Banner Leonardo

La Regione Lazio revoca la convenzione a “Lucha y Siesta”: al via ristrutturazione e bando di gara

L'immobile di via Lucio Sestio, era un ex deposito Atac, che dopo l’abbandono era stato occupato nel 2008

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

L’immobile, dov’è nata la Casa delle donne a Roma, sarà ristrutturato e la gestione messa a bando. Lo ha deciso la Regione Lazio che ieri ha revocato la convenzione con l’associazione Lucha y Siesta di Roma. Dopo essere slittata due volte, per alcuni aggiustamenti tecnici, lo schema di delibera è stato approvato dalla giunta guidata dal presidente Francesco Rocca.


L’atto, inoltre, prevede la revoca della concessione in comodato d’uso gratuito che, però, non risulta ratificata. L’immobile di via Lucio Sestio, era un ex deposito Atac, che dopo l’abbandono era stato occupato nel 2008. Il palazzo, diventato un centro di accoglienza e rifugio per donne e bambini vittime di violenza, era stato acquistato dalla Regione nel 2021: operazione che aveva portato a un protocollo d’intesa con le attiviste di Lucha y Siesta per tenere in vita l’associazione. La misura, proposta dall’assessora alle Pari opportunità Simona Baldassarre, mira a riqualificare l’immobile in via Lucio Sestio per poi assegnarlo tramite una procedura pubblica. Alla gara potranno partecipare tutti gli enti e le associazioni iscritte all’albo regionale delle organizzazioni di donne impegnate nel contrasto alla violenza di genere e nel sostegno ai percorsi di uscita dalla violenza, assicurando oltretutto la presa in carico da parte dell’affidatario del servizio delle donne e dei minori già accolti presso la struttura.

Il provvedimento prevede “le misure transitorie più idonee a salvaguardare e tutelare, nelle more dell’affidamento del servizio, la sicurezza delle donne e dei minori accolti dall’associazione Casa delle donne Lucha y Siesta”, attraverso il rilascio dell’edificio “e il contestuale ricollocamento presso strutture antiviolenza appartenenti alla rete regionale di concerto con Roma Capitale”. In particolare, ad oggi la convenzione con l’associazione Casa delle donne Lucha y Siesta, il cui schema è stato approvato dalla giunta Zingaretti “non è stata sottoscritta dalle parti e pertanto l’immobile di Via Lucio Sestio non risulta attualmente concesso in comodato d’uso”, si legge nella delibera. La giunta Rocca precisa che l’immobile di via Lucio Sestio di proprietà dell’Atac, dal 2008 è stato occupato, senza averne titolo e quindi abusivamente, dalla Casa delle donne Lucha y Siesta.

Soddisfatto il presidente Rocca. Le revoche dello schema di convenzione con l’associazione Casa delle donne Lucha y Siesta e della concessione in comodato d’uso gratuito “rappresentano un atto dovuto volto a ripristinare la legalità da un lato e le condizioni igienico-sanitarie dell’immobile dall’altro”, dichiara il presidente Rocca, assieme all’assessore alla Cultura, alle Pari opportunità, Simona Renata Baldassarre, e all’assessore al Demanio e patrimonio, Fabrizio Ghera. “La Regione non toglie nulla a nessuno: si tratta di un atto dovuto”. La delibera approvata “è importante per dare il via a un percorso di riqualificazione e di ripristino della legalità in più step. L’immobile si trova in una condizione di inidoneità igienico-sanitaria certificata e alla quale dobbiamo porre rimedio per dare una accoglienza dignitosa e a norma di legge. L’area Pari opportunità e la direzione regionale competente in materia di patrimonio attueranno le misure transitorie più idonee volte a salvaguardare e tutelare la sicurezza delle donne e dei minori accolti nell’immobile, attraverso il ricollocamento presso strutture antiviolenza appartenenti alla rete regionale, di concerto con Roma Capitale”. L’edificio ha bisogno di lavori e sarà ristrutturato, così da diventare idoneo ad accogliere le donne vittime di violenza e i loro figli.

Il servizio di gestione della struttura, con utilizzo dell’immobile in comodato d’uso, verrà messo a bando, come prevede la legge. L’ente o l’associazione a cui sarà affidato il servizio assicurerà la presa in carico e l’assistenza per tutte coloro che, vittime di violenze e abusi, avranno bisogno di accoglienza e sostegno. Ovviamente alla procedura a evidenza pubblica potrà partecipare, se avrà i requisiti, anche l’associazione Lucha y Siesta. “Alla Regione non c’è più spazio per l’illegalità”, sottolinea Rocca, ricordando che sulla vicenda dell’immobile di via Lucio Sestio è intervenuta la Corte dei conti con un procedimento per danno erariale che coinvolge quattro dirigenti regionali. L’edificio, oggetto di occupazione abusiva dal 2008, quando era ancora di proprietà dell’Atac, fu infatti acquistato dalla Regione nel 2021 e assegnato all’associazione occupante, la Lucha y Siesta.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

nuova delhi india

Coppia di turisti spagnoli aggredita in India, lei stuprata da sette persone

I due, motociclisti, avevano piantato una tenda in un’area deserta e si stavano riposando prima di riprendere il viaggio verso il Nepal

Meloni in Canada da Trudeau: “Lavoreremo insieme su Ucraina, Gaza e Mar Rosso” – foto e video

“Siamo impazienti di collaborare con la presidenza italiana su tutti questi dossier, come i rapporti commerciali, la sfida delle migrazioni, l’intelligenza artificiale e le produzioni industriali”

Roma: incinta rischia di perdere la bimba, ospedale appronta parto di fortuna e la salva

Ha rischiato di perdere la figlia all'ottavo mese di gravidanza per un emorragia con distacco totale della placenta. Il caso, o il destino, però hanno...
F35B

Affonda la nave mercantile britannica Rubymar, era stata colpita dagli Houthi

Secondo il governo dello Yemen questo provocherà “una catastrofe ambientale”, trasportava infatti oltre 41 mila tonnellate di fertilizzanti

La Viceministra Gava a Nova: “Il contributo di Algeri al Piano Mattei renderà l’Italia un hub Ue”

"L’Italia e l’Algeria hanno ottime relazioni economiche, in particolare nel settore energetico"

Altre notizie

gaza

Gli Usa hanno effettuato il primo lancio di aiuti a Gaza: 30 mila i pasti paracadutati

“Dobbiamo fare di più e gli Stati Uniti faranno di più” ha detto ieri Biden

Turchia-Somalia: Erdogan e Mohamud a colloquio, focus economia e difesa

I due governi hanno concluso lo scorso 8 febbraio un accordo volto a rafforzare la cooperazione bilaterale

Milei al Parlamento argentino: “Porterò avanti la mia agenda di riforme con o senza di voi”

Il mese scorso i deputati hanno respinto la sua "Legge Omnibus", il maxi provvedimento contenente decine di riforme del sistema economico e istituzionale

La madre di Navalnyj visita la tomba il giorno dopo i funerali

La donna è stata accompagnata da Alla Abrossimova, madre della vedova di Aleksej