La Finlandia potrebbe rivalutare l’ingresso congiunto con la Svezia nella Nato

Le proteste contro la Turchia a Stoccolma stanno mettendo a dura prova le relazioni tra i due paesi. Il ministro degli Esteri finlandese: "Se ci dovessero essere dei ritardi per la Svezia, valutiamo strade alternative"

Svezia Finlandia

L’opzione numero uno in termini di sicurezza di Finlandia e Svezia è un ingresso congiunto dei due Paesi nella Nato, ma se ci dovessero essere dei ritardi per Stoccolma, il governo di Helsinki dovrebbe valutare strade alternative. È quanto dichiarato dal ministro degli Esteri Pekka Haavisto all’emittente radiotelevisiva “Yle”. Tuttavia, secondo Haavisto, “è ancora troppo presto” per prendere posizione in merito.

Ci sono state estese proteste contro la Turchia in Svezia nelle ultime settimane – culminate sabato quando è stata bruciata una copia del Corano dinnanzi alla sede della missione diplomatica turca a Stoccolma – che hanno messo a dura prova le relazioni tra i due Paesi. Ieri sera il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che la Svezia non dovrebbe aspettarsi il sostegno turco in merito a una sua possibile adesione del paese alla Nato. Secondo Haavisto, le proteste della Svezia sono diventate un chiaro ostacolo alle candidature alla Nato di Finlandia e Svezia. “Questi manifestanti stanno giocando con la sicurezza di Finlandia e Svezia,” ha dichiarato Haavisto, secondo cui l’obiettivo di queste persone è provocare la Turchia e influenzare le opinioni di cittadini e politici.

In Turchia le proteste hanno “scioccato e sconvolto” le persone e mettono in crisi la disponibilità di Ankara a negoziare, ha affermato Haavisto. Secondo il ministro, l’adesione della Nato tra Finlandia e Svezia sarà rinviata almeno fino alle elezioni turche, cioè fino alla metà di maggio. Secondo Haavisto, Finlandia, Svezia e Turchia stanno cercando di organizzare un nuovo incontro trilaterale all’inizio della primavera, dove si valuterà la situazione.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram