Banner Leonardo

Energia, analista a “Nova”: “Israele può avere un ruolo strategico per diversificare fonti europee”

Lo ha dichiarato ad “Agenzia Nova” Gina Coen, consulente per il gas israeliana, commentando l’impatto della crisi ucraina sul mercato energetico e l’ipotesi di realizzare il gasdotto EastMed

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Israele può svolgere un ruolo per consentire all’Europa di ricevere fonti affidabili di gas e aiutarla a diversificare le proprie fonti di energia. Lo ha dichiarato ad “Agenzia NovaGina Coen, consulente per il gas israeliana, commentando l’impatto della crisi ucraina sul mercato energetico e l’ipotesi di realizzare il gasdotto EastMed, che porterebbe il gas israeliano fino all’Italia, passando per Cipro e Grecia. Il progetto consiste in un tratto offshore di circa 1.350 chilometri tra Israele e la Grecia continentale, passando per Cipro e Creta, e un tratto onshore in Grecia di circa 550 chilometri, direttamente collegato al gasdotto Poseidon. “La capacità di trasporto è prevista intorno ai 10 miliardi di metri cubi l’anno, con la possibilità di consegnare volumi a Cipro e in Grecia, ed è potenzialmente espandibile fino a un massimo di 20 miliardi di metri cubi all’anno”, ha ricordato Coen, ammettendo che l’infrastruttura “non può sostituire e non è sufficiente a soddisfare la domanda dell’Italia e dell’Europa”, ma l’Europa “deve diversificare le proprie fonti”.


L’Italia, ha proseguito l’esperta israeliana, “dovrebbe essere un Paese che sostiene questo progetto in prima linea, ma non è stato così e sono rimasta sorpresa”. “Credo che sia un’opportunità per l’Europa e adesso i Paesi membri lo hanno capito”, ha puntualizzato Coen, ricordando che di recente l’Ue ha definito il progetto di “vitale interesse”. Il gasdotto Eastmed è “fattibile da un punto di vista economico e tecnico” e saranno necessari “circa quattro anni” per la sua realizzazione perché “il progetto è in una fase avanzata rispetto ad altri progetti in Qatar e Mozambico”. In merito al ritiro del sostegno degli Stati Uniti al progetto, annunciato il 2 gennaio scorso, Coen ha chiarito che non si trattava di sostegno economico, “che dovrebbe venire da imprese private europee o da Israele”. “Sicuramente il ritiro del sostegno degli Stati Uniti non è positivo, soprattutto perché avviene nel momento in cui sono in corso gli studi di fattibilità che dovrebbero concludersi alla fine di quest’anno. E’ strano, perché normalmente il sostegno si toglie o all’inizio degli studi o alla fine, non a metà”, ha affermato Coen.

L’esperta ha posto l’accento sul fatto che gli “Usa sono diventati un esportatore di gas, anche verso l’Europa”. Pertanto, “se non è utile per gli Usa, bisogna domandarsi se non lo sia neanche per altri”, ha aggiunto, ipotizzando che Washington “non avrebbe preso la stessa decisione il 2 marzo” rispetto a quella presa il 2 gennaio. Per Coen, “l’Italia e l’Europa dovrebbero dire agli Usa: ‘Noi siamo dipendenti dalla Russia, mentre voi siete autosufficienti dal punto di vista energetico, mentre noi no. Quindi aspettiamo la fine degli studi di fattibilità e vediamo cosa fare per diversificare le nostre fonti di energia”. Infine, l’analista ha evidenziato l’aspetto ambientale della potenziale costruzione del gasdotto EastMed. “I gasdotti producono meno emissioni rispetto all’Lng, quindi il gas trasportato con i gasdotti è più in linea con l’energia pulita”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

donald trump

Usa: oggi le primarie repubblicane in Carolina del Sud, Trump strafavorito su Haley

L'ex ambasciatrice alle Nazioni Unite spera in una prestazione migliore del previsto nel suo Stato d'origine, tuttavia i sondaggi attribuiscono all'ex presidente Usa un vantaggio medio a livello statale di circa 30 punti percentuali

La dichiarazione finale del summit di Kiev: ecco i punti principali

I Paesi del G7 chiedono alla Russia “di cessare immediatamente la sua guerra di aggressione e ritirare completamente e incondizionatamente le sue forze militari dal territorio internazionalmente riconosciuto dell’Ucraina”

Draghi alla riunione Ecofin: “Confronto con i ministri sul tema della competitività Ue”

La relazione esaustiva di Draghi è attesa per la fine di giugno. Successivamente, il Consiglio di economia e finanza "elaborerà ulteriormente e metterà in atto le soluzioni individuate"

Niger: la Cedeao annuncia la revoca delle sanzioni “con effetto immediato”

La decisione, ha affermato il presidente della Commissione Cedeao, Omar Alieu Touray, è stata presa “per motivi puramente umanitari” e per alleviare le sofferenze causate alla popolazione nigerine

Il corpo del dissidente russo Navalnyj è stato consegnato alla madre

La donna si trova ancora a Salekhard. I funerali sono ancora in sospeso

Altre notizie

Gaza: lunedì Israele consegnerà alla Corte dell’Aia il rapporto sulle misure per prevenire il genocidio

Il documento redatto dal ministero degli Esteri e della Giustizia si concentrerà sull'ordine di "prevenire e punire l'incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio", di adottare misure immediate per "consentire la fornitura di servizi di base"

Cortei a Pisa, Mattarella a Piantedosi: L’autorevolezza delle forze dell’ordine non si misura sui manganelli

Le parole del Capo dello Stato fanno seguito agli eventi di Pisa dove si sono verificati scontri durante un corteo studentesco contro la guerra a Gaza

Gaza, “Axios”: Il nuovo piano di accordo prevede sei settimane di tregua e il rilascio di 40 ostaggi

La proposta, elaborata durante i negoziati avvenuti ieri a Parigi, in Francia, prevede anche la liberazione di centinaia di prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane
houthi mar rosso

Mar Rosso, Centcom: “Possibile disastro ambientale causato da una nave mercantile colpita dagli Houthi”

L’attacco alla nave Rubymar rappresenta il danno più significativo mai inflitto a una nave commerciale da quando gli Houthi hanno iniziato a sparare sulle navi a novembre come forma do rappresaglia contro l'offensiva israeliana a Gaza

Ucraina: Zelensky, Meloni e gli altri leader depongono corone di fiori al Muro del ricordo – video

Situato nei pressi del complesso di San Michele, il Muro del ricordo dei caduti per l’Ucraina rappresenta una delle più toccanti testimonianze riguardanti il conflitto