Il Parlamento Ue vota per includere le misure per il risparmio energetico nei piani di rilancio nazionali

"Con la nuova legislazione, potremmo avere almeno 220 miliardi di euro disponibili per centrare gli obiettivi del Repower Eu, che ha il potenziale per essere un punto di svolta", ha affermato la presidente Roberta Metsola

Metsola

Il Parlamento europeo, riunito nella sessione plenaria di Bruxelles, ha approvato un mandato negoziale per l’inclusione delle misure Repower Eu nei Pnrr degli Stati membri per sostenere l’indipendenza dai combustibili fossili russi e accelerare la transizione verde. Nel testo adottato, gli europarlamentari affermano che i Paesi dell’Ue che presenteranno un piano di ripresa e resilienza modificato dopo l’entrata in vigore della proposta, dovranno includere misure per il risparmio energetico, la produzione di energia pulita e la diversificazione delle forniture energetiche, come previsto dal piano Repower Eu. Le misure incluse dovrebbero dare priorità agli investimenti per affrontare la povertà energetica delle famiglie, delle Pmi e delle microimprese vulnerabili. Gli europarlamentari, chiedono nel testo che gli ulteriori 20 miliardi di euro di sovvenzioni proposti dalla Commissione Ue, provengano da una vendita all’asta anticipata delle quote di emissione nazionali nell’ambito del sistema di scambio di quote di emissione dell’Ue (Ets).

Inoltre, si chiede all’esecutivo europeo di identificare ulteriori fonti di denaro per integrare il finanziamento delle azioni di Repower Eu, anche consentendo la flessibilità nell’uso dei fondi non spesi, come i fondi residui del ciclo di bilancio 2014-2020. Il voto di oggi “dimostra che siamo pronti a utilizzare ogni singolo euro possibile dei nostri fondi comuni per aiutare gli Stati membri contro la crisi energetica. Il chiaro messaggio del Parlamento europeo è che ci serve una legislazione ora, non ci possono esserci ritardi perché alle famiglie vulnerabili e alle Pmi serve sostegno prima possibile”, ha dichiarato in conferenza stampa la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola. “Con la nuova legislazione, potremmo avere almeno 220 miliardi di euro disponibili per centrare gli obiettivi del Repower Eu, che ha il potenziale per essere un punto di svolta”, ha aggiunto. “Ci aspettiamo di raggiungere un accordo con il Consiglio prima di Natale”, ha concluso Metsola. Il testo è stato adottato con 471 voti favorevoli, 90 contrari e 53 astensioni.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram