Banner Leonardo

Filippine: lo Stato islamico rivendica l’attentato di oggi

“I soldati del califfato hanno fatto esplodere un ordigno esplosivo su un grande raduno di cristiani”, ha scritto l’organizzazione terroristica in una nota sui suoi canali Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

L’attentato di oggi nelle Filippine, a Marawi, è stato rivendicato dallo Stato islamico (Is). Lo riferisce l’emittente “Al Arabiya”. “I soldati del califfato hanno fatto esplodere un ordigno esplosivo su un grande raduno di cristiani”, ha scritto l’organizzazione terroristica in una nota sui suoi canali Telegram.


La rivendicazione è giunta dopo la conferenza stampa tenuta dal ministro della Difesa delle Filippine, Gilbert Teodoro, e dal capo di Stato maggiore delle Forze armate, generale Romeo Brawner, che hanno evidenziato somiglianze tra l’attentato odierno e quello del 27 gennaio 2019 a Jolo. Come riferisce il sito di informazione filippino “Rappler”, il ministro e il generale hanno confermato che l’esplosione è stata causata da un ordigno improvvisato, che ha ucciso almeno quattro persone (un numero più alto secondo altre testate) e ne ha ferite più di 40. L’ordigno è esploso in una palestra dell’Università di Stato di Mindanao (Msu) a Marawi, nella regione autonoma di Bangsamoro nel Mindanao Musulmano (Barmm), dove si stava celebrando una messa cattolica. A Jolo, nella stessa regione, fu colpita con due ordigni, anche in quel caso di domenica, la Cattedrale di Nostra Signora del Monte Carmelo, un attentato attribuito al gruppo islamista Abu Sayyaf che provocò la morte di 23 persone.

Brawner, tuttavia, ha precisato che gli investigatori al momento battono diverse piste compresa quella del coinvolgimento del Gruppo Maute, anch’esso di ideologia islamista. L’ipotesi era stata avanzata poco dopo i fatti dal generale Allan Nobleza, direttore dell’ufficio regionale di polizia, affermando che l’attentato potrebbe essere collegato all’uccisione di undici membri di Maute in un’operazione militare compiuta venerdì a Datu Hoffer Ampatuan, nella provincia del Maguindanao del Sur.

Di “atti insensati e atroci perpetrati da terroristi stranieri” ha parlato il presidente Ferdinand Marcos nel suo messaggio di condanna. “Gli estremisti che esercitano violenza contro gli innocenti saranno sempre considerati nemici della nostra società”, ha dichiarato il capo di Stato, annunciando il rafforzamento della sicurezza. “Consegneremo gli autori di questo atto spietato alla giustizia”, ha assicurato Marcos, esortando la popolazione alla calma ed esprimendo la sua vicinanza “alle vittime, ai loro cari e alle comunità che sono state il bersaglio di questo ultimo assalto alla pace”. Condanna e vicinanza sono state espresse anche dai governi di altri Paesi, nonché da papa Francesco. “Sono vicino alle famiglie, al popolo di Mindanao che già tanto ha sofferto”, ha detto il Pontefice nell’Angelus odierno.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Trenitalia fa marcia indietro: non ci sarà alcun regolamento su bagagli, monopattini e biciclette a bordo

La comunicazione delle nuove direttive che sarebbero partite nella giornata di domani aveva scatenato polemiche
vertice balcani

Balcani: a Tirana il vertice regionale incentrato sul piano Ue di crescita e convergenza

La Commissione europea ha previsto un budget di sei miliardi di euro per lo sviluppo economico dei Paesi dei Balcani occidentali, con l’obiettivo di u...

Ciad: sette morti tra forze dell’ordine e aggressori nelle violenze di ieri

Per quasi un'ora i soldati hanno forzato con le armi l'ingresso di un edificio nel quartiere di Klemat, provocando numerose esplosioni

Spagna: il caso Koldo scuote il Partito socialista del premier Sanchez

Il Tribunale nazionale sta conducendo un'articolata indagine su un presunto piano per riscuotere commissioni illegali nei contratti di acquisto di materiale sanitario nei primi mesi della pandemia di Covid-19

Australia e Filippine firmano accordi su difesa e sicurezza marittima

Alla cerimonia hanno preso parte il primo ministro australiano Anthony Albanese e il presidente delle Filippine Ferdinand Marcos Junior

Altre notizie

Iran, l’analista a Nova: “Le elezioni di domani saranno un referendum sulla Repubblica islamica”

Secondo Nima Baheli "queste elezioni si svolgono in un contesto di crescente crisi di legittimità interna, che si è acuita con la morte di Mahsa Jina Amini nel 2022 e con le proteste che ne sono conseguite”

Piantedosi alle Camere sugli scontri a Pisa: “Sempre garantite le libertà costituzionali”

Il ministro difende le Forze dell'ordine: "Si tratta di servitori dello Stato e lavoratori che svolgono un ruolo fondamentale a presidio della sicurezza e della legalità"
Macron

Ucraina, Macron: “Le mie parole sulla guerra sono pesate e misurate”

Per il presidente francese si tratta di "temi sufficientemente gravi". Il Cremlino: "Danni irreparabili alla sicurezza e alla stabilità nel continente da queste dichiarazioni"
puigdemont

Spagna: la Corte suprema apre un procedimento penale per terrorismo contro Puigdemont

Secondo l'accusa Puigdemont sarebbe una delle "menti" dietro i disordini messi in atto in diverse parti della Catalogna