Banner Leonardo

Francia: l’aggressore di Parigi era in contatto con altri islamisti responsabili di attacchi simili

Tra i contatti dell'assalitore c'erano Abdoullakh Anzorov, che nel 2020 ha sgozzato il professore Samuel Paty perché aveva mostrato delle vignette di Maometto in classe, e Larossi Abbala, che nel 2016 ha ucciso una coppia di poliziotti a Magnanville

Parigi
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Armand Rajabpour-Miyandoab, l’aggressore che ieri sera a Parigi ha ucciso un uomo e ferito altre due persone, era entrato in contatto negli ultimi anni con altri islamisti radicalizzati che hanno compiuto attacchi simili. Lo ha riferito il Centro del terrorismo (Cat) al quotidiano “Le Figaro”. Tra i contatti di Rajabpour-Miyandoab c’erano Abdoullakh Anzorov, che nel 2020 ha sgozzato il professore Samuel Paty perché aveva mostrato delle vignette di Maometto in classe, e Larossi Abbala, che nel 2016 ha ucciso una coppia di poliziotti a Magnanville. Il quotidiano “Le Parisien” ha riferito che tra i contatti su Facebook dell’assalitore di Parigi c’era anche l’assassino di padre Jacques Hamel, ucciso sette anni fa in una chiesa non lontano da Rouen.


L’assalitore, di nazionalità francese, è nato a Neuilly-sur-Seine nel 1997 ed era già noto alle forze dell’ordine, contrassegnato dalla cosiddetta “scheda S”, che in Francia indica gli individui considerati una seria minaccia alla sicurezza nazionale. Il ministro dell’Interno Gérald Darmanin, che già ieri sera si è diretto sul luogo dell’attacco, ha informato che l’uomo è stato arrestato. “La polizia ha appena coraggiosamente arrestato un aggressore che ha preso di mira dei passanti a Parigi, nei pressi del Quai de Grenelle”, ha scritto ieri il ministro in un messaggio su X. Da quanto dichiarato dal ministro, l’aggressore era noto per islamismo radicale e per “problemi psichiatrici importanti”.

“Dopo il suo arresto ha dichiarato che non poteva tollerare che dei musulmani stessero morendo in Afghanistan e in Palestina”, ha spiegato Darmanin. L’aggressore ha dapprima preso di mira una coppia di turisti tedeschi – un uomo e una donna – sul ponte Bir Hakeim dopo le 21. L’uomo è morto, mentre la donna “non è stata attaccata fisicamente ma è estremamente scioccata”, ha proseguito Darmanin. Successivamente, l’assalitore ha preso di mira altre due persone prima di essere arrestato lungo Parc du Passy. Armand R. ha minacciato la polizia e sostenuto di avere con sé degli esplosivi. Uno degli agenti ha quindi usato un taser per neutralizzare il pericolo. Dei feriti, uno ha nazionalità francese, sulla sessantina, e l’altro è un turista straniero che è stato ferito con un martello. Secondo una fonte di polizia, l’assalitore avrebbe gridato “Allah akbar” durante l’arresto.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

incendio valencia

Grattacielo in fiamme a Valencia: persone intrappolate nell’edificio, ci sono feriti – video

L'incendio è partito da uno dei piani terra ma si è rapidamente propagato lungo tutta la facciata

Per i neopatentati il divieto di guida di auto sportive sale a tre anni

Lo specificano fonti del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, smentendo quanto riportato da alcuni siti di informazione sul nuovo Codice della strada

Cultura: da Baglioni all’Eur al “Panini Village” a San Giovanni, gli eventi a Roma

Il fine settimana ormai alle porte offre nella Capitale un ricco calendario di eventi culturali. Teatro, danza, musica, cinema, arte: l'offerta è rivo...

Tajani: “La morte di Navalnyj è un omicidio politico commesso dal regime di Putin”

"Dietro l’uccisione dell’oppositore russo c’è sempre stata una volontà politica”

Altre notizie

Iraq, il presidente del Kurdistan Barzani: “Le milizie filo-iraniane sono più pericolose dello Stato islamico̶...

"Le cellule dell’Is occupavano un terzo dell’Iraq e noi conoscevamo bene quei fronti di battaglia, ma i combattenti filo-iraniani sono un nemico interno"

Mattarella da lunedì a Cipro: rapporti bilaterali e Mediterraneo al centro della visita

Un appuntamento significativo, non solo perché si tratta della prima visita ufficiale di un capo di Stato italiano sull’isola ma anche per l’importanza che riveste oggi il Mediterraneo orientale, alla luce della situazione geopolitica
germania

L’appello della Conferenza episcopale tedesca: “Non votare per l’estrema destra”

Per i vescovi i cristiani non possono impegnarsi né essere eletti nei partiti della destra radicale

Brasile: l’inchiesta su Bolsonaro fa lievitare la tensione, si preparano arresti tra generali dell’esercito

Mentre si avvicina l’ora della convocazione, fonti di stampa hanno reso noto che l’esercito sta preparando, a Brasilia, delle celle speciali
verde caldo parco sempione

Roma: 100 nuovi parchi in periferia in dieci anni, i primi 50 entro il 2026

Il piano è stato illustrato oggi in Campidoglio