Banner Leonardo

Fontana firma l’ordinanza: province di Brescia e Como e altri Comuni lombardi in “arancione scuro”

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Sulla base delle raccomandazioni della Commissione indicatori Covid 19 di Regione Lombardia e sentito il Ministero della Salute, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana,  ha firmato tre ordinanze con l’obiettivo di rafforzare le misure di prevenzione e contrasto al COVID su diverse aree del territorio lombardo. Le misure entreranno in vigore mercoledì 3 marzo con scadenza dopo una settimana, mercoledì 10 marzo compreso. Fatta eccezione per i comuni che da fascia rossa passano ad arancione rafforzato (Mede, Viggiù e Bollate) che avranno effetto a partire dal 4 e fino a giovedì 11 marzo compreso. In particolare, si stabilisce la fascia arancione rafforzata per tutti i comuni della provincia di Como. Il provvedimento vale inoltre per i seguenti comuni della provincia di Mantova: Viadana, Pomponesco, Gazzuolo, Commessaggio, Dosolo, Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Benedetto Po, Asola, Castelgoffredo, Casaloldo, Medole, Casalmoro, Castiglione delle Stiviere. In provincia di Cremona, fascia arancione rafforzata per: Il capoluogo Cremona, Spinadesco, Castelverde, Pozzaglio ed Uniti, Corte dei Frati, Corte de’ Cortesi con Cignone, Spineda, Bordolano e Olmeneta.


Anche nel territorio della provincia di Pavia viene disposta la fascia arancione rafforzata per: Casorate Primo, Trovo, Trivolzio, Rognano, Giussago, Zeccone, Siziano, Battuda, Bereguardo, Borgarello, Zerbolò, Vidigulfo. Inoltre, in provincia di Milano, l’ordinanza riguarda Motta Visconti, Besate, Binasco, Truccazzano, Melzo, Liscate, Pozzuolo Martesana, Vignate, Rodano, Casarile. Per tutti questi comuni viene stabilita la didattica a distanza per le scuole dell’infanzia, le primarie e le secondarie ad esclusione degli asili nido. Vengono, poi, prorogate per un’altra settimana le misure già adottate per tutti i comuni della provincia di Brescia, sempre con esclusione degli asili nido. Così come sono confermate per un’altra settimana anche per i comuni bergamaschi di Sarnico, Gandosso, Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Villongo, Castelli di Calepio, Credaro e per il comune di Soncino in provincia di Cremona. I comuni di Mede (Pv), Bollate (Mi) e Viggiù (Va), finora in fascia rossa, passano in fascia arancione rafforzata, in considerazione del miglioramento della situazione epidemiologica.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

detenuti

Haiti: gruppi armati assaltano il carcere della capitale

Nel quadro di una situazione fortemente confusa, il quotidiano regionale “El Colombiano” ha pubblicato un audio con la richiesta di aiuto dei militari in servizio nel carcere

Ciad: la morte dell’oppositore Dillo non convince, Ue e ong chiedono una indagine

Nel Paese la situazione rimane di forte tensione dopo le violenze scoppiate nei giorni scorsi nella capitale

Scossa di magnitudo 3.4 ai Campi Flegrei, paura ma nessun danno

Il terremoto è stato registrato questa mattina poco dopo le 10

Pakistan: Shehbaz Sharif eletto primo ministro, è il suo secondo mandato

La Lega musulmana di Nawaz Sharif, pur non ottenendo la maggioranza, è risultata il primo partito

Svizzera: 50enne ebreo ortodosso accoltellato a Zurigo, fermato un 15enne

L’uomo, secondo quanto riferito dalle autorità, è stato ricoverato d’urgenza

Altre notizie

Primarie Usa: Trump vince in Michigan, Missouri e Idaho

Le vittorie, sottolinea la stampa statunitense, aprono la strada all’ex presidente in vista del “Super Tuesday” della prossima settimana

Gaza: in Egitto nuovi colloqui per la tregua e la liberazione di ostaggi, assente la delegazione di Israele

Lo ha confermato al quotidiano “Times of Israel” un funzionario dello Stato ebraico

Crosetto: “Hamas va sradicato ma il popolo palestinese va protetto”

Sul Mar Rosso: "L’Italia non è li per fare azioni di guerra, ma per difendere le sue navi"
putin malore arresto cardiaco

L’85 per cento dei russi pensa che Putin abbia un piano chiaro per lo sviluppo del Paese

Un intervistato su dieci pensa che "non ci siano strategie”