Expo 2020: al Padiglione Italia migliaia di visitatori nella giornata inaugurale

expo italia

Nonostante le poche ore di apertura prima della cerimonia, migliaia di visitatori si sono messi in fila per accedere al Padiglione Italia che ha registrato già l’interesse dell’opinione pubblica emiratina vincendo questa settimana il premio come miglior progetto imprenditoriale dell’anno ai prestigiosi Construction Innovation Awards assegnati ogni anno nel Paese che ospita l’Esposizione. Lo riferisce una nota del Commissariato italiano per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020. Con la cerimonia inaugurale alla presenza dei rappresentanti delle Regioni, del mondo dell’impresa, dell’accademia e della cultura di tutto il Paese ha aperto al pubblico di tutto il mondo il Padiglione Italia ad Expo 2020 Dubai sotto il motto “La bellezza unisce”. Il Padiglione è stato inaugurato con una cerimonia alla quale è intervenuto il sottosegretario agli Affari esteri e alla cooperazione internazionale Benedetto Della Vedova, insieme al Commissario generale per la partecipazione dell’Italia a Expo Paolo Glisenti e all’ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti Nicola Lener. L’evento ha seguito una prima parte della giornata in cui il Padiglione è stato presentato a un folto numero di rappresentanti dei mass media italiani e internazionali assieme ai rappresentanti dei tour operator attivi nell’area del Golfo e a molti influencer notissimi agli utenti dei social media della Regione.

Interpretando il tema generale di Expo Dubai “Connettere le menti, generare il futuro”, l’Italia contribuisce in modo decisivo al confronto tra i Paesi partecipanti su idee e progetti per il futuro: lo fa con il proprio Padiglione, il cui progetto architettonico è di Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria, con un percorso espositivo curato da Davide Rampello caratterizzato da installazioni dimostrative dell’innovazione e della sostenibilità oltre che con centinaia di iniziative per le quali sono stati creati 10 diversi format. L’Italia delle competenze per l’innovazione, la sostenibilità, la formazione salpa verso Expo 2020 Dubai con un programma di iniziative ed eventi internazionali dedicati alla capacità innata del nostro Paese di connettere popoli, culture, intelligenze attraverso bellezza, saper fare, creatività.

expo padiglione italia

A Expo 2020 Dubai l’Italia promuoverà, con 70 partner istituzionali, oltre 50 aziende sponsor e partner tecnici, 15 Regioni e 30 Università aderenti, un vasto programma di forum multilaterali e dialoghi di alto livello che permetteranno di analizzare le sfide più pressanti dell’umanità, indicando soluzioni per generare crescita, innovazione e collaborazione internazionale. Dal clima allo spazio, dallo sviluppo urbano alla promozione del dialogo interculturale, fino alle sfide dell’innovazione e della digitalizzazione nella salute, nell’agricoltura e nella blue economy, il Programma dei forum multilaterali riunirà attorno a questi temi cruciali policy-maker di alto livello, esperti internazionali, giovani studenti, rappresentati del mondo business per evidenziare il contributo dell’Italia allo sviluppo di nuovi modelli collaborativi sui grandi temi dell’Agenda 2030 dell’Onu.

Un ampio programma delle iniziative istituzionali e di approfondimento intende dare massima eco alle ambizioni e prospettive del nostro Paese nel quadro del Green Deal europeo, del Next Generation EU e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Largo spazio sarà dato alla programmazione business attraverso numerosi eventi di approfondimento e di networking volti a promuovere la diffusione del “Made with Italy” su scala globale e a rilanciare l’attrazione di investimenti diretti esteri per le nostre imprese e flussi turistici per le Regioni e i territori d’Italia. L’Italia sarà inoltre protagonista assoluta del “Programme for People and Planet”, il palinsesto di iniziative istituzionali di alto livello promosso da Expo 2020 Dubai, co-organizzando con Expo 2020 Dubai e gli altri Paesi partecipanti iniziative multilaterali dedicate ai cambiamenti climatici e alla resilienza degli ecosistemi montani, all’osservazione della Terra dallo spazio, alle nuove sfide per l’istruzione e la formazione, al dialogo interreligioso e interculturale, alla parità di genere, al futuro dell’alimentazione e ai processi più innovativi applicati alle filiere dell’agroalimentare.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram