Banner Leonardo

Israele, voli cancellati e incubo razzi: c’è timore per gli italiani bloccati nel Paese – video

Gli italiani presenti nei territori in questione sono invitati a "evitare spostamenti non strettamente necessari, mantenere la massima attenzione, restare informati e seguire le indicazioni delle autorità locali"

Gerusalemme
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Le strade di Gerusalemme sono semi-deserte, girano solo taxi e poche auto. Nella città vecchia, i negozi del suq sono sbarrati. Una città fantasma, se non fosse per i gruppi di pellegrini nei santuari. Tra loro anche diversi gruppi di italiani, che continuano il loro programma nella Città Santa nell’attesa di ripartire. Gruppi continuano ad arrivare negli alberghi. Nessuno mostra eccessiva preoccupazione. Chi viaggia con gruppi organizzati in generale non ha avuto problemi negli spostamenti – anche da e per i Territori palestinesi – e ha subito poche limitazioni al programma.

Molti pellegrini non sono informati o non hanno percepito cosa stia veramente accadendo. Qualche problema in più per chi viaggia da solo o in piccoli gruppi. Un gruppo di archeologi del Pontificio Istituto di Archeologia Sacra (Piac), che doveva rientrare a Roma sabato è rimasto bloccato a Betlemme fino a domenica sera ed è riuscito a raggiungere Gerusalemme grazie al coordinamento con il consolato italiano e la Custodia di Terra Santa. Rientreranno dopodomani, con un volo Neos Air insieme al gruppo di archeologi de La Sapienza impegnati nei lavori di restauro al Santo Sepolcro.

Quello dei rientri in Italia è uno dei problemi maggiori. I voli sono quasi tutti cancellati e per i prossimi giorni non si prevede un miglioramento della situazione. L’aeroporto di Ben Gurion è aperto, ma diverse compagnie stanno cancellando i voli a scopo precauzionale con gravi disagi per i passeggeri. Intanto, ambasciata e consolato cercano di assistere i connazionali presenti in Israele, soprattutto turisti e pellegrini che si trovano nelle zone più a rischio, in coordinamento costante con la Farnesina, che ha facilitato il ritorno con due voli della Neos Air. Nella Basilica del Santo Sepolcro i pellegrini continuano a entrare per pregare e toccare i luoghi della morte e risurrezione di Gesù. Tra i vari gruppi anche uno dell’Opera Romana Pellegrinaggi guidato dal cardinale Enrico Feroci, che mostra preoccupazione per la situazione. Qualche sacerdote che guida i gruppi invita a non spargere panico, pur ammettendo la gravità della situazione e invitando alla prudenza negli spostamenti

Alle 17:00 locali (le 16:00 italiane) per la seconda volta suonano le sirene anti-razo a Gerusalemme, mentre nella Basilica del Santo Sepolcro inizia la processione quotidiana dei frati francescani della Custodia di Terra Santa. “Chiediamo al Signore il dono della pace per il mondo intero ma in particolare per questa terra martoriata, la Terra Santa, per i popolo che ci vivono, che possano vivere insieme”, ha detto il presidente del Santo Sepolcro, fra Stéphane Milovitch, prima della preghiera finale.

Secondo il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Antonio Tajani, sono circa 18 mila gli italiani che vivono in Israele, molti dei quali con doppio passaporto. “Un migliaio sono giovani che stanno svolgendo il servizio di leva con l’esercito israeliano, 500 sono pellegrini o persone che lavorano pro tempore in Israele, poi ce ne sono una decina nella Striscia di Gaza”, ha detto ieri il capo della Farnesina a Mezz’ora su Rai3. Tra i circa 300 mila riservisti mobilitati da Israele in risposta all’attacco di Hamas ci sono anche dei riservisti italiani, circa una ventina, che hanno la doppia cittadinanza e che sono quindi stati richiamati.

Il sito web “Viaggiaresicuri.it” sottolinea che la situazione di sicurezza in Israele e nei Territori Palestinesi resta “estremamente fluida” e segnala cancellazioni sulle tratte aeree da e per l’Italia. Ovviamente, gli italiani che intendono recarsi in Israele sono invitati a rinviare il proprio viaggio in caso di spostamenti non strettamente necessari. Per chi si trova in aeroporto si suggerisce di controllare comunque ai banchi El Al e Israir la disponibilità di posti sulle destinazioni in uscita, in caso di mancata presentazione di passeggeri già prenotati. Gli italiani presenti in Israele e nei Territori Palestinesi sono invitati a “evitare spostamenti non strettamente necessari, mantenere la massima attenzione, restare informati e seguire le indicazioni delle autorità locali”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Meloni: “Il mio obiettivo è restituire credibilità al Paese”

“Sono una persona che ha speso due terzi della propria esistenza nell’impegno politico e ancora adesso la considero la più straordinaria forma di impegno civile che esista”

Ex Ilva, Urso in visita a Taranto: “A giorni completeremo la terna di commissari”

“Realizzeremo il polo tecnologico sulla transizione ambientale e Taranto sarà la sede nazionale"

Medio Oriente: proseguono le trattative per il rilascio degli ostaggi, mentre sale la tensione in Libano e Siria

I rappresentanti di Israele, Stati Uniti, Qatar ed Egitto si sono riuniti a Doha per discutere lo scambio di ostaggi e una possibile tregua nella Striscia di Gaza

Libia, fonti “Nova”: mercoledì a Tunisi una riunione di Camera e Senato su un nuovo governo unificato

Un funzionario vicino al “Senato” libico con sede a Tripoli ha riferito che alla riunione dovrebbero partecipare circa 140 membri delle due camere, almeno un rappresentante della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia e cinque importanti imprenditori libici

Tajani e Radman al Comitato di coordinamento dei ministri: Tra Italia e Croazia rapporto in forte espansione

I rapporti bilaterali tra Italia e Croazia vertono in una fase di forte espansione. I settori strategici su cui puntare sono infrastrutture ed energie...

Altre notizie

Gli Emirati e il Fondo monetario internazionale intervengono per salvare l’Egitto dalla bancarotta

“Agenzia Nova” ha parlato dei recenti sviluppi con l’analista Roberta La Fortezza
Anton Siluanov

Russia, Siluanov: L’uso dei nostri asset per ricostruire l’Ucraina mina le basi del sistema finanziario

"Non è la prima volta che sentiamo questa proposta", ha detto il ministro delle Finanze russo interpellato da "Agenzia Nova"

Da Cipro il messaggio di pace di Mattarella: “Una strada complessa ma sempre possibile”

"L’Italia partecipa con convinzione alla missione Onu a Cipro ed è orgogliosa di farlo per la pace mantenuta e l’obiettivo di una soluzione positiva che renda possibile ulteriore sviluppo di progresso in questo territorio”
Draghi

Draghi al Parlamento europeo: “Servono riforme strutturali”

L'ex premier e presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha partecipato alla riunione della conferenza dei presidenti delle commissioni d...

Sardegna 2024: Consiglio regionale, 11 seggi al Pd, 7 a Fd’I e M5S

Dopo 33 ore dallo spoglio, ancora non sono state contate tutte le 1.844 sezioni, ma già si comincia a delineare la composizione del nuovo Consiglio re...