Banner Leonardo

Guinea-Bissau, il presidente Embalo: “Le violenze di giovedì sono state un tentativo di golpe”

Giovedì scorso membri della Guardia nazionale hanno fatto irruzione in una stazione di polizia per prelevare il ministro delle Finanze e il segretario al Tesoro, i quali erano stati interrogati sul ritiro di 10 milioni di dollari dai conti statali

Bissau
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Il presidente della Guinea-Bissau, Umaro Sissoco Embalo, ha affermato oggi che le violenze di giovedì scorso hanno coinvolto membri della Guardia nazionale sono state un “tentativo di colpo di Stato”. Embalo ha detto che un “tentativo di colpo di Stato” gli ha impedito di tornare da Dubai, dove ha partecipato alla Cop28.


“Devo dirvi che questo atto avrà gravi conseguenze”, ha aggiunto, precisando che il tentato golpe è stato preparato prima delle celebrazioni del 16 novembre per commemorare l’anniversario delle Forze armate. Dopo i fatti di giovedì, la calma è tornata nel Paese in seguito all’annuncio che l’esercito aveva catturato il colonnello Victor Tchongo, comandante della Guardia nazionale che avrebbe ordito il tentativo di golpe. Nel frattempo secondo quanto riferito all’esercito in un comunicato, alcuni ufficiali e soldati della Guardia nazionale sono in fuga all’interno del Paese. “Lo Stato maggiore delle Forze armate li informa che devono ritornare al loro luogo di incarico”, prosegue la nota.

Il blocco regionale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Cedeao) ha affermato intanto che “condanna fermamente la violenza e tutti i tentativi di sconvolgere l’ordine costituzionale e lo stato di diritto in Guinea-Bissau” e ha chiesto “l’arresto e il perseguimento dei responsabili dell’incidente in conformità con la legge”, esprimendo “piena solidarietà al popolo e alle autorità costituzionali della Guinea-Bissau.

Giovedì scorso membri della Guardia nazionale hanno fatto irruzione in una stazione di polizia per prelevare il ministro delle Finanze, Souleiman Seidi, e il segretario al Tesoro, Antonio Monteiro, i quali erano stati interrogati sul ritiro di 10 milioni di dollari dai conti statali ed erano stati detenuti su ordine dei pubblici ministeri, nominati dal presidente Embalo. Quest’ultimo ha annunciato che lunedì prossimo sarà formata una commissione d’inchiesta per indagare sull’accaduto. Negli scontri tra membri della Guardia nazionale e forze speciali della guardia presidenziale sono morte almeno due persone. La Guardia nazionale è sotto il controllo del ministero degli Interni che, come la maggior parte dei ministeri del Paese, è dominato dal partito Partito africano per l’indipendenza della Guinea e di Capo Verde (Paigc), la cui coalizione ha vinto le elezioni del giugno 2023. Da quando ha ottenuto l’indipendenza dal Portogallo nel 1974, la Guinea-Bissau ha assistito a una serie di colpi di Stato e tentativi di golpe. Embalo, eletto per un mandato di cinque anni nel dicembre 2019, era già sopravvissuto a un fallito rovesciamento nel febbraio 2022.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Musk denuncia l’Ad di OpenAI: “Dà priorità ai profitti e non ai benefici per l’umanità”

Lo scontro vede ora Musk, secondo uomo più ricco del mondo, contro l'azienda di maggior valore al mondo, Microsoft

La viceministra norvegese Varteressian: “Non solo energia, uniamo le nostre industrie anche in altri rami”

La Norvegia non fa parte dell’Ue “ma siamo i non membri più vicini. Siamo un vero partner”

Pil, Istat: nel 2023 crescita dello 0,9 per cento, +4 per cento nel 2022

"La crescita - si legge nella nota dell'Istituto - è stata principalmente stimolata dalla domanda nazionale al netto delle scorte, con un contributo di pari entità di consumi e investimenti"

Funerali di Navalnyj a Mosca: bagno di folla e applausi per il dissidente – foto e video

Il Cremlino: “Non abbiamo nulla da dire alla famiglia”

Usa: fuga di dati sensibili sui sistemi d’arma, Boeing patteggia il pagamento di 51 miliardi di dollari

Tra le violazioni contestate a Boeing figura un caso legato a tre dipendenti cinesi dell'azienda che effettuarono il download improprio di documenti legati a programmi del dipartimento della Difesa

Altre notizie

Ciad: la giunta al potere demolisce la sede del Partito socialista senza frontiere

E' quanto riferisce ad "Agenzia Nova" una fonte sul campo

Sardegna: 47 enne tenta l’impresa di circumnavigare l’Isola in kayak

Carlo Coni, cagliaritano, istruttore federale di canottaggio e appassionato del mare, si prepara a ripetere l'impresa dopo averla già portata a termine la prima volta nel 2018
houthi mar rosso

Le milizie Houthi minacciano di compiere “azioni inattese” nel Mar Rosso

Il movimento sciita yemenita hanno preso di mira 54 navi nel Mar Rosso dall'inizio delle loro operazioni, lanciando 384 missili e droni contro le imbarcazioni

La Cina ha lanciato un satellite per fornire servizi Internet in orbita alta

Il satellite è stato lanciato a bordo di un razzo vettore Lunga Marcia-3B, entrando nell'orbita preimpostata

Abu Dhabi: tecnologia italiana per un progetto da 200 milioni di dollari

Tecnologia italiana e un investimento da 200 milioni di dollari per il nuovo stabilimento da 100 mila metri quadri in fase di costruzione ad Abu Dhabi...