Gli avvocati del principe Andrea chiedono un processo con giuria per le accuse di abusi sessuali

principe Andrea

Gli avvocati del principe Andrea, figlio della regina Elisabetta, hanno chiesto al tribunale statunitense un processo con giuria, negando ancora una volta le accuse contro il reale per violenza sessuale, da parte di Virginia Giuffre. Come riporta l’emittente televisiva “Sky News”, documenti del tribunale depositati a New York, mostrano che il principe “richiede un processo con giuria su tutte le cause di azione asserite nella denuncia”.

Giuffre accusa il reale di averla costretta ad avere con lui rapporti sessuali, quando lei aveva 17 anni, nella casa dell’imprenditore Jeffrey Epstein (poi suicidatosi in carcere). Andrea ha tuttavia, costantemente negato tutte le accuse contro di lui. Nei documenti il team legale del principe ha presentato diverse ragioni per cui crede che il caso debba essere archiviato. Uno dei fattori presi come ragionevolmente validi è la questione del consenso. “Supponendo, senza ammettere, che Giuffre abbia subito qualsiasi lesione o danno presunto nella denuncia, le rivendicazioni di Giuffre sono bloccate dalla dottrina del consenso”, si legge nelle carte. Queste inoltre affermano che il principe Andrea “ammette di aver incontrato Epstein intorno al 1999”, ma nega di aver partecipato a qualsiasi abuso sessuale insieme a lui.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram