Germania: il Nord Stream 2 divide le forze di governo

nord stream 2

Il Nord Stream 2, il gasdotto che collega Russia e Germania attraverso il Mar Baltico, divide le forze che compongono il governo federale, ossia il Partito socialdemocratico tedesco (SpD), i Verdi e il Partito liberaldemocratico (Fdp). Come riferisce il quotidiano “Handelsblatt”, la SpD, di cui è esponente lo stesso cancelliere Olaf Scholz, sostiene il progetto rivendicando la natura esclusivamente economica, senza alcuna connotazione politica. Verdi e Fdp sono invece critici. Per Sergej Lagodinsky, eurodeputato degli ecologisti, “i progetti energetici sono geostrategicamente importanti, in una dura fase di provocazione e confronto da parte della Russia nulla può essere considerato neutrale sul piano della geopolitica”.

A sua volta, il segretario generale della Fdp, Bijan Djir-Sarai, si è detto sorpreso dalle dichiarazioni secondo “il Nord Stream 2 è un progetto puramente economico”. Per l’esponente dei liberaldemocratici, è infatti “certo che vi è una dimensione politica” nel gasdotto russo-tedesco. Sulla questione è intervenuta poi Franziska Brandmann, presidente dei Giovani liberali, organizzazione giovanile della Fdp. Secondo Brandmann, un governo russo che “mette le figure dell’opposizione nei campi di lavoro, scioglie le organizzazioni per i diritti umani e minaccia l’aggressione militare contro l’Ucraina” deve essere “messo al suo posto” dall’esecutivo tedesco.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram