2023 crescita dello 0,9 per cento, +4 per cento nel 2022

"La crescita - si legge nella nota dell'Istituto - è stata principalmente stimolata dalla domanda nazionale al netto delle scorte, con un contributo di pari entità di consumi e investimenti"

Altre notizie

Funerali di Navalnyj a Mosca: bagno di folla e applausi per il dissidente – foto e video

Il Cremlino: “Non abbiamo nulla da dire alla famiglia”

Usa: fuga di dati sensibili sui sistemi d’arma, Boeing patteggia il pagamento di 51 miliardi di dollari

Tra le violazioni contestate a Boeing figura un caso legato a tre dipendenti cinesi dell'azienda che effettuarono il download improprio di documenti legati a programmi del dipartimento della Difesa

Ciad: la giunta al potere demolisce la sede del Partito socialista senza frontiere

E' quanto riferisce ad "Agenzia Nova" una fonte sul campo

Sardegna: 47 enne tenta l’impresa di circumnavigare l’Isola in kayak

Carlo Coni, cagliaritano, istruttore federale di canottaggio e appassionato del mare, si prepara a ripetere l'impresa dopo averla già portata a termine la prima volta nel 2018
houthi mar rosso

Le milizie Houthi minacciano di compiere “azioni inattese” nel Mar Rosso

Il movimento sciita yemenita hanno preso di mira 54 navi nel Mar Rosso dall'inizio delle loro operazioni, lanciando 384 missili e droni contro le imbarcazioni