Banner Leonardo

Guatemala: la procura ordina l’annullamento delle elezioni

Il presidente eletto, Bernardo Arevalo de Leo, denuncia un "assurdo colpo di Stato"

Città del Guatemala
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

La procura generale del Guatemala ha ordinato l’annullamento delle elezioni generali che hanno decretato, tra giugno e agosto, la vittoria del socialdemocratico, Bernardo Arevalo de Leon. In una conferenza stampa coordinata dal segretario della procura Angel Pineda, sanzionato dagli Stati Uniti con accuse di corruzione, sono stati presentate le prove di illeciti che sarebbero stati compiuti tanto da Arevalo, quanto dal Tribunale supremo elettorale (Tse). Arevalo, che dovrebbe insediarsi per un mandato quadriennale il prossimo 14 gennaio, ha parlato di un “colpo di Stato assurdo, ridicolo e perverso”, mentre la presidente del Tse, Blanca Alfaro, ha difeso come regolare l’esito del voto. Condanne alle iniziative della procura sono arrivate – tra gli altri – dagli Stati Uniti, dall’Organizzazione degli Stati americani (Osa) e dall’Unione Europea.


La procura, che da mesi muove contro gli altri poteri dello Stato per chiedere l’invalidazione delle elezioni, ha denunciato anomalie nelle procedure di “chiusura dello scrutinio”, che non sarebbero state avallate dal plenum del Tse, rendendo “nulla” la trasmissione dei risultati. La pubblica accusa ha quindi sgranato i risultati del fascicolo aperto per nei confronti di Arevalo per presunte irregolarità nella formazione del Movimento Semilla, il partito con cui ha vinto le elezioni, e per un caso di riciclaggio del denaro sporco dell’equivalente di circa 40mila dollari. Nello specifico, si parla di “illegalità” per 8mila nomi di iscritti denunciati come inesistenti, non corrispondenti ai documenti di identità, o deceduti al momento della firma. Una quota pari al 32 per cento del totale. Dando seguito a questo primo fascicolo, la procura rivendica i risultati di un secondo filone, secondo cui Semilla avrebbe omesso le entrate e le uscite finanziarie, così come prescritto dalla legge elettorale. Tutti atti per cui la procura chiede che siano aperti relativi processi, sollecitando anche il ritiro dell’immunità ad Arevalo e alla vice presidente eletta, Karin Herrera.

In una conferenza stampa convocata nell’immediato, la presidente del Tse, Alfaro, ha confermato come “validi, ufficiali e inalterabili”, tale che il mancato insediamento di Arevalo ed Herrera, significherebbe la “rottura dell’ordine costituzionale”. Il tribunale, ha rimarcato, ha già trasmesso le credenziali al binomio presidenziale e “non avrebbe nessuna facoltà di rimuoverle a meno che non intervenga una sentenza della Corte Costituzionale”. Il pubblico ministero, ha precisato Alfaro, ha “ovviamente il diritto di procedere a indagini”, ma queste non sono di per sé una sentenza, per la quale occorre un processo che potrebbe durare anche molti anni. A inizio mese, il Congresso aveva tolto a quattro magistrati del Tse l’immunità, esponendoli a un possibile arresto nell’ambito di indagini aperte per irregolarità nell’acquisto degli apparecchi di trasmissione dei dati. Un passaggio approvato con i voti delle forze dell’attuale maggioranza, all’indomani del quale – riportano i media locali – tre magistrati avrebbero abbandonato il Paese.

L’Unione Europea definisce le “ultime azioni e dichiarazioni del pubblico ministero” come un “tentativo di colpo di Stato”, destinato ad “avere un forte impatto negativo nelle relazioni del Guatneala con l’Ue”. Di “golpe”, parla anche il segretario generale dell’Osa, Luis Almagro, che invita le altre autorità del Paese a “prendere azioni contro chi lo ha perpetrato”. Secondo la missione di osservazione elettorale dell’Osa, assieme ad altre adottate nel passato “senza sostegno normativo”, sono “chiaramente contrarie al principio democratico di massima trasparenza” che dovrebbe orientare i processi elettorali. Il sottosegretario di Stato Usa per gli affari continentali, Brian Nichols, ha parlato di un “altro tentativo inaccettabile di sfidare la volontà dei guatemaltechi”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

ballottaggi - elezioni amministrative

Sardegna 2024: affluenza in crescita rispetto al 2019, lo spoglio domattina dalle 7

Quasi un milione e mezzo i sardi chiamati al voto. Per il campo largo di centrosinistra c'è Alessandra Todde, Paolo Truzzu per la coalizione di centrodestra, Renato Soru per la Coalizione sarda e Lucia Chessa per la lista Sardigna R-esiste

Brasile: oggi la manifestazione a sostegno di Bolsonaro a San Paolo, piene le strade della città – video

L'evento è organizzato all'indomani dell'apertura delle indagini sul presunto colpo di Stato del 2022 con cui Bolsonaro e altri funzionari a lui vicini avrebbero cercato di negare l'esito delle elezioni presidenziali vinte da Luiz Inacio Lula da Silva
ucraina

Zelensky: “Meloni ci sostiene ma in Italia molti favorevoli a Putin”

Il capo dello Stato si è detto felice dell'accordo siglato ieri tra Ucraina e Italia in materia di sicurezza. In merito alle persone che sostengono invece il Cremlino, Zelensky ha invitato le autorità italiane a "cancellare" i loro visti

Francia-Italia: fonti Eliseo, Macron si era reso “interamente disponibile” per il summit del G7

Da Parigi era emersa massima disponibilità per partecipare ala vertice nelle giornate di giovedì e venerdì, mentre per sabato il presidente francese era impegnato al Salone dell'Agricoltura, un appuntamento molto importante viste le proteste degli operatori del settore

Ucraina: il vicepremier denuncia la distruzione di 160 tonnellate di grano in una stazione ferroviaria in Polonia

Il grano era in transito verso il porto di Danzica e poi verso altri Paesi", ha spiegato Kubrakov, secondo cui si tratta del "quarto caso di vandalismo nelle stazioni ferroviarie polacche"

Altre notizie

Burkina Faso: attentato in una chiesa cattolica, almeno 15 morti

Dal 2015 il Paese è teatro di attacchi regolari da parte di gruppi jihadisti affiliati ad Al Qaeda e allo Stato islamico, attivi in ​​diverse regioni e causando notevole instabilità

Libia: il premier Dabaiba approva l’aumento degli stipendi delle guardie petrolifere dopo la chiusura del gas

La notizia arriva dopo che oggi le Guardie hanno chiuso alcune valvole del gas e del petrolio nell'area di Zawiya, a sud-ovest di Tripoli, nonché il cancello del complesso petrolifero e del gas di Mellitah, situato sulla costa della Libia occidentale

Gaza, Usa: “A Parigi raggiunto un accordo di massima per il cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi”

Il consigliere per la Sicurezza nazionale, Jake Sullivan."Siamo ancora nella fase di negoziazione per definire i dettagli. Ci dovranno essere discussioni indirette tra Qatar ed Egitto con Hamas perché alla fine dovranno accettare di rilasciare gli ostaggi"

Sardegna 2024: alle 12 affluenza al 18,4 per cento, in aumento rispetto al 2019

Quasi un milione e mezzo i sardi chiamati al voto. Per il campo largo di centrosinistra c'è Alessandra Todde, Paolo Truzzu per la coalizione di centrodestra, Renato Soru per la Coalizione sarda e Lucia Chessa per la lista Sardigna R-esiste
etiopia milizie oromia

Etiopia: quattro preti ortodossi uccisi dai ribelli oromo nel monastero di Zequala

Quello in Oromia è un conflitto di lunga data che da diversi anni vede contrapposti da una parte il Fronte di liberazione oromo (Olf) – di cui l’Ola costituisce il braccio armato – e il governo etiope dall’altra