Banner Leonardo

Fitto: “Con la modifica della quarta rata del Pnrr siamo nelle condizioni di chiedere l’erogazione”

Gli interventi consentono al Paese di “tenere fede al percorso stabilito senza alcun de-finanziamento delle risorse in arrivo da Bruxelles"

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Dal “Piano per asili nido e scuole dell’infanzia e servizi di educazione e cura per la prima infanzia”, al “Rinnovo del parco ferroviario di trasporto pubblico regionale con treni puliti e servizio universale”, dalle “Infrastrutture di ricarica elettrica” alla “Creazione di imprese femminili”. Sono dieci le modifiche ad altrettanti obiettivi previsti nell’ambito della quarta rata del Pnrr che il governo ha messo oggi nero su bianco nel corso di una riunione della cabina di regia a palazzo Chigi. Modifiche che, come spiegato dal ministro per gli Affari europei, la Coesione il Sud ed il Pnrr, Raffaele Fitto, nel corso di una conferenza stampa, consentono al Paese di “tenere fede al percorso stabilito” senza alcun “de-finanziamento” delle risorse in arrivo da Bruxelles. “La quarta rata – ha scandito – grazie a queste modifiche può essere oggetto di una richiesta di pagamento che inoltreremo nei prossimi giorni”. Infatti, ha voluto precisare il ministro, “se avessimo lasciato gli obiettivi” così come indicati in precedenza si sarebbe andati incontro ad un “lavoro molto complesso di verifica” da parte della Commissione europea, come fra l’altro sta avendo per la terza rata prevista dal Piano e non ancora pervenuta. Inoltre si sarebbe corso il rischio di “non raggiungere gli obiettivi” indicati.


Nonostante questo lavoro di revisione, ha chiarito il ministro, garanzie sui tempi per ricevere la quarta rata del Pnrr “non può darle nessuno. Noi abbiamo impostato un lavoro preliminare definendo quali obiettivi andavano corretti per raggiungere il risultato”. Il timore, come evidenziato dal ministro, è anche quello di assistere a ritardi come avvenuto per l’erogazione della terza rata: “Siamo nella fase di verifica di alcuni aspetti di dettagli dal punto di vista delle interpretazioni”, ha però rassicurato Fitto prima di tornare ad invocare un dibattito politico impostato su dialogo e confronto e non sulle polemiche. In particolare su presunti ritardi nell’attuazione del Piano: “Non ho ancora ascoltato un riferimento preciso ad un ritardo attribuibile a questo governo: alcune dichiarazioni sono sotto qualsiasi immaginazione”. E ancora: “Il concetto di ritardo mi pare opinabile perché andrebbe ancorato a dati oggettivi”, ha aggiunto rivolgendosi alle opposizioni. L’auspicio del ministro è dunque che il dibattito sia basato “su proposte concrete” ma “ogni giorno sento cose contro: penso che l’Italia avrebbe bisogno di un confronto serio, con proposte costruttive, invece di polemiche che non servono a nessuno”.

E forse per allontanare queste polemiche il ministro ha ribadito oggi come la scadenza per le modifiche complessive al Piano, al 31 agosto, sarà rispettata e che sulla questione ci sarà modo di un confronto in Aula, il prossimo 18 luglio, in occasione della relazione semestrale sul Piano. Entrando nel dettaglio delle proposte di modifica, dieci su 27 obiettivi previsti, queste riguardano sei ministeri: Imprese e made in Italy, Infrastrutture e trasporti, Ambiente e sicurezza energetica, Istruzione e merito, Cultura e politiche di Coesione. Oltre alle già citate modifiche in materia di istruzione ed energia, il documento varato oggi prevede interventi sullo sviluppo dell’industria cinematografica (Progetto Cinecittà); sulla tecnologia satellitare ed economia spaziale; sulla sperimentazione dell’idrogeno per la mobilità ferroviaria; sul rafforzamento dell’Ecobonus e del Sismabonus per l’efficienza energetica e la sicurezza degli edifici; sull’uso dell’idrogeno nell’industria hard to abate; e sui servii socioeducativi strutturati per combattere la povertà educativa nel Mezzogiorno a sostegno del Terzo Settore.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Meloni: “Il mio obiettivo è restituire credibilità al Paese”

“Sono una persona che ha speso due terzi della propria esistenza nell’impegno politico e ancora adesso la considero la più straordinaria forma di impegno civile che esista”

Ex Ilva, Urso in visita a Taranto: “A giorni completeremo la terna di commissari”

“Realizzeremo il polo tecnologico sulla transizione ambientale e Taranto sarà la sede nazionale"

Medio Oriente: proseguono le trattative per il rilascio degli ostaggi, mentre sale la tensione in Libano e Siria

I rappresentanti di Israele, Stati Uniti, Qatar ed Egitto si sono riuniti a Doha per discutere lo scambio di ostaggi e una possibile tregua nella Striscia di Gaza

Libia, fonti “Nova”: mercoledì a Tunisi una riunione di Camera e Senato su un nuovo governo unificato

Un funzionario vicino al “Senato” libico con sede a Tripoli ha riferito che alla riunione dovrebbero partecipare circa 140 membri delle due camere, almeno un rappresentante della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia e cinque importanti imprenditori libici

Tajani e Radman al Comitato di coordinamento dei ministri: Tra Italia e Croazia rapporto in forte espansione

I rapporti bilaterali tra Italia e Croazia vertono in una fase di forte espansione. I settori strategici su cui puntare sono infrastrutture ed energie...

Altre notizie

Gli Emirati e il Fondo monetario internazionale intervengono per salvare l’Egitto dalla bancarotta

“Agenzia Nova” ha parlato dei recenti sviluppi con l’analista Roberta La Fortezza
Anton Siluanov

Russia, Siluanov: L’uso dei nostri asset per ricostruire l’Ucraina mina le basi del sistema finanziario

"Non è la prima volta che sentiamo questa proposta", ha detto il ministro delle Finanze russo interpellato da "Agenzia Nova"

Da Cipro il messaggio di pace di Mattarella: “Una strada complessa ma sempre possibile”

"L’Italia partecipa con convinzione alla missione Onu a Cipro ed è orgogliosa di farlo per la pace mantenuta e l’obiettivo di una soluzione positiva che renda possibile ulteriore sviluppo di progresso in questo territorio”
Draghi

Draghi al Parlamento europeo: “Servono riforme strutturali”

L'ex premier e presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha partecipato alla riunione della conferenza dei presidenti delle commissioni d...

Sardegna 2024: Consiglio regionale, 11 seggi al Pd, 7 a Fd’I e M5S

Dopo 33 ore dallo spoglio, ancora non sono state contate tutte le 1.844 sezioni, ma già si comincia a delineare la composizione del nuovo Consiglio re...