Banner Leonardo

Le difficoltà in cui versa la Tunisia riportano di attualità il progetto del gasdotto Galsi

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Le gravi difficoltà economiche, politiche e sociali in cui versa la Tunisia riportano di attualità il progetto Galsi, il gasdotto Algeria-Sardegna-Italia concordato del 2001 e mai realizzato. Secondo gli ultimi dati aggiornati al primo trimestre 2021, l’Italia importa dall’Algeria circa il 35 per cento del suo gas dall’estero (+109 per cento anno su anno). La stragrande maggioranza del gas algerino arriva tramite il Transmed, la conduttura che porta il nome di Enrico Mattei, fondatore dell’Eni, che collega l’Algeria all’Italia attraverso il territorio tunisino. L’instabilità della Tunisia rappresenta, a ben vedere, una questione di sicurezza nazionale per l’Italia sia per quanto riguarda il suo fabbisogno energetico, sia per la ben nota questione dei flussi migratori illegali. Dall’inizio dell’anno il Viminale ha registrato 8.974 ingressi di migranti via mare, in aumento del 160,04 per cento rispetto ai 3.451 ingressi dello stesso periodo del 2020. La maggior degli sbarchi ha percorso la rotta del Mediterraneo centrale dalla Tunisia all’Italia, tant’è vero che i tunisini figurano al primo posto per nazionalità dichiarate (1.346).


Il ministro delle Finanze tunisino, Ali Kooli, si recherà lunedì a Washington per convincere il Fondo monetario internazionale (Fmi) e la Banca mondiale a salvare la Tunisia dalla bancarotta. Kooli ha dichiarato che intende intavolare una trattativa sulla base di una “nuova e migliore strategia” per avviare “profonde riforme” tese a rilanciare l’economia. Il nuovo programma di riforme, tuttavia, resta “top secret”. L’organizzazione non governativa I Watch ha sollecitato il governo della Tunisia a rendere pubblico il programma di finanziamento delle riforme economiche che intende negoziare, denunciando il “mutismo” delle autorità al riguardo. Secondo quanto appreso da “Agenzia Nova”, il programma non sarebbe stato condiviso nemmeno con i rappresentanti europei, pur avendo la Tunisia richiesto il sostegno dell’Unione europea nei negoziati.

Il governo tunisino guidato dal premier Hichem Mechichi, inoltre, è in profonda difficoltà a causa del blocco imposto dal presidente della Repubblica, Kais Saied, che si rifiuta di approvare l’ultimo rimpasto di Governo. L’esecutivo opera a mezzo servizio, molto ministeri chiave (tra cui il dicastero dell’Interno) sono guidati “ad interim” con soluzioni di compromesso a breve termine. Il rischio di elezioni anticipate e di ingovernabilità è concreto, ma la Tunisia non può permettersi di perdere tempo. Secondo le stime dell’Fmi, il prodotto interno lordo (Pil) della Tunisia ha visto nel 2020 una contrazione dell’8,2 per cento. Si tratta del più forte rallentamento economico registrato nel Paese dall’indipendenza. Nel 2016 il Fondo monetario ha accordato alla Tunisia un prestito da 2,8 miliardi di dollari, distribuito su quattro anni, di cui però il Paese ha potuto ottenere solo 1,6 miliardi, non essendo in grado di attuare le riforme strutturali richieste dall’istituzione.

In questo scenario, dunque, potrebbe tornare utile rispolverare il progetto Galsi (Gasdotto Algeria Sardegna Italia). Si tratta di una condotta sottomarina di 284 chilometri con una profondità massima di ben 2.880 metri che dovrebbe collegare il porto algerino di Koudiet Draouche, nel nord-est del paese, a quello di Porto Botte, nella Sardegna sud-occidentale. Da qui, dovrebbe partire una sezione onshore fino a Olbia, attraversando tutta la Sardegna. Infine, da Olbia dovrebbe partire un altro metanodotto sottomarino fino alla località toscana di Piombino, presso il quale avverrà il collegamento con la rete nazionale italiana. La finalità del progetto è “fornire una nuova fonte di approvvigionamento di gas naturale al mercato italiano ed europeo con l’obiettivo di contribuire al progresso economico e al benessere della comunità garantendo una sicurezza di approvvigionamento energetico”, si legge in uno studio risalente al 2008. L’infrastruttura dovrebbe consentire, una volta a regime, l’importazione in Italia di circa 8 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

 

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

John Elkann -

Elkann (Exor): “Sempre aperti a nuove opportunità di investimento”

Come Exor siamo sempre aperti a nuove opportunità di investimento sia di rafforzamento nelle nostre società che all’esterno nei settori di nostro inte...

Blinken a Netanyahu: “L’imperativo è proteggere i civili di Gaza”

Il segretario di Stato Usa è arrivato a Ramallah per incontrare il presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Mahmoud Abbas

Nel Lazio in arrivo nuovi bandi da 135 milioni per l’accesso al credito

La Regione, guidata dal presidente Francesco Rocca, lancia una nuova strategia per il sostegno al credito delle imprese del territorio per dare risposte alle diverse esigenze del tessuto imprenditoriale, dalla fase di avvio fino al rafforzamento e all’apertura al mercato dei capitali

Decreto Campi Flegrei: via libera dalla Camera, il testo passa al Senato

Il provvedimento ha ottenuto 133 sì, nessun voto contrario e 86 astenuti

Altre notizie

nabil ammar ministro esteri tunisia

Il ministro degli Esteri della Tunisia: “L’Ue soffre di senso di superiorità, ma è una minoranza”

Nabil Ammar ha evidenziato la necessità che gli Stati membri dell'Ue adottino posizioni più audaci
meloni aereo visite

Meloni a Dubai per la conferenza inaugurale della Cop28

L’edizione iniziata oggi vede la presenza di circa 150 tra capi di Stato e di governo

Russia: la Corte suprema dichiara “illegale” il movimento Lgbti

La Corte suprema della Federazione russa ha riconosciuto come "illegale" il movimento sociale internazionale Lgbti in quanto "organizzazione estremist...

Sul volo di Meloni per Dubai anche una squadra di medici per curare i bambini palestinesi

"Sempre d’intesa con gli Emirati è previsto l’invio di medici pediatri italiani dagli ospedali Gaslini di Genova e Bambino Gesù di Roma per aiutare i ...
mercato natale

Germania: gli islamisti arrestati pianificavano un attentato contro il mercato di Natale di Leverkusen

I due giovani islamisti arrestati in Germania con l'accusa di preparare un attentato intendevano far esplodere un camion nel mercato di Natale di Leve...