Banner Leonardo

Genova: frodi informatiche e ricettazione, arrestata una donna già ai domiciliari

Le indagini sono state svolte dalla Polizia di stato in servizio presso il Centro operativo per la sicurezza cibernetica della polizia postale della Liguria, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova

Genova
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Gli investigatori della Polizia di stato in servizio presso il Centro operativo per la sicurezza cibernetica della polizia postale della Liguria, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, hanno eseguito la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di una 42enne straniera ritenuta il terminale italiano di un’articolata organizzazione dedita alle frodi informatiche, alla ricettazione ed al riciclaggio, e il deferimento all’Autorità Giudiziaria di altri soggetti, ritenuti suoi complici, per tutti fatta salva la presunzione di innocenza. La donna era già stata arrestata a Genova dalla Polizia Postale nell’ottobre 2021 ma nonostante ciò aveva continuato a commettere reati, anche dagli arresti domiciliari, e per queste ragioni era stata nuovamente condotta in carcere nel giugno 2022. Trascorsa la seconda carcerazione, era stata nuovamente collocata in regime di arresti domiciliari presso un’associazione di volontariato del centro genovese impegnata nel recupero dei detenuti, ma aveva ripreso i contatti con i propri complici e ricominciato a delinquere. La lunga attività di analisi forense dei dispositivi informatici sequestrati in occasione della seconda perquisizione eseguita dagli esperti della Polizia Postale ha permesso di sbloccare i numerosi telefoni e dispositivi in uso alla 42enne, che aveva sempre rifiutato di fornire le password di accesso, permettendo così di avere un quadro ancora più ampio della portata delle sue condotte illecite.


In particolare, nonostante la risolutezza a eludere le investigazioni e cancellare le prove a proprio carico, sono state trovate numerose evidenze di conti aperti fraudolentemente e di carte di credito emesse oltre che in Italia in diversi stati europei e negli Usa oltre a quelle reperite nel darkweb. La donna, oltre ad aver mostrato elevatissime competenze informatiche, ha dimostrato una particolare dimestichezza dei prodotti economico finanziari di numerosi Paesi e ne ha sfruttato le diverse legislazioni per aggirare i controlli antifrode europei. Il provento delle attività criminose, stimato in diversi milioni di euro, è stato in parte investito in cryptovalute. Nel corso della perquisizione domiciliare, gli esperti della sezione Financial Cybercrime della Polizia Postale hanno sequestrato numeroso materiale, tra l’altro reperito durante la detenzione domiciliare, che è tuttora sottoposto ad esame per ulteriori risvolti investigativi.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

L’Armenia ha sospeso la sua partecipazione all’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva

Lo ha reso noto il premier armeno, Nikol Pashinyan, in un'intervista al canale televisivo "France24"
ucraina

Zelensky a Fox News: “Nessun piano B, sconfiggeremo la Russia”

"Il popolo e i soldati ucraini sono resilienti ma il sostegno militare e politico degli alleati resta cruciale"
putin biden

Putin replica agli insulti di Biden: “Avevo ragione ad auspicare la sua rielezione”

Durante un evento elettorale per la raccolta di fondi a San Francisco, in California, il presidente Usa ha nuovamente insultato il suo omologo russo, definendolo un "pazzo figlio di putt..."

Usa: rapido aumento degli ingressi illegali di cittadini cinesi dal confine con il Messico

Una tendenza che sembra coincidere con le difficoltà economiche della prima potenza asiatica, alle prese con un marcato rallentamento della crescite e un elevato tasso di disoccupazione giovanile

Mar Rosso: gli Usa incriminano quattro uomini per contrabbando di armi agli Houthi

I quattro sarebbero responsabili del carico di armi sequestrato dai Navy Seals al largo delle coste della Somalia il mese scorso, e sono anche accusati di aver fornito informazioni false alla Guardia costiera statunitense dopo il loro arresto

Altre notizie

Indonesia: avanza il processo di adesione all’Ocse

Se la domanda presentata da Giacarta verrà accolta, l'Indonesia diventerà il primo Paese del Sud-est asiatico ad aderire all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, soprannominata il "club delle economie sviluppate"
incendio valencia

Grattacielo in fiamme a Valencia: persone intrappolate nell’edificio, ci sono feriti – video

L'incendio è partito da uno dei piani terra ma si è rapidamente propagato lungo tutta la facciata

Per i neopatentati il divieto di guida di auto sportive sale a tre anni

Lo specificano fonti del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, smentendo quanto riportato da alcuni siti di informazione sul nuovo Codice della strada

Cultura: da Baglioni all’Eur al “Panini Village” a San Giovanni, gli eventi a Roma

Il fine settimana ormai alle porte offre nella Capitale un ricco calendario di eventi culturali. Teatro, danza, musica, cinema, arte: l'offerta è rivo...